Schifani e il ‘Musumeci bis’, l’incubo di Miccichè...

Schifani e il ‘Musumeci bis’, l’incubo di Miccichè…

L'elogio del candidato del centrodestra non può lasciare tranquillo il proconsole forzista.
LE ELEZIONI IN SICILIA
di
12 Commenti Condividi

“Erediterò un buon governo e non avrei mai accettato questo incarico se non avessi avuto la certezza di trovare la condivisione interiore da parte del presidente Nello Musumeci, perché quando si ama la propria terra, non ci si può dividere e se la politica paralizza la propria terra, allora sbaglia. Proseguiremo l’azione del governo Musumeci, questa sarà la mia linea, anche nella sanità, settore in cui l’assessore Razza ha fatto benissimo. In Sicilia è stato fatto tanto e con il presidente Musumeci avete gestito una fase difficile come la pandemia. Nel doveroso silenzio istituzionale che mi impone la mia figura di presidente emerito del Senato, sono stato vicino in quella fase difficile sentendo spesso sia il presidente Musumeci che l’assessore Razza. E se sarò eletto la prima persona che chiamerò sarai tu, Ruggero, per comprendere meglio ed avere un quadro sui temi del Pnrr, una scommessa che non possiamo perdere”. Parole di Renato Schifani, candidato presidente, in Sicilia, del centrodestra. Pronunciate dove? Alla convention dell’assessore Razza, presente il governatore uscente, Nello Musumeci.

A quel punto, dopo un simile apprezzamento, i pensieri di tutti si saranno rivolti, all’istante, a Gianfranco Micciché. Andiamo per immaginazione, forse, non lontana da un’ipotesi verosimile. Gli antipatizzanti avranno sorriso, beffardi. I simpatizzanti avranno cominciato ad avvolgersi, irrequieti, intorno a domande spinose. Ma come: Gianfranco ha fatto tanto per mandare via Nello e adesso c’è Renato che elogia il predecessore e a lui si ricollega, quasi per annunciare, in caso di elezione, con le sue peculiarità, si capisce, un ideale Musumeci bis? Ma come, ci siamo sgolati – penseranno i miccicheiani di complemento e in servizio permanente effettivo – per dire che Nello non era cosa e adesso Renato ne tesse l’elogio pubblico? Ma come, sappiamo tutti che, intorno alla ridotta della Sanità si combatterà una battaglia campale e Renato elogia Ruggero (Razza) in un modo che non chiude le porte a un eventuale ritorno e che segna, per ogni occasione, un modello?

Inquietudini che ci possono stare e che non devono nemmeno scandalizzare chicchessia. La politica, in Sicilia, come a Honolulu, si gioca così, con le pedine sul tavolo. E vince sempre il più forte. Il più forte – fino a ieri – poteva sembrare davvero Gianfranco Miccichè, perenne proconsole berlusconiano nell’Isola, che aveva trionfato nella sua crociata anti-musumeciana, chiedendo discontinuità e sbarrando il passo alla ricandidatura di Musumeci. Ma adesso? Adesso c’è un candidato che batte le mani a Nello e a Ruggero che, per Gianfranco, sono come il fumo negli occhi. Una sorta di incubo, se visto con gli occhi del Miccicheismo.

Un incubo, sì. Proviamo a fare due conti. Se vincerà Renato Schifani, Gianfranco Miccichè troverà a Palazzo d’Orleans un inquilino che ha già sottolineato la sua vicinanza all’esperienza precedente, tanto avversata. Se Renato Schifani perderà, indovinate a chi daranno la colpa? Proprio a chi ha sbarrato il passo al ‘Musumeci ricandidabile’ e forte, comunque, della popolarità su cui un presidente della Regione può, nel bene o nel male, contare. Il nome e il cognome del potenziale capro espiatorio sono già noti. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Massimo rispetto per tutti i candidati alla Presidenza della Regione Sicilia, ma spero tanto che i siciliani mettano alla prova Cateno De Luca.

    Musumeci lo rimpiangeremo per molto tempo, a destra come a sinistra, sempre che ci sia differenza.

    Che poi gente che dice che la sanità siciliana va bene vive fuori dal mondo ed è pericolosa.

    In Sicilia il peggiore è Miccichè e sarebbe opportuno che Berlusconi lo ridimensioni e lo tolga dalla scena politica siciliana almeno.

    Speriamo che perda.

    Se Schifani è un Musumeci camuffato meglio votare De Luca

    Micciche’ non aspetterebbe questa volta 5 anni per buttare fuori un Schifani inadeguato.

    Eh si se si perde è colpa di Miccichè se si vince vince Schifani, che non è Miccichè! Per fortuna!

    Quando mai, l’incubo sarebbe il nostro! Continueremmo a subire direttamente o indirettamente Razza, assessore che nei momenti peggiori della pandemia di fatto ha lasciato Palermo con un solo pronto soccorso non Covid, non ampliandolo né reclutando altro personale sanitario, né impedendo che medici specializzati e con esperienza andassero via. Favorendo mezze misure: medici al primo anno di specializzazione che si sono avvicendati con medici con specializzazioni diverse usati da tappabuchi.
    E i malcapitati pazienti? La gran parte, nonostante il sistema Razza, ce l’ha fatta, qualcuno ne conserva i segni. E il ricordo? Quello sì, è indelebile, ma ti fa sentire un fortunato se pensi che ci potevi rimanere.
    Ah!, dell’incubo di Micciché non potrebbe importar di meno, dal momento che per lui, comunque vada, un posto al sole ci sarà: Palazzo Madama.

    L’importante è aver buttato fuori il politicamente disastroso ed eticamente riprovevole musumeci. Non ci potrà mai essere un presidente peggiore.

    Alla luce di quanto sta succedendo miccichè voterà De Luca

    Micciche ha stancato vuole comandare su tutto e tutti, perché non si candida lui a presidente? Paura di perdere malamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *