Sicilia, lo sfascio dei pronto soccorso: allarme dei medici, "adesso basta"

Sicilia, lo sfascio dei pronto soccorso: allarme dei medici, “adesso basta”

In un documento la descrizione impietosa della situazione
"GIRONI INFERNALI"
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – I pronto soccorso siciliani sono in ginocchio. I medici scappano dalle aree di emergenza divenute dei gironi infernali. E i giovani non hanno alcuna intenzione di lavorarci. C’è un vuoto di 372 camici nelle piante organiche. Le strutture sono al collasso. Il Covid ha solo acuito una situazione che va avanti da anni.

Il 18 giugno si sono riuniti i primati dei pronto soccorso siciliani per confrontarsi “sul drammatico momento”. Ne è venuto un documento che fotografa lo sfascio, girato all’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza. File interminabili e pazienti costretti a rimanere ore in barella: sono l’immagine di una sanità incapace di assistere i siciliani.

Ci vorrebbero 786 medici ed invece in servizio ce ne sono 414, assunti a tempo indeterminato o con contratto a termine.

“Il sistema dell’emergenza negli ultimi 20 anni si è dovuto adattare a nuove esigenze: risposte assistenziali qualitativamente e quantitativamente più elevate – si legge nel documento -. Purtroppo non vi è stato un adeguamento alle nuove esigenze in termini di infrastrutture, di formazione e di risorse organizzative in grado di compensare i tagli, spesso lineari, della spending review”.

I tagli hanno fatto sì che ci si trovi di fronte a “un sistema dell’emergenza-urgenza cronicamente in
affanno, carente di risorse, non in grado di erogare risposte adeguate e per nulla attrattivo per i
giovani medici”. Risultato: i camici bianchi fuggono dai pronto soccorso, i giovani disertano i concorsi a tempo indeterminato banditi.

In Sicilia va peggio che nel resto d’Italia dove mancano oltre 4 mila medici degli 11 mila previsti e al ritmo attuale di 100 dimessi al mese, gli organici saranno abbondantemente al di sotto del 50% entro il 2025.

“Una ricognizione appena effettuata fa emergere dati sconcertanti – scrive ancora il Coordinamento siciliano – in tutti i pronto soccorso si registra una carenza di medici. In alcune realtà è addirittura presente un solo medico strutturato e i turni sono in gran parte coperti da medici dell’Emergenza Territoriale o da medici ‘precettati’ da altri reparti. Nella fuga o nella diserzione dalle aree di emergenza incide soprattutto un carico di lavoro che non ha pari tre le discipline ospedaliere e che peggiora esponenzialmente nelle condizioni di cronico sovraffollamento, condizionando una notevole esposizione degli utenti a livelli di rischio clinico incontenibili con alta probabilità di eventi avversi, anche gravi”.

Il clima si fa pesante nei reparti. La cronaca va di continui aggiornata con casi di aggressioni.

I quaranta firmatari del documento mettono sul piatto delle proposte: mantenere in servizio oltre il 31 dicembre i medici che hanno contribuito a sopperire alle carenze durante la pandemia; favorire il più possibile l’impegno degli specializzandi; modifica transitoria della normativa vigente che consenta anche a chi non ha la specializzazione di accedere al lavoro in pronto soccorso; congrui incentivi salariali; profonda rimodulazione del sistema anche con la chiusura di quei presidi territoriali che non rispondono ai requisiti regionali (3000 accessi annui); precettazione dei medici di altri reparti per la copertura dei turni in pronto soccorso”.

La politica faccia qualcosa. I medici lanciano l’allarme contro lo sfascio. Il Covid è stato il colpo di grazia di una sanità pubblica che mostra il suo volto peggiore nei pronto soccorso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Scusate cari medici ma in Italia abbiamo Roberto Speranza migliore super ministro della salute del governo dei super migliori guidato dal migliore di tutti ovvero Super Mario Draghi. Perchè non interessate direttamente lui anche tramite le vostre organizzazioni sindacali? Quantomeno per avvertirlo che contrariamente a quello che dicono sia lui che il super governo al quale appartiene la sanità in Italia è proprio allo sfascio……..

    Aggiungo perchè non rivolgersi al Presidente della Repubblica garante del diritto alla salute dei cittadini che non hanno in relazione allo sfascio della sanità siciliana.

    La responsabilita’ della sanita’ e’ esclusiva competenza regionale.Chieda ai suoi amici Musumeci e Razza.

    Infatti i “primati” dei pronto soccorsi se ne sono lavati le mani…

    Mandataci intanto qualche medico della Fiera

    Dobbiamo mandare soldi all ucraina, il boss americano vuole cosi

    Diciamo che tanta colpa è dell’incapacità di chi gestisce il personale che ci lavora, quindi in questo caso dei caposala che riescono ad anteporre interessi personali o di parte, agli interessi collettivi, sia comunitari della popolazione che dovrebbero essere curate in modo dignitoso, sia della parte sana del personale che ci lavora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.