Sciacca, l'incredibile truffa della pepita che era un sasso

Sciacca, l’incredibile truffa della pepita che era un sasso

Ecco che cosa è successo.
LA DENUNCIA
di
1 Commenti Condividi

SCIACCA- Si aspettava di ricevere una pepita d’oro, ma gli è stata data una pietra senza valore che ha acquistato per 6.700 euro. I carabinieri a Sciacca (Agrigento) indagano per risalire all’identità di 3 uomini che, secondo la denuncia presentata da un anziano, hanno organizzato la truffa. La vittima del raggiro è stata fermata in strada con la proposta di concludere un affare ad un prezzo di occasione.

Mentre uno loro della banda parlava con l’anziano, gli altri due hanno organizzato una messinscena, avvicinandosi e fingendo lo stesso interesse per quella possibile compravendita. Il saccense ha così prenotato l’acquisto, allontanandosi per recuperare il denaro in banca per “comprare” quella che riteneva una pepita d’oro. Solo più tardi ha capito di essere stato truffato e si è rivolto ai carabinieri. (ANSA).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Questo è niente se consideriamo che in Italia ci sono persone che con estrema leggerezza, per non usare altri termini, versano milioni di euro ad improvvisati consulenti finanziari che proponendo investimenti in inesistenti miniere di diamanti o filoni auriferi scoperti in luoghi esotici poi fuggono regolarmente con il malloppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *