Zia Lisa, tubi speciali per far sparire la droga: arrestato - Live Sicilia

Zia Lisa, tubi speciali per far sparire la droga: arrestato

Le modifiche erano in una casa disabitata; in una seconda, sono stati sequestrati 230 grammi di marijuana
CARABINIERI
di
0 Commenti Condividi

Catania. Un pregiudicato di 43 anni è stato arrestato per spaccio dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa. L’arresto è avvenuto nonostante le cautele particolari dell’uomo, che avrebbe modificato lo scarico del water con tubi maggiorati per disfarsi rapidamente della droga, in caso di arrivo delle forze dell’ordine.

L’uomo era già stato arrestato dai carabinieri a marzo dell’anno scorso, quando lo avevano catturato nell’ambito di un’operazione antidroga: le sue impronte erano su una busta contenente un chilo e duecento grammi di marijuana. Anche in quel caso – quando fu catturato grazie all’intervento della Sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale di Catania – l’arresto era avvenuto in via San Jacopo, a poche centinaia di metri dalla Zia Lisa.

Per questo i carabinieri hanno continuato a tenerlo d’occhio, convinti che avrebbe rischiato di ricadere nello stesso reato. Sono partiti così gli appostamenti, nel corso dei quali lo hanno visto fare più volte la spola di corsa tra due palazzine, indossando sempre dei guanti in lattice, forse memore del suo pregresso “errore” che gli era costato il carcere: stavolta niente impronte. Questo però non ha fatto altro che insospettire ulteriormente i carabinieri, che ieri sono entrati in azione dopo averlo visto entrare in un appartamento disabitato di uno dei due palazzi, da cui promanava un forte odore di marijuana. Era assieme a due persone, che i militari sospettano essere acquirenti.  

Immediata è scattata la perquisizione, che ha consentito di accertare prima le modifiche allo scarico del water, con l’istallazione di tubazioni maggiorate, utili per disfarsi della droga attraverso la rete fognaria in caso di eventuali interventi delle Forze dell’Ordine. Poi, nel secondo edificio – dove era stato visto entrare poco prima – sono stati recuperati nove involucri contenenti circa 230 grammi di marijuana in tutto. Per questo lo hanno arrestato e infine, su disposizione della Procura di Catania, tradotto a casa ai domiciliari.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *