57enne muore di malaria |I medici: "Contratta in Ghana" - Live Sicilia

57enne muore di malaria |I medici: “Contratta in Ghana”

Si tratta di un marittimo di Pozzallo che lavorava su una piattaforma petrolifera. TUTTI I PARTICOLARI

 

al Garibaldi
di
1 Commenti Condividi

CATANIA .- Morire di malaria, nel 2014. E’ successo al Garibaldi di Catania mercoledì pomeriggio, vittima un marittimo pozzallese di 57 anni. R.N., queste le iniziali dell’uomo, da oltre tre mesi era imbarcato sul rimorchiatore della “Marnave” in Ghana e si occupava di assistenza alle piattaforme petrolifere in Africa. Qui è stato punto dall’insetto che gli ha trasmesso la grave malattia, guaribile solo se diagnosticata subito e curata correttamente. Lo sfortunato marittimo, invece, sarebbe stato messo su un aereo diretto a Catania quando ormai era troppo tardi, con la febbre altissima e il corpo disidratato dopo un passaggio da un ospedale africano.

Atterrato all’aeroporto con trasporto protetto, è stato trasferito con un’ambulanza al Garibaldi ma quando è arrivato nel nosocomio le sue condizioni erano già disperate e il decesso è sopraggiunto nemmeno un’ora dopo, alle 17.49, per arresto cardiocircolatorio, nonostante i tentativi dei medici di strapparlo alla morte. La salma del 57enne è stata già riconsegnata ai familiari che nel pomeriggio gli porgeranno l’ultimo saluto a Pozzallo e che adesso chiedono giustizia a gran voce.

Dal Garibaldi viene smentita categoricamente, invece, la notizia circolata nelle ultime ore secondo cui ci sarebbero altri due pozzallesi ricoverati nella struttura dopo aver contratto la malattia. R.N. non è nemmeno passato da Pozzallo nel suo tragitto verso il capoluogo etneo, si è ammalato in Ghana e la malaria comunque non è una di quelle malattie al centro delle polemiche degli ultimi giorni sui contatti tra la popolazione locale e i tanti immigrati sbarcati lungo le coste iblee

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    arriveranno anche da noi queste malattie? visti tutti questi sbarchi? dobbiamo preoccuparci? siamo pronti per affrontare eventuali emergenze di questo tipo? perchè non pensare anche e prima ai nostri poveri? alle famiglie senza stipendio con due bambini? senza casa e senza aiuti da parte di nessuno prima che dare case ed accoglienza a chi arriva adesso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *