Trapani, città sott'acqua: scuole chiuse VIDEO - Live Sicilia

Trapani, nubifragio: strade allagate e scuole chiuse VIDEO – FOTO

Il sindaco ai cittadini: "Restate a casa"
L'EMERGENZA
di
7 Commenti Condividi

Ha cominciato a piovere in maniera intensa attorno alle 4 e il temporale che si è abbattuto su Trapani ha continuato a imperversare fino a dopo le 8, trasformando in torrenti in piena le strade cittadine, con l’acqua che ha invaso piani terra ed esercizi commerciali. VIDEO

L’emergenza

Una situazione di emergenza che era stata preceduta appena qualche giorno addietro con un improvviso temporale che ha causato allagamenti in diverse parte della città, ma oggi la situazione è ancora più drammatica, con intere zone cittadine, anche centrali, come la via Fardella e le strade parallele, finite sott’acqua.

Allerta gialla

L’allerta gialla era stato già diffuso ieri dalla Protezione Civile, ma Trapani si è fatta trovare impreparata, con l’assenza, per esempio di vigili urbani per le strade, e quindi con gli automobilisti che si sono ritrovati in zone dove era impossibile continuare la marcia. Dal Comune di buon mattino è stato solo diffuso un avviso, sulle pagine social, che uffici e scuole erano destinate a restare chiusi e che veniva vietata la circolazione se non per ragioni di vera urgenza.

Le zone più colpite

A finire sott’acqua il rione popolare di Sant’Alberto, la zona del Palazzo Venuti, tra le vie Mattarella da una parte e conte Agostino Pepoli dall’altra, le vie attorno al cimitero, la zona del porto e quella dell’area industriale da via Libica sino alla via Virgilio, e poi la via Scontrino sino quasi a ridosso della piazza Stazione.

I sopralluoghi

Per fortuna non si registrano danni per le persone, conseguenze serie invece per parecchi negozi, esercizi commerciali, bar, che in queste ore stanno facendo i conti con l’acqua alta. Circolazione difficile anche sulle arterie esterne, molte sono state invase dal fango. In questo momento dopo la fine del temporale sono in corso i sopralluoghi da parte della Protezione civile e vigili del fuoco, mentre i tecnici del Comune sono alle prese con il fare defluire le acque che hanno invaso le strade cittadine.

Situazione di emergenza anche nei Comuni di Erice e Valderice, anche qui i rispettivi sindaci hanno sospeso le attività di uffici pubblici e scuole. A Valderice rinviata la cerimonia di commemorazione organizzata al cimitero di contrada Ragosia, nel 34° anniversario dell’omicidio mafioso del giornalista e sociologo Mauro Rostagno.

È in corso un vertice in prefettura, mentre un elicottero della Protezione civile sta sorvolando le zone alluvionate . Raccomandazione dalla prefettura rivolta alla popolazione, consigliata prudenza ed uscire di casa e solo se necessario, anche perché è prevista una recrudescenza delle precipitazioni nelle prossime ore.

“Siamo vicini ai cittadini trapanesi che sono rimasti intrappolati nelle loro auto tentando di raggiungere il posto di lavoro e che sono stati salvati dal provvidenziale intervento dei vigili del fuoco, ai tanti che, nei migliori dei casi sono rimasti bloccati a casa, e ai commercianti della città che hanno subito grandi danni alle proprie attività, stamani allagate”. Ad affermarlo è il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana. “Non è più rinviabile a questo punto verificare insieme all’amministrazione comunale trapanese, la predisposizione di un piano a scopo preventivo che programmi interventi straordinari di manutenzione dei tombini e di pulizia degli stessi e contro il dissesto idrogeologico, nei mesi in cui la pioggia non si manifesta. Dopo la conta dei danni, bisogna inoltre pensare ad interventi a supporto delle famiglie e delle imprese che hanno subito gravi conseguenze nelle loro realtà, non tollerabili in una fase così delicata di crisi economica come quella che stiamo vivendo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Per favore, non fate raccontare balle agli amministratori che proprio di fognature non capiscono un tubo. Per loro l’idraulica applicata è solo un idraulico donna!

    Inoltre è meglio spendere centinaia di migliaia di euro per fare dossi e strisce pedonali quasi invisibili di notte e poi ritrovarsi in questa situazione…………

    La manutenzione dei tombini e degli scarichi è stata fatta? O i soldi sono finiti per fare inutili dossi?

    E l’idraulica urbana è una artigiana che non lavora fuori città?

    Bomba d’acqua = gavettone gigante ! una pioggia di 1 ora non è bomba è acquazzone, siamo troppo abituati ai termini mediatici da risultare molto lontani dalla realtà delle cose!

    Strisce pedonali e dossi costati 200mila euro hanno la priorità…poi se si allaga tutto non è un problema!!! Che ridere….ma in sicilia l’importante è indagare salvini che blocca clandestini!!! C’è davvero da ridere

    Chissà perché non pubblicano i commenti…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *