Sicilia, follia in strada: giovane accoltellato, un arresto- Live Sicilia

Sicilia, follia in strada: giovane accoltellato, è in gravi condizioni

La lite e il sangue. Un arresto per tentato omicidio nell'Ennese
NELL'ENNESE
di
1 Commenti Condividi

E’ stato colpito con tre coltellate tra il torace e l’addome a Leonforte, in provincia di Enna. Uno dei fendenti ha sfiorato il cuore. L’aggressore, un ventiduenne con cui aveva litigato in via Nunzio, una tangente del centralissimo corso Umberto, poi è scappato via senza aiutarlo ed è stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio. Adesso la vittima, un leonfortese incensurato di 18 anni, S.C., si trova ricoverato in prognosi riservata a Catania.

La ricostruzione dei fatti

I fatti, come detto, sono avvenuti in mezzo alla strada di sera. Una discussione animata, in una traversina del centro, tra due giovani: non si conosce il motivo della discussione, che a quanto pare sarebbe durata diversi minuti. Sta di fatto che a un certo punto il diciottenne è caduto a terra e l’altro ragazzo si è dato alla fuga. Nel giro di pochi minuti gli agenti del Commissariato di Leonforte, oltre a dare l’allarme, hanno interrogato i testimoni e risolto il caso, scovando e arrestando il presunto aggressore. Il coltello non è stato trovato.

Le indagini

La versione dei fatti del ventiduenne si conoscerà solo tra qualche giorno, quando il giovane, che è stato posto agli arresti domiciliari, comparirà di fronte al gip per l’udienza di convalida. In quella sede potrà scegliere se rispondere o meno, per provare a chiarire la propria posizione. Da quanto si apprende, agli investigatori avrebbe negato di essere l’autore dell’accoltellamento. Sta di fatto che testimonianze convergenti lo inchioderebbero sulla scena del ferimento. Ma l’indagine è tuttora in corso coperta dal più stretto riserbo. Le preoccupazioni principali ovviamente sono legate alle condizioni del ragazzo ferito, che sarebbe stato colpito da una pugnalata a ridosso del pericardio e per cui, fino a pochi minuti fa, i medici non avevano ancora potuto sciogliere la prognosi. CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    i giudici che con le loro sentenze facili, ed ingiuste non dovrebbero piu’ far parte della giustizia, che tornino a far gli avvocati come liberi professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.