Youth guarantee, scatta la corsa | Selezioni il 16 e 17 ottobre - Live Sicilia

Youth guarantee, scatta la corsa | Selezioni il 16 e 17 ottobre

Fissata la data per le prove destinate ai cosiddetti "ex sportellisti". Messi a bando contratti della durata compresa tra uno e sei mesi. E lunedì potrebbe partire il progetto Prometeo.

Formazione
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – La comunicazione è secca, ma importante. Il Ciapi di Priolo ha deciso che i prossimi 16 e 17 ottobre si svolgeranno le prove di selezione per ammettere i cosiddetti “ex sportellisti” nel progetto “Garanzia giovani”. Una notizia molto attesa dai tanti lavoratori che nei mesi scorsi hanno visto, nel progetto finanziato dai fondi statali, una  luce in fondo al tunnel.

Adesso, parte la corsa verso i duemila contratti a tempo determinato per svolgere attività di orientamento destinate ai giovani di un’età compresa tra i 15 e i 29 anni. Una corsa che coinvolgerà circa 2.400 persone. In quattrocento, insomma, resteranno fuori. Anzi, forse qualcuno di più. Perché in occasione del bando Youth guaranteee è accaduto un fatto non così frequente. La maggior parte dei posti messi a bando erano quelli destinati agli orientatori. Ma per i 1382 contratti destinati a questa categoria sono arrivare solo 1230 domande. Così, l’assessorato e il Ciapi di Priolo hanno verificato la possibilità di ammettere direttamente al contratto questi lavoratori. Una ipotesi alla fine scartata: anche i 1230 aspiranti orientatori dovranno affrontare la prova di selezione perché il punteggio scaturente dalla prova servirà per stilare una graduatoria utile anche per la scelta della sede territoriale. Senza contare i possibili ricorsi che potrebbero, in linea solo teorica, cambiare il volto alla graduatoria stessa.

E ovviamente dovranno affrontare la selezione anche i candidati per le altre posizioni. Per gli addetti alla segreteria sono state infatti 375 le domande per 283 posti, per i ruoli amministrativi sono giunte 554 candidature per 365 posti, per i responsabili dei processi ecco 104 aspiranti a fronte di 32 contratti messi a bando.

La selezione, oltre alla valutazione dei titoli, prevede appunto un test di ammissione. Un questionario di dieci domande a risposta multipla, per la precisione. Ad ogni risposta esatta verrà assegnato un punteggio pari a due, per ogni risposta errata un punteggio pari a -1 e zero punti nei casi di mancata risposta. Come detto, le prove si svolgeranno il 16 e il 17 ottobre. La commissione è formata da tre persone: un funzionario della Regione esperto in politiche attive del lavoro (Domenico Amich), un funzionario direttivo del Ciapi e dal direttore stesso del Ciapi, con funzione di presidente.

Chi supererà le selezioni potrà sottoscrivere un contratto della durata compresa tra uno e sei mesi. Il bando non prevede la “prorogabilità” del rapporto di lavoro. Anzi, si precisa che “il termine di scadenza è comunque configurato dalla data di esaurimento del numero prestabilito di soggetti ai quali occorre erogare i servizi richiesti nel limite della spesa rimborsabile”. La comunicazione del Ciapi di Priolo quindi pone fine a una lunga attesa. Rimane solo da conoscere i dettagli, come precisa, in maniera un po’ sibiliina, l’ente: “Martedì 14 sul sito saranno indicati i particolari dell’appuntamento”. Il giorno prima, invece, sempre il Ciapi di Priolo dovrebbe dare il via ai corsi di Prometeo. Anche in questo caso non mancano i dubbi, dopo la sentenza del Cga che ha rimmesso nell’albo dei formatori uno dei candidati esclusi dalla selezione proprio per la mancata iscrizione nell’elenco unico. L’ufficialità, anche in questo caso, si attende a breve.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Ma se il Ciapi che dovrebbe salvare gli ex dipendenti della formazione rimasti senza lavoro non riesce neppure a pagare il proprio personale, che da mesi è senza stipendio…..Ci si aggrappa dunque a questa scialuppa che essa stessa sta andando a fondo…..

    Pessima soluzione legare il destino degli ex SMF alla Garanzia Giovani. La Regione non ha ancora emanato nessun bando in favore dei giovani, almeno quelli di sua competenza (uno statale c’è), in attesa che vengano “assunti” gli ex “sportellisti”. Il tutto per costringere quei giovani che in questa misura hanno creduto a un secondo “colloquio”, oltre al primo che sostengono già presso i Centri per l’Impiego. Il “lavoro” può attendere….
    Se si ritarda troppo, però, c’è il rischio che da Roma dispongano il dirottamento dei fondi verso altre regioni più “virtuose”, per evitare di restituirli indietro all’Europa.
    Un disastro annunciato, con la lentezza della macchina regionale.
    Oltre a ciò, le aziende siciliane non stanno nemmeno prendendo in considerazione la cosiddetta “Garanzia Giovani” nazionale, ubriacati dal “miraggio” del Piano Giovani Sicilia, oltre 16.000 aziende che sperano di agganciare dai 20 ai 25.000 tirocini, dei quali ad oggi se ne potranno attivare solo 2.000. Provate a vedere su ClicLavoro quante sono le aziende siciliane che offrono un tirocinio o un assunzione con gli incentivi di Garanzia Giovani….. viene da piangere!
    Garanzia Giovani = Adesione + 1° colloquio + 2° colloquio + …. il nulla, almeno fino ad oggi.
    Errori del duo Scilabra-Corsello (più della Corsello, da quattro anni alla guida del Dipartimento Lavoro, non quello della pesca, e che dopo tutto questo tempo doveva essere il massimo esperto in materia….):
    1) aver previsto soldi per il tutoraggio aziendale (figurarsi quale imprenditore non ci si butta a pesce… e lascia perdere la garanzia Giovani dove soldi per il tutoraggio non ce ne sono!)
    2) aver allargato artificiosamente la fascia dei beneficiari della garanzia Giovani fino a 29 anni, sovrapponendo parzialmente la platea dei beneficiari con quelli del Piano Giovani Sicilia (25-35 anni) per avere più “materiale umano” da sottoporre allo specialissimo 2° colloquio con gli ex “sportellisti” (della serie “lasciate ogni speranza o voi che entrate”, perchè nel frattempo il tempo passa e i fondi volano via)
    Manovre assistenzialiste e sconclusionate sulla pelle dei giovani.
    Ora per Silvia e Cartabellotta è impossibile tornare indietro, se sono bravi possono solo cercare di accelerare al massino i tempi da lumaca della Corsello e sperare che almeno per i giovani ci sia un pò d’ossigeno.
    Non c’è l’ho con Crocetta nè con i suoi Assessori, non c’erano Presidenti migliori o più capaci prima di lui, cosi come nemmeno gli assessori dei governi Cuffaro e Lombardo brillavano per competenze, capacità o impegno, tranne qualche eccezione. Mediocrità su tutta la linea e in tutti i governi, purtroppo.
    Il vero nodo da affrontare, che nessun Presidente vuole affrontare seriamente, è il funzionamento della macchina amministrativa regionale. Se non funziona almeno decentemente, nessuna “rivoluzione” è possibile, ne i buoni propositi di un Musumeci domani Presidente o di chiunque altro potranno mai tramutarsi in fatti concreti.
    Auguri agli ex addetti agli SMF , e speriamo che qualcuno dei 90 “senatori” (come trattamento economico e pensionistico) che abbiamo eletto all’ARS tiri fuori una proposta per risolvere definitivamente il loro problema, e non pensino solo alla poltrona e a litigare per il potere. Idee ci vogliono, sono pagati per quello.

    specchietti per le allodole a tutto spiano….. spot spot spot….maaaaaaa……l’importante cheeee salviamo le assessore dalle mozioni di sfiducia……magari troviamo un nuovo…baricentro!

    Molto strano… Forse sono malpensante ma, fissare la data delle selezione giusto il giorno dopo lo Scilabra-day… Mah!!!

    Riprendete immediatamente tutti gli ex Co.Or.Ap. assunti al 31 12 2008 che hanno piu diritti di tutti gli altri…

    un’altra presa per per il culo.Test per fare cosa ? lavorare per 1, 2 mesi????per ricevere i soldi tra chissa’ quanto tempo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.