Saguto e Papa espulsi dall'Anm | La decisione all'unanimità - Live Sicilia

Saguto e Papa espulsi dall’Anm | La decisione all’unanimità

Silvana Saguto e Alfonso Papa

Il voto del Comitato direttivo centrale, il parlamentino delle toghe.

LE MOTIVAZIONI
di
10 Commenti Condividi

ROMA – L’ex presidente della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, Silvana Saguto, finita sotto inchiesta a Caltanissetta, e Alfonso Papa, ex deputato del Pdl, oltre che magistrato, sono fuori dall’Anm. La decisione del collegio dei probiviri è stato ratificata all’unanimità dal Comitato direttivo centrale, il parlamentino delle toghe.

Quanto a Saguto i probiviri fanno notare che, nonostante l’invito a presentarsi davanti al Collegio per rendere dichiarazioni ritenute “opportune”, ha invece “fatto pervenire una memoria difensiva con la quale chiedeva il rinvio della trattazione a data da destinarsi”. Da qui la decisione di proporne l’espulsione, approvata oggi.

Per quel che riguarda Papa, l’Anm osserva che il magistrato, “più volte invitato a comparire per essere sentito e/o produrre documentazione a discolpa, di fatto non si è mai presentato”. E considerato che “dagli atti acquisiti emerge un comportamento lesivo dei doveri di indipendenza, imparzialità e correttezza” e rilevate “condotte di eccezionale gravità sotto il profilo etico”, anche in questo caso è stata decisa l’espulsione da Anm. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    che pena pesante cge hanno inflitto…in ITalia non si scherza chi sbaglia paga e la.legge è uguale per tutti

    Noooooo. Che pena esempare!

    Certo la carta dopo anni ha partorito il topolino con quello che ci avete fatto sentire e vedere da cittadino posso dire che non credo più nelle istituzioni?

    Peccato due brave persone anzi anche belle e simpatiche non meritavano tale pena.
    La giustizia a volte non la si capisce bene.

    Credo che sarebbe stato peggio togliergli la tessera del CT1…..

    Il fatto é che i tanti corrotti in Sicilia continuanoa fare i loro comodi e restano impuniti, e questo incoraggia ancora di piu’ la corruzione, lo sfruttamento ai fini personali e di gruppo delle finanze della Regione Siciliana, invece di usarle, le finanze, ai fini del bene della collettività.
    Un cancro che va curato come quelo degli esseri viventi, amputando le parti malate.

    I Siciliani speravano che Crocetta fosse il medico curante di questo cancro, invece egli si é dimostrato peggiore di tutti e, peggio ancora, ha fatto piu’ male perché ha occupato un posto di grande potere.

    Se la legge non riesce a punire severamente i corrotti ed i disonesti, che usano la Regione Siciliana come una vacca da mungere, la corruzione aumenterà sempre di piu’ e la Sicilia resterà in fondo al baratro del sottosviluppo e della tragica alta disoccupazione.

    Domanda: Un normale cittadino che ignora l’invito a presentarsi in tribunale cosa avviene?

    che figuraccia per entrambi

    Ma l’anm non c’ entra nulla col processo

    Giusto per capire l’ANM (associazione nazionale magistrati) è più o meno un sindacato nulla di più!
    In pratica hanno semplicemente “perso” una tutela sindacale! Il processo come scritto da Nonsi è ben altra cosa e non è neppure iniziato!!! siamo ancora in una fase di indagine o poco più! Purtroppo il sequestro preventivo usato in un certo modo ha creato più mostri che vantaggi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *