Sicilia, l'osceno spettacolo del centrodestra

Sicilia, l’osceno spettacolo del centrodestra

Gli ultimi mesi della coalizione sono stati penosi.
ELEZIONI REGIONALI
di
10 Commenti Condividi

Ma davvero questo centrodestra isolano, con il suo tutor nazionale, ha il coraggio di affermare di avere le carte in regola, mentre scorrono le immagini del suo caos, con i sottotitoli? Magari tra qualche ora Miccichè, Minardo – e, perché no? Musumeci -, La Russa etc etc.. e Meloni e Salvini e Berlusconi, ri etc etc… saranno immortalati in una foto di reciproci sorrisi per celebrare la ritrovata unità e il nome del candidato presidente della Regione.

E avranno, comunque, un’ampia possibilità di vincere, perché tempi, sondaggi e umori concorrono nel disegnare uno scenario prevedibile. Tuttavia, niente cancellerà l’osceno spettacolo di ripicche e rancori imposto ai siciliani, oltretutto, spacciato per politica. E poi: quale idea hanno, costoro, della Sicilia? Cosa pensano che vada fatto o che non vada fatto? In quale direzione andranno, che ancora non è data sapere, visto che la sfida è tutta incentrata sul braccio di ferro per Palazzo d’Orleans?

Eppure, si pensava di non dovere rivedere una sceneggiatura sgangherata come quella che ha preceduto l’elezione del sindaco Roberto Lagalla a Palermo, in un dedalo di sopracciglia alzate, veti incrociati e pugnalate mascherate. Avranno imparato – si pensava -, stavolta saranno un tantino meno scriteriati. Invece, rieccoli qui, a centellinare, ogni giorno, gocce di bile e di rancore. E si capisce che è il potere l’elemento centrale di ogni discorso. Parafrasando: non chiederti cosa puoi fare per la tua terra, chiediti, piuttosto, quale poltrona occuperai e datti rapidamente una risposta…

Nello Musumeci non era più da ricandidare? Benissimo, ma sia data una spiegazione politica, non una radiografia delle lotte intestine e diteci chi avrebbe fatto meglio al posto suo. Nello Musumeci era da ricandidare? Benissimo, ma mettete in fila i fatti oggettivi di una presidenza, perché la mozione partigiana degli affetti è umanamente gratificante, però non rappresenta un dato politico.

Niente di tutto questo. Anzi, niente di niente. Solo uno stridente rumore di sottofondo in cui non si capisce nulla, se non che i protagonisti della storia non si sopportano, vicendevolmente. Nessuna ritrovata concordia di cartapesta cancellerà le brutture degli ultimi mesi. E hanno il coraggio di chiamarla politica. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    Infatti questa non è Politica, è altro

    E in Regione già i funzionari prenotano un posto negli uffici di gabinetto, cosa che col centro-destra è prassi, quando è stato eletto Crocetta invece non lo è stato.

    Destra uguale poltrone, tale e quale ai tempi della prima Repubblica.

    Semplicemente: non meritano il voto

    Forza Italia e lega sono favorevoli all’autonomia differenziata, i fratelli tacciono perché la barattono per il presidenzialismo. Sapete cosa significa? Regioni ricche sempre più ricche e sud abbandonato. Anche una parte del PD e favorevole. Un Siciliano dovrebbe votare altro, questi personaggi hanno avuto la loro possibilità! SVEGLIA

    Sono dell’avviso che Forza Italia è ancora in tempo, grazie alla persistente incomunicabilità che vi è in Sicilia con Fratelli d’Italia di rompere sia a Palermo che a Roma e presentare un candidato alternativo a quello che proporrà Frateli d’Italia in Sicilia, anche se si dovesse perdere e rompere anche a Roma ed allearci on CALENDA E RENZI. Cos^ facendo spazzeremmo via in un sol colpo la MELONI.

    Splendido ed incisivo articolo

    Non voterei un presidente di regione fi per nulla al mondo. Troppo prepotenti,incompetenti,lascivi.

    Se definite osceno lo spettacolo offerto dal centro-destra allora come definireste quello delle alleanze di Letta (gli manca solo di allearsi con il demonio) o dell’accordo (del tutto disinteressato) fra Calenda e Renzi?……..

    ma di cosa vi stuoite? sono anni che fanno così. Parlano dei 5 stelle ma i veri cappati di casa sono loro

    Fanno proprio pena..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.