Centrosinistra, la carica di Alfano |"Gli altri litigano, vincerà Micari" - Live Sicilia

Centrosinistra, la carica di Alfano |”Gli altri litigano, vincerà Micari”

Il ministro ha parlato in conferenza stampa, insieme al sottosegretario Castiglione e al vicepresidente designato La Via.

regionali 2017
di
3 Commenti Condividi

CATANIA – “Vincerà Fabrizio Micari”. A parlare è un ottimista Angelino Alfano che dall’Excelsior di Catania annuncia quello che secondo lui sarà l’esito delle elezioni: “Vinceremo noi – afferma il ministro, seduto al tavolo insieme al sottosegretario Giuseppe Castiglione e all’europarlamentare e vicepresidente designato del Rettore di Palermo. Il dibattito si sta svolgendo al ribasso – aggiunge – e sopra tutti spicca Micari che sta, al contrario, facendo la sua corsa, pacata, moderata, carica di proposte. La sfida gentile”.

Il ministro ci tiene a rimarcare la differenza con gli avversari, “Mentre gli altri pensano a litigare, noi pensiamo a promuovere la Sicilia – aggiunge, prima di affrontare il discorso delle liste pulite e sui presentabili e candidabili, aspetto della campagna elettorale che definisce “la gara dell’ipocrisia”. “E’ un campionato di ipocriti – incalza il politico agrigentino: se si contano gli indagati tra i 5 stelle che amministrano hanno un record mondiale. Non lo dico a difesa di Musumeci – precisa – ma dell’onestà”. La questione, dunque, segnerebbe la linea di demarcazione tra “noi”, il centrosinistra, e “loro”, tutti gli altri candidati.

Prende le distanze, il ministro, da eventuali apparentamenti, anche future, evidenziando come, al momento, all’intento di Alternativa popolate non si parli di alleanze. Né pre né post elettorali. “Il sistema elettorale siciliano consente al presidente di poter governare. E Micari governerà”. Il titolare della Farnesina invita poi a non fare facili previsioni nazionali in base al voto siciliano. “La campagna elettorale siciliana non è nazionale – evidenzia. Non perché vogliamo sminuirla, ma perché riterremmo, al contrario, che considerare quella siciliana come nazionale sia considerare l’Isola come servente e strumentale ad altro. Noi pensiamo invece che nulla c’è più importante per la Sicilia che essere considerata ciò che è, ossia la terra di milioni di cittadini che la amano e che non votano in funzione di esigenze nazionali, ma in funzione di quello che è il bisogno reale di questa terra”.

L’intervento del ministro è proceduto da quelli di Giovanni La Via e di Giuseppe Castiglione. Il primo, candidato all’Ars e vicepresidente designato per la coalizione di centrosinistra, si sofferma sul programma, “lo abbiamo riempito di contenuti e siamo certi di aver individuato le competenze e le professionalità per implementare questo programma. in giro per la Sicilia stiamo riscoprendo consensi sulle nostre liste – prosegue – fatte di persone perbene. Siamo convinti che il 6 avremo un grande successo come lista e come coalizione”.

Il secondo, si sofferma sulle liste – “La formazione è stata valutata attentamente e abbiamo espresso il meglio” – e sulla coalizione capitanata dal rettore dell’università di Palermo, prima di lanciarsi nel suo personale pronostico. “La campagna elettorale corre su argomenti che non interessano ai siciliani – dice Castiglione. Noi, le elezioni le vinceremo, eleggeremo Micari e La Via. La partita è tra noi e i 5 stelle – azzarda – ma noi siamo convinti che la qualità della nostra proposta sia migliore della debolezza del Movimento 5 Stelle e della vacuità dei programmi elettorali. Il 6 novembre – conclude – potremo celebrare la vittoria della nostra coalizione”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    A leggere queste cose viene il voltastomaco.

    Ma pensano che i siciliani siano tutit ignoranti e beceri ?

    Alfano e Castiglione due elementi di spicco che hanno aiutato il PD a distruggere l’Italia e gli Italiani in soli 5 anni.

    Vergognatevi.

    Spero che il 6 novembre questi tre “deficienti”abbiano il coraggio,la forza e un briciolo di dignità per presentarsi in pubblico chiedere scusa e cambiare Paese.

    Ma si ascoltano quando parlano? A forza di stare accanto a Renzi, Alfano ha preso la stessa abitudine di ostentare sicurezza, forse nella convinzione che riuscirà a “plagiare” gli elettori siciliani … Ma, se davvero dovesse credere a quello che dice, allora forse non è del tutto da scartare l’ipotesi di una senilità precoce …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.