Trasporto pubblico e formazione | I sindacati: "Più sicurezza e aiuti" - Live Sicilia

Trasporto pubblico e formazione | I sindacati: “Più sicurezza e aiuti”

Le note di Ugl e Uil sulle condizioni dei lavoratori dei due comparti.

CORONAVIRUS
di
0 Commenti Condividi

“Chiediamo al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci ed all’Assessore alla Salute Ruggero Razza di volere intervenire per verificare la corretta applicazione delle istruzioni operative per la regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid 19 negli ambienti di lavoro”.

Così il Segretario Ugl Sicilia, Giuseppe Messina e il Segretario regionale Aggiunto dell’Ugl, Giuseppe Scannella, intervenendo a seguito delle tante segnalazioni di lavoratori iscritti all’Ugl del settore pubblico e del privato del Tpl (trasporto pubblico locale), raccolte dal sindacato nei giorni scorsi sull’emergenza Coronavirus.

“Come Ugl segnaliamo che sulla informativa delle istruzioni operative contenute nel suddetto Protocollo – proseguono – talune aziende del pubblico e del privato del Trasporto pubblico locale hanno operato in maniera difforme e soprattutto non hanno ancora distribuito i fondamentali presidi (Dpi) come le mascherine per contrastare nel luogo di lavoro il diffondersi del virus”.

“In merito al ritardo dei fondi stanziati dalla Regione relativi al primo trimestre 2020 necessari a garantire il pagamento con puntualità delle retribuzioni ai lavoratori del Trasporto pubblico locale, che nonostante l’emergenza sanitaria in atto continuano responsabilmente a lavorare – aggiungono i sindacalisti – chiediamo al Governatore della Sicilia di intervenire con autorevolezza per lo sblocco dei relativi decreti di pagamento per destinare finalmente gli stipendi a migliaia di lavoratori del Tpl pubblico e privato e rasserenare le famiglie in questo momento di grave emergenza sanitaria ed economica”.

“Molti datori di lavoro nel settore del TPL – concludono Messina e Scannella – hanno già avviato le procedure con i sindacati per la richiesta di ammortizzatori sociali per il proprio personale dipendente ed il clima nel settore si fa sempre più teso, per cui lo sblocco dei pagamenti servirebbe a restituire un clima di fiducia”.

Uil: “Aiutare i lavoratori”

“Un aiuto economico anche per quei lavoratori della formazione professionale, oltre 2.500, che dal 2012 non hanno avuto modo di ricollocarsi nel settore e che non hanno nemmeno potuto usufruire delle risorse del fondo di garanzia regionale”. Lo chiede Giuseppe Raimondi della segreteria della Uil Sicilia al governo regionale. E precisa: “L’assessore Lagalla ha già assicurato una richiesta di intervento straordinario per i lavoratori della Formazione professionale fermi a causa dell’emergenza sanitaria. Ma abbiamo ritenuto opportuno chiedere un sostegno al reddito anche per tutti gli altri. In questo momento nessun lavoratore deve essere escluso, ecco perché è necessario un rafforzamento delle risorse”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *