Schifani in Sicilia, il peso medio che piace al centrodestra

Schifani in Sicilia, il peso medio che piace al centrodestra

Il centrodestra crede nella svolta. Ma le incognite non mancano.
LE ELEZIONI REGIONALI
di
11 Commenti Condividi

“Ho sempre anteposto gli interessi della mia terra a qualsiasi ragionamento politico personalistico e anche stavolta ho agito nello stesso modo! Ho scelto la Sicilia #InSiciliaPerLaSicilia”. Ieri, con un tweet munito di regolamentare hashtag, Renato Schifani ha sancito il suo ingresso nella campagna elettorale per Palazzo d’Orleans. Lo ha fatto con il consueto passo istituzionale, felpato e accorto. Tutto è misurato e prudente alle sue latitudini. Ecco perché l’ex presidente del Senato, nella presente disfida, può essere definito un peso medio. Anche nel senso della posizione, considerato che dovrà barcamenarsi in mezzo alle richieste di tutti che saranno, almeno, sicuramente ascoltate. Quei tutti, infatti, con le liste e il trascinamento del voto, hanno in mente di portarlo alla presidenza della Regione. E – stando alle voci che diffondono – sono abbastanza sicuri di riuscirci.

Schifani si è trovato nelle tenzone, un po’ come il tenero Giacomo della Settimana Enigmistica. Sì, l’omino con il cappello che rimandava, invariabilmente, all’ultima pagina per giustificare la sua improvvisa presenza un po’ rarefatta e inattesa, nella concitazione dei fogli. Ma, infine, ogni aspettativa riceveva soddisfazione. Così, come uno che arriverà, deve guardarlo il suo popolo partitico. Come uno che navigherà senza intoppi, non innalzando muri, ma creando sentieri. Che, in politica, significa condividere decisioni, strapuntini legittimi e corrispettivi posti al sole. Certo è che la carta è stata giocata all’ultimissima mano, con un senso di precarietà che si va solidificando nella convinzione di una vittoria vicina.

“L’ho visto all’Ars – racconta qualcuno che occupa un posto di primo piano, anche lui cauto nel non scoprirsi -. Siamo partiti. Schifani vincerà perché è un ottimo candidato, per le liste e per l’effetto trascinamento delle politiche che vedranno il trionfo del centrodestra. Siamo esattamente nello schema che ha portato Roberto Lagalla a diventare sindaco di Palermo. Il centrosinistra era partito in vantaggio, ma, proprio come a Palermo, si è perso per strada”.

E Nello Musumeci? Chi gli è vicino dice che il presidente sta vivendo ancora i giorni della cocente delusione, per non potere concorrere per un bis che considerava intoccabile. Tuttavia, anche a lui la candidatura di Schifani piace moltissimo; la sente sua, tanto che l’ha battezzata in una chiacchierata con LiveSicilia.it con un post su Facebook di qualche giorno fa: “Ho ricevuto in serata una piacevole telefonata da Renato Schifani. Gli ho rinnovato il sentimento di amicizia e stima che ci lega da tanto tempo. L’ho ringraziato per avere sempre difeso le ragioni del mio governo, in coerenza col suo profilo istituzionale. Siamo stati i primi, con Fratelli d’Italia, a proporre ieri il suo nome e saremo leali con lui anche in questa non facile ma esaltante competizione elettorale regionale”. Da lì, insomma, non verranno brutte sorprese.

Tutto a posto, dunque, nella narrazione di chi si sforza di spiegare che Renato Schifani è già il presidente della Regione in pectore? Niente affatto. Quella di Caterina Chinnici resta una candidatura di spessore, con buone carte, a sua volta, da giocare. Cateno De Luca combatterà, senza cedere, fino all’ultima preferenza. Rimane da valutare l’impatto del competitor terzopolista, Gaetano Armao. E poi stiamo pur sempre parlando del centrodestra, lì dove quello che ieri era vero potrebbe non esserlo domani (semicit). Ecco perché l’ultima pagina sembra ancora molto lontana. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Deve solo stare attento a mantenere a debita distanza il suo nemico: Micciche!
    Peraltro ormai odiato dalla gente.

    Più che peso medio è stato messo lì per essere una grande zavorra.

    Candidatura Schifani agevolerà la vittoria della Chinnici. Se i siciliani avranno un minimo di discernimento non potranno avere dubbi !!!

    Musumeci no!
    Schifani si!
    Mi sa che questa è la volta di Cateno Deluca.
    L importante non avere fra le scatole Micicche’. E già che è fuori dalle palle!

    Il peso PIUMA che piace tanto all’elettorato BAVOSO….

    Mi auguro che Renato Schifani tenga a distanza Toto Cordaro e Saverio Romano che hanno dimostrato l’assoluta inefficienza ed incapacità amministrativa.

    mi sa che la guerra la vince a piede libero il buon cateno de luca…. i restanti altri due sono facce belle in posti brutti, il 4° che sarebbe armao neanche lo considero… una volta cabbana di tutto irrispetto… vergogna

    Oltre che disinformato mi sembra piuttosto livoroso e in mala fede.

    Persona seria ed equilibrata, ben venga Schifani presidente!

    Con Schifani sarà la fine dell’attuale centro destra siciliano. Non abbiamo per chi votare, uno peggio dell’ altro.

    che vergogna 20 mila euro al mese di appannaggio da ex presidente del senato calato dall’alto alto non gli bastano ; non ha mai fatto nulla per la sua sicilia se non le attività clientelari per i suoi amici di partito
    che pena averlo presidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.