Imprese a rischio fallimento: tre province siciliane preoccupano

Imprese a rischio fallimento: tre province siciliane preoccupano

L'Ufficio studi della Cgia di Mestre indica le cause
LA STATISTICA
di
1 Commenti Condividi

L’Ufficio studi della Cgia di Mestre segnala il rischio che dal prossimo autunno torni ad aumentare il numero di fallimenti delle imprese. E ci sono tre province siciliane nell’elenco delle zone particolarmente a rischio.

Molte attività commerciali e produttive rischiano di dover portare i libri in tribunale: caro energia/carburanti, impennata dell’inflazione, impossibilità di cedere i crediti acquisiti con il superbonus 110% e mancati pagamenti della pubblica amministrazione nei confronti dei propri fornitori fra i fattori più rilevanti.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso – riferisce la Cgia – anche nei primi cinque mesi di quest’anno il numero dei fallimenti è in calo (-20,6%). In termini assoluti sono stati 3.133 gli imprenditori che hanno portato i libri in tribunale (-815 rispetto allo stesso arco temporale del 2021).

I settori più a rischio sono il commercio e l’edilizia che, in questa prima parte dell’anno, hanno registrato rispettivamente 722 e 577 “chiusure”. Sempre in questa prima parte del 2022, a livello regionale solo la Liguria ha visto aumentare il numero di fallimenti; tutte le altre, invece, sono in deciso calo.

A livello provinciale, infine, preoccupa la situazione di Verbano-CusioOssola, Latina, Ragusa, Trapani e Siracusa. Negli ultimi 10 anni, comunque, il numero massimo di fallimenti si è registrato nel 2014 (14.735 casi). Dopo di che, c’è stata una progressiva riduzione che si è arrestata nel 2020 (7.160 casi).


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma nel settore edilizia tutte le miriadi di imprese, spesso composte da singole persone senza alcuna esperienza e nate ultimamente a seguito della forte richiesta per lavori di ristrutturazione a seguito del bonus 110% targato 5 stelle, sono dotate di Certificazione SOA ovvero l’attestazione di qualificazione (almeno quella con la minore classificazione I fino a euro 258.000)?…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.