Strage di Ustica, in un esposto ipotesi bomba: "Depistaggio"

Strage di Ustica, in un esposto ipotesi bomba: “Depistaggio”

Un'associazione chiede l'intervento della magistratura e provoca l'indignazione dei parenti delle vittime
IL CASO
di
3 Commenti Condividi

Un esposto alla Procura di Bologna sulla strage di Ustica, in cui si ipotizza la presenza di una bomba a bordo, provoca la reazione indignata dei parenti delle vittime.

Il 27 giugno del 1980 morirono 81 persone a bordo del DC9 Itavia, decollato da Bologna e diretto a Palermo.

La richiesta di sequestro

Sequestrare il relitto di Ustica per sottoporlo a nuovi accertamenti tecnico-scientifici. Sarebbe questa, secondo quanto riporta il Resto del Carlino, la richiesta avanzata con un esposto alla Procura di Bologna dalla presidente dell’associazione ‘Per la Verità su Ustica’ firmata da Flavio Bartolucci.

“Bomba a bordo”

“Gli accertamenti tecnici nella fase istruttoria e confermati in fase dibattimentale – si legge nell’esposto – hanno consentito di accertare che l’unica ipotesi tecnicamente sostenibile era quella dell’esplosione interna attribuibile a una bomba”.

Da qui la richiesta di sequestro del relitto, che è stato ricomposto in un’installazione artistica di Christian Boltanski ed esposto al Museo della memoria di Ustica. L’associazione terrà oggi un convegno a Bologna, al quale parteciperanno l’ex ministro Carlo Giovanardi e altri esponenti che si sono occupati del caso.

L’indignazione dei parenti delle vittime

“Provocazioni, depistaggi e menzogne”. I familiari delle vittime, attraverso la presidente Daria Bonfietti, definiscono così l’esposto presentato dall’associazione per la Verità su Ustica che oggi terrà un convegno a Bologna.

“Si parla di sequestro – dice Bonfietti – senza sapere che il relitto del dc9 è al Comune di Bologna in affidamento giudiziario e quindi a disposizione sempre della magistratura, osservando anche che è la Procura della Repubblica di Roma che sta, come detto, indagando e quindi è referente di ogni possibile istanza. Poi si continua a parlare di documenti secretati e voglio informare che proprio in questi giorni sono stati depositati in libera consultazione all’archivio centrale dello Stato tutti quei documenti sui quali in questi anni si erano sviluppate pretestuose polemiche. La perizia sulla bomba che si continua a citare è una perizia rigettata, con dettagliate motivazioni, dagli stessi inquirenti che l’avevano commissionata per le loro indagini”.

“Perché non ne hanno parlato prima”

“Personalmente – prosegue Bonfietti – mi pare doveroso chiedere ai militari, così convinti oggi della bomba perché di bomba non si è mai parlato nei tempi dovuti (ricordo che i vertici Aeronautica sono andati a processo per aver sostenuto il cedimento strutturale), e in generale, perché continuare a far riferimento a Cossiga quando da lui parte proprio la denuncia dell’abbattimento”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    L’aereo viaggiava con forte ritardo pertanto l’ipotesi di un ordigno a bordo è stata più volte esclusa in quanto lo stesso, proprio a causa del ritardo, sarebbe esploso mentre l’aereo era ancora a terra all’aeroporto di Bologna. Gli attentati con utilizzo di bombe ad orologeria richiedono uno scrupoloso rispetto dei tempi……

    Solidarietà ai familiari delle vittime della strage di Ustica, giustamente indignati contro la depistante ipotesi della bomba.

    Ancora? Avete dimostrato più volte che non volete conoscere la verità quindi,abbiate rispetto almeno dei parenti a cui rinnovate il dolore con le fregnacce già sentite in tutti questi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.