Strategie e voti: la "caccia" di Sammartino, Sudano e Salvini - Live Sicilia

Strategie e voti: la “caccia” di Sammartino, Sudano e Salvini

Non è un semplice cambio di casacca. C'è qualcosa in più dietro il passaggio nella Lega dei due renziani
L'ANALISI
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Il banco è saltato. Con l’addio di Sammartino e Sudano a Italia Viva di Renzi e il loro approdo alla Lega, non si assiste, come molti pensano, a un banale cambio di casacca e la notizia, per chi mastica bene la politica, non può essere letta, semplicisticamente, in un quadro di provincialissima scelta.

La mossa, infatti, quella dei due parlamentari, per chi non l’avesse ancora capito, è degna strategia di un giaguaro, tipica del felino che ha già scelto la sua preda, ma che ama cacciare in silenzio, basso e paziente, nascosto dentro una fitta vegetazione.

Panorama politico

E i due “giaguari” studiavano da tempo il loro terreno di caccia, senza tavoli, senza paccheri o spigole, osservando, da perfetti felini, lo scenario nazionale, la sua evoluzione e con l’obiettivo, al momento giusto, di entrare in scena per cambiare totalmente la geografia della politica regionale in Sicilia.

Insomma, possiamo azzardare oggi che il “banco” è saltato. E non solo in area di centrodestra dove ogni formazione locale stava già facendo i conti a tavolino. I due parlamentari, in un colpo solo e d’accordo con il leader ex sovranista, ex antieuropeista, ex padano incallito, hanno spiazzato tutti. E adesso sono in molti a preoccuparsi. Anche quelli più vicini. I due ex renziani, dal podio leghista, scuoteranno da oggi in poi, come una forte scossa tellurica, tutti coloro che localmente avevano in testa un quadro ben meno ambizioso.

Il quadro politico

Ma delineiamo il quadro, cosa succederà in pratica? Innanzitutto, il centrosinistra andrà a restringersi. Perché se è vero che il Pd resterà saldo alleato dei 5Stelle di Conte, è anche vero che perde -anche se ufficialmente Italia Viva di Renzi resta- l’area centrista ex democristiana. Dall’altro lato, a destra, la guida passa a Salvini e Meloni i quali, forti delle loro percentuali, stanno già mettendo in pratica ciò  che, elettoralmente, è la migliore delle tattiche.

Da una parte la leader di Fratelli d’Italia, che non si sposterà da dove si trova, aggregando sempre di più coloro che non amano le annessioni e si stringono forte al petto la loro storia d’appartenenza, dall’altra Salvini che diverrà, ormai pare chiaro, il leader di un “partito unico” del centro-destra, una sorta di Pdl di berlusconiana memoria. Lui, a capo di una coalizione che mette dentro tutte le anime e tutte le sigle dell’area di riferimento per tirare la volata delle regionali del 2022 ma, molto più lungimirante, per arrivare alle politiche del 2023 con una forza consolidata, testata in campo, compatta.

E Nello?

E che ne sarà a breve, del candidato presidente Nello Musumeci? In politica si sa, niente è da escludersi, ma basta guardare alle scelte più recenti di questo “partito unico” per capire che, se il candidato in Calabria è espressione della Meloni, difficilmente in Sicilia ci sarà spazio per un uomo di quel tipo di destra. Forza Italia o Lega docet. Nessuno, però, sottovaluti Nello: la storia insegna.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    posso capire e comprendere le strategie dei politici x i propri interessi . ma non capisco chi li votera’.

    Caro Roberto il voto è l’unico sistema attualmente disponibile in Italia per potere democraticamente cambiare le cose. E’ vero che in tanti lo fanno solo dietro raccomandazione o per premiare il politico che gli ha fatto ottenere qualcosa ma se uno è libero da questi condizinamenti può senzaltro dire la sua. E forse è proprio questo il motivo per il quale in Italia si vota così poco a differenza di altri paesi….

    Temo invece , Roberto , che in questo clima di revenche, li possano votare

    Vincano i migliori!

    Tutto questo nel nome del popolo siciliano, vero?

    Se se vediamo quanti voti prenderà con i nemici dei siciliani e quindi anche lui nemico!

    una valanga di voti ,i siciliani campioni del mondo di autolesionismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.