Vigili del fuoco in agitazione: trasferiti in caserma non adeguata - Live Sicilia

Vigili del fuoco in agitazione: trasferiti in caserma non adeguata

“La sede è in condizioni precarie, non è adatta a ospitare nessuno“
PALERMO
di
2 Commenti Condividi

PALERMO – Stato di agitazione dei vigili del fuoco. Protestano per il trasferimento del distaccamento Boccadifalco in una nuova sede operativa, in via Pitrè, dove non sono stati ancora ultimati i lavori di adeguamento e di manutenzione. 

La squadra avrebbe già dovuto trasferirsi ieri. I vigili del fuoco hanno chiesto un rinvio in attesa che si concludano i lavori. A proclamare lo stato di agitazione sono le sigle Fp Cgil, Fns Cisl, UilPa, Conapo e Confsal. Il personale, che al momento è ospitato in un’ala dell’aeroporto di Boccadifalco, effettua regolarmente sopralluoghi per controllare lo stato dei lavori nella struttura che dovrà ospitare il contingente, un bene confiscato alla mafia passato nella disponibilità del Comune.   

Le foto che i Vigili del fuoco hanno inviato al comandante provinciale, assieme alla comunicazione dello stato di agitazione, documentano come sul posto ci sia ancora un cantiere in pieno svolgimento.

Sia la struttura, che l’area di pertinenza, dove sosteranno i mezzi pesanti, secondo le sigle sindacali non sono in condizioni di essere consegnati.

Tanti i problemi segnalati, che mettono a rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori: tombini scoperchiati, la facciata esterna da sistemare, vetri interni mancanti, arredi ancora inesistenti, erba alta e infestanti, pluviali staccati, scavi aperti o parzialmente coperti con mezzi di fortuna. Manca ancora l’allacciamento del gas, c’è un solo scaldabagno elettrico che, dicono i vigili del fuoco, non basta per le docce di tutti, essenziali al ritorno dalle missioni esterna per eliminare le sostanze contaminanti degli incendi. 

“La sede è in condizioni precarie, non è adatta a ospitare nessuno, all’interno mancano perfino tutti gli arredi – dicono Giusto Amato, di Fp Cgil, Giovanni Caputo, Fns Cisl, Giuseppe Avola, Uilpa, Rosario Ferrante, Conapo e Davide Apprendi, di Confsal –  E nel piazzale esterno, fare manovre in mezzo alle buche è pericoloso, specie di notte. Per essere fruibile, la struttura deve essere consegnata in buone condizioni e ultimata in ogni sua parte. E soprattutto sicura”. 

I vigili del fuoco, hanno pertanto chiesto di rinviare il trasloco. Due anni fa furono spostati dalla zona del Policlinico all’aeroporto in una sede organizzata in modo provvisorio. Di recente hanno ottenuto dalla Gesap, gestore dell’aeroporto di Boccadifalco, anche una zona pranzo e spogliatoi con armadietti, in attesa della sistemazione nella sede definitiva. Al loro posto, verrà la sezione telecomunicazioni.  

“Abbiamo atteso tanto per avere una sede dignitosa e funzionante.  Adesso che manca poco, vorremmo aspettare la consegna definitiva e la conclusione dei lavori, almeno negli spazi interni –  dicono i rappresentanti sindacali – La definizione della facciata esterna si può anche rinviare a dopo.  Chiediamo che almeno la parte vivibile venga adeguata a un posto di lavoro e che chi lavora di notte non rischi di cadere negli scavi aperti”. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Il corpo dei vigili del fuoco onnipresente in tutte le attività di soccorso (non solo) a rischio della propria vita (come ahimè e successo) sottopagati,dovrebbero avere strutture superiori agli alberghi da 5 stelle,LO MERITANO!!
    Fratello gemello di un Vostro collega scomparso nel 2020

    Il corpo dei vigili del fuoco onnipresente in tutte le attività di soccorso (non solo) a rischio della propria vita (come ahimè e successo) sottopagati,dovrebbero avere strutture superiori agli alberghi da 5 stelle,LO MERITANO!!
    Benny,fratello gemello di un Vostro collega scomparso nel 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.