Trovato impiccato in cella: detenuto muore in ospedale - Live Sicilia

Trovato impiccato in carcere: detenuto muore in ospedale

Aveva 29 anni
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

E’ morto nel reparto di rianimazione dell’ospedale Civico di Palermo il giovane di 29 anni che era stato trovato con il lenzuolo attorno al collo nel carcere Pagliarelli a Palermo. Era fine agosto quando era stato ricoverato in condizioni gravissime. Negli ultimi giorni era entrato in coma, le sue condizioni sono precipitate.

“Non può lasciarci indifferente quanto accade nelle carceri del nostro Paese, le statistiche sui suicidi in carcere sono sempre in crescita”, si legge in una nota della camera penale di Termini Imerese che stamattina LiveSicilia ha pubblicato.

“E’ necessario donare sollievo psicologico affinché i detenuti trovino equilibrio durante la vita detentiva, affrontando l’esperienza carceraria con consapevolezza e facilitando il percorso terapeutico-riabilitativo – si legge ancora nella nota dell’Osservatorio sulle carceri dell’organismo forense termitano – garantendo sempre il rispetto del diritto alla salute previsto dalla Costituzione e dal Corte europea per i diritti umani”. I percorsi terapeutici dei detenuti “devono essere garantiti in via esclusiva e con urgenza, in modo specifico quando si tratta di soggetti fragili, affetti da disturbi del comportamento e o da dipendenze”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Difendiamo prioritariamente i cittadini onesti da:”soggetti fragili, affetti da disturbi del comportamento e o da dipendenze” per evitare che i cittadini onesti paghino con la vita nel corso di una rapina perché nel corso di una rapina o un’aggressione gi stessi cittadini onesti diventano senza aver commesso alcun reato: “soggetti fragili, affetti da disturbi del comportamento” e rischiano di non tornare più ad una vita normale. Per cui pene più certe e più severe. STOP!

    Queste cose in un paese civile non devono avvenire. Riposi in pace, povero ragazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *