'Tirocinio milionario a Villa Sofia"| Assolti ex vertici dell'ospedale - Live Sicilia

‘Tirocinio milionario a Villa Sofia”| Assolti ex vertici dell’ospedale

L'ospedale Villa Sofia di Palermo

Scatta il ne bis in idem. L'accusa era di peculato.

1 Commenti Condividi

PALERMO – I legali vincono il processo richiamando alcune recentissime sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo. La terza sezione penale del tribunale di Palermo ha assolto Salvatore Requirez, ex direttore sanitario di Villa Sofia, e Carlo Sitzia Carlo, direttore amministrativo dello stesso ospedale (difesi dagli avvocati Nino Caleca e Marcello Montalbano). Erano accusati di peculato (avvocati Marcello Montalbano e Nico Caleca). Reato che, secondo l’accusa, sarebbe stato commesso in concorso con gli amministratori della cooperativa sociale “Sintesi” di Monreale (difesi da Piero Capizzi) e con il direttore generale, Nino Bruno, deceduto nel corso del processo.

La vicenda traeva spunto dalla denuncia del battagliero sindacalista della Cgil, Antonino Frisina. Che puntò il dito contro la convenzione, ritenuta illegittima, stipulata dai vertici aziendali con la cooperativa per organizzare un tirocinio formativo per 150 lavoratori da impiegare nella sanificazione dei locali ospedalieri. Un’operazione costata a Villa Sofia quasi due milioni di euro.

L’accusa, dopo un lungo dibattimento aveva chiesto la condanna degli imputati a quattro anni di reclusione e la confisca per equivalente dell’intera somma spesa per il tirocinio.

Il Tribunale, dopo quattro ore di camera di consiglio, ha assolto gli imputati sulla base di alcune recentissime pronunce della Corte Europea dei diritti dell’uomo recepite dalla Corte costituzionale italiana che, come hanno spiegato gli avvocati Caleca e Montalbano, impediscono la celebrazione di un secondo processo per gli stessi fatti. Gli imputati, infatti, erano già stati giudicati e assolti in un precedente dibattimento.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma come si fa ad impiantare un altro processo a gente già assolta? E nel frattempo chissà quante vere magagne sono passate inosservate… SVEGLIA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.