Ora gli uffici di gabinetto piacciono | Anche i "cuperliani" ci ripensano - Live Sicilia

Ora gli uffici di gabinetto piacciono | Anche i “cuperliani” ci ripensano

Appena sei mesi fa Antonello Cracolici, in rotta col governo Crocetta insieme a tanti esponenti della stessa area, chiedeva l'azzeramento dei contratti esterni negli uffici di staff. Adesso gli "ex scontenti" del partito hanno cambiato idea: e hanno piazzato amici e fedelissimi.

53 Commenti Condividi

PALERMO – Ai cuperliani del Pd non piacevano. Non piacevano affatto gli uffici di gabinetto. Non piacevano quegli incarichi dati agli amici, ai fedelissimi, ai compagni di partito. Quella protesi del potere, utile al singolo deputato, al politico più o meno dentro alle istituzioni, per gestire, amministrare, decidere. Non piacevano. Fino a qualche mese fa. Quando, per essere precisi, gli esponenti del Pd più “scontenti” nei confronti del governo Crocetta, non avevano nemmeno gabinetti da gestire. Cioè assessori “in quota”, come si dice.

Il “Crocetta bis”, quello senza i cuperliani era, per dirla con le parole di Antonello Cracolici, un governo di “camerieri e gabinettisti”. Quella era “la giunta delle molliche”, dove qualche esponente democratico come, giusto per fare un nome, l’attuale sottosegretario Davide Faraone, portava avanti azioni “di piccolo cabotaggio”, piazzando gli amici in quegli uffici di sottogoverno. Anzi, di “dentrogoverno”, visto il carattere fiduciario alla base di quelle nomine.

Ma quei gabinetti non piacevano ai cuperliani. Al punto da mettere quel dissenso nero su bianco. No, non sulle pagine di un giornale, ma addirittura tra i moduli tramite i quali vengono presentati gli emendamenti ai disegni di legge dell’Ars. In particolare alla Finanziaria scorsa. Era la fine di giugno. Sei mesi, non una vita fa. “In un momento come questo, caratterizzato dalla necessità di ridurre le spese e i costi della pubblica amministrazione, – commentava saggiamente uno dei ‘cuperliani’ più vivaci, Antonello Cracolici – il governo regionale dovrebbe dare il buon esempio con un segnale forte: per questo – annunciava – ho presentato un emendamento che prevede l’azzeramento dei contratti esterni negli uffici di gabinetto. D’altronde credo che gli assessori non avranno difficoltà a trovare, fra i dipendenti regionali, – aggiungeva Cracolici – le professionalità di cui hanno bisogno. Mi auguro che in parlamento questa proposta possa trovare sostegno anche perché non si comprende come si possano chiedere sacrifici ai cittadini, e poi opporsi ad una norma che riduce i costi. A meno che – concludeva il parlamentare – qualcuno non intenda difendere il ‘governo dei gabinetti’ e l’idea che questi uffici possano essere usati per piazzare parenti e amici”.

La norma alla fine non passerà. E Cracolici, a dire il vero, la dimenticherà in fretta. È bastato che il “governo dei gabinetti”, come lo definì il presidente della commissione affari istituzionali all’Ars, venisse sostituito, dopo un tira e molla lacerante e a tratti imbarazzante, dal “governo di altissimo profilo”. Il governo della svolta. Il governo della nuova alba, del nuovo giorno. Il governo dell’unità.

Quel rimpasto ha avuto, per i cuperliani, lo stesso effetto del mitico fiore di loto. Tutto dimenticato. Persino gli attacchi sugli amici dei renziani piazzati un po’ dovunque. Persino quell’accorato passaggio sui sacrifici chiesti ai siciliani. Tutto dimenticato. E così, ecco spuntare tra gli uffici di gabinetto del “governo di alto profilo” Antonio Rubino, tra i più stretti collaboratori sia di Antonello Cracolici che del segretario regionale Fausto Raciti e responsabile organizzativo del partito. Collaborerà con l’assessore al Lavoro Bruno Caruso, che nel frattempo aveva scelto, come segretario particolare Jacopo Torrisi, vicino a Concetta Raia (ma già presente negli uffici di gabinetto dei passati governi). Sempre con Caruso, assessore chiaramente indicato dai “cuperliani”, ecco anche Ignazio Di Dio, vicino al deputato gelese Giuseppe Arancio, mentre Nino Amato può vantare come sponsor l’ex sindacalista Cgil Mariella Maggio. Tutti della stessa area. Quella degli “ex scontenti”.

Ma tra gli esponenti di partito una volta dissidenti, finalmente accontentati dal prestigioso profilo della nuova giunta, ecco Enzo Napoli, segretario provinciale del Pd a Catania: lavorerà a stretto contatto con Cleo Li Calzi, assessore assai gradito ad Antonello Cracolici. Con la nuova responsabile del Turismo, ecco l’agrigentino Salvatore Gaziano, vicino al parlamentare e sindaco di Bivona Giovanni Panepinto, Maurizio Ruggeri (vicino al deputato messinese Filippo Panarello) e Fabio Arena (sponsorizzato dal parlamentare ennese Mario Alloro, a sua volta vicino a Mirello Crisafulli).

Ovviamente, questi si aggiungono agli esponenti dell’area del Pd che, per usare sempre Cracolici, erano già avvezzi a quei ruoli negli uffici di staff. Tra questi, due fedelissimi di Davide Faraone come Gandolfo Librizzi (con Alessandro Baccei all’Economia) e Dario Chinnici (con Vania Contrafatto all’Energia), poi c’è l’ex addetto stampa del partito Nadia La Malfa sponsorizzata da Giuseppe Lupo (è la nuova segretaria particolare dell’assessore ai Beni culturali Antonio Purpura). Tutti esterni. Per i quali, a differenza di quanto accaderebbe se venissero nominati al loro posto dei funzionari o dirigenti interni, i siciliani saranno costretti a sobbarcarsi un costo ulteriore e non indifferente. E non a caso, appena sei mesi fa, Antonello Cracolici chiedeva al governo regionale (quello dei “camerieri”), durante i lavori per la terza manovra finanziaria dell’anno, di dare “il buon esempio con un segnale forte: l’azzeramento dei contratti esterni negli uffici di gabinetto”. Proprio in queste ore si sta discutendo di un bilancio durissimo. Di tagli e sacrifici per tutti. Chissà se Cracolici deciderà di riproporre quella norma, nella Finanziaria che verrà.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

53 Commenti Condividi

Commenti

    ottimo articolo.complimenti

    Il pd siciliano una grande delusione. Un piccolo piccolo davide faraone guida una pattuglia di pochezza e opportunismo. Che tristezza. L’unica consolazione è la vostra prossima dipartita dal mondo politico per mancanza di consensi. Andate peracottai, andate a godervi quei quattro spiccioli barattati con la dignità di un popolo che vi punira’.

    Il comportamento degli Statisti siculicontemporanei e’ identico ai capi d’abbigliamento doubleface , c’e’ il lato estivo e quello invernale , in questo caso cio’ che all’occorrenza serve raccontare per esempio a quelli dello Zen o a quelli di Liberta’Notarbartolo e cosi’ via……
    Ma siamo alla frutta ed anche gli Statisti duobleface dovranno restituire il loro Maltolto!

    I cuperliani sono peggio degli altri ormai grazie al governo Lombardo e ora con il governo crocetta hanno gustato il potere e quindi non sono più figli di contadini nipoti di contadini ora sono diventati aristocratici e a qualunque costo vogliono comandare,io non voterò mai più PD,si sono dimenticati ddi valori di Bellinguer.

    Scrivo e leggo ogni giorno su questa testata giornalistica,l’unica per il momento senza nessun bavaglio da parte dei poteri forti in primis la politica che in questa Regione e’piu potente della mafia ..quello che mi viene da dire oggi :la Sicilia e’ senza speranza,la colpa vera e’ solo ed esclusivamente di noi Siciliani ottusi,ciechi e drogati o in letargo politico al momento del voto,dopo il risveglio e come se la colpa fosse sempre degli altri,non abbiamo speranza,e sono sicuro che la maggior parte che scrive su queste pagine la propria rabbia ha votato questo presidente e il pd me compreso…e adesso mi vergogno ….ma non c’è più rimedio.

    Basta basta basta vergogna vergogna vergogna. Referendum popolare per mandarli tutti a casa ed eleggere gente nuova, motivata a far bene alla Sicilia, pagata di meno, in modo da essere meno attaccata alla poltrona e più propensa a rendersi utile.
    Referendum per la delegittimazione…

    sono tutti uguali. Criticano quando non sono al potere, ma quando comandano fanno di peggio. Cracolici non sei più credibile

    Che puzza in questi uffici non per i gabinetti ma per la gente che vuole conquistarli anche a
    costo di prendere la malaria.P.S. se qualcuno è stitico si possoono usare quelle famose purghe staliniste le meritano senz’altro.

    Tutti gli stessi sono

    Cracolici vergognati …Le poltrone vi piacciono a tutti

    che la punizione politica si trasformi in divina!! Io a Babbo Natale ho scritto una makumba…… chissà che non si avveri.

    è inutile criticare….la colpa di tutto ciò è solo nostra, di tanti cittadini siciliani(creduloni,pecoroni)…che alle prossime elezioni voteranno sempre gli stessi..questo è quello che ci meritiamo

    Confermo in pieno…..!! Ma al prossimo voto!? Boh! E cmq. sono dell’opinione che dovremmo dare un’accelerata….. Sta “PRIMADONNA”….. deve andare al bagaglino li un posto lo trova di sicuro!!

    DIMENTICAVO,GRAZIE LIVE SICILIA PER LE INFORMAZIONI CHE CI DAI INFISCHIANDOTENE DEI COLORI POLITICI E NON FACENDOTI MAI INFLUENZARE DA NESSUNO GRAZIE DI CUORE.

    E c’è ancora chi sostiene con forza che a quelli del PD non interessano affatto nomine e posti di potere!!!! A questi angioletti immacolati del Partito Democratico, a proposito avete visto ieri sera Renzi invitato da Antonella Clerici e Bruno Vespa ad un programma culinario sull’EXPO (!!), interessa invece proprio di tutto e di più. Del resto sono fatti ad immagine e somiglianza della stragrande maggioranza degli italiani che forse anche per questo li vota in massa.

    Rubino sei un mito 🙂

    Anche se sono di centro-destra ho sempre apprezzato la lealtà e sincerità dell’On.le Cracolici, persona seria e preparata, di alto spessore come lo è per esempio l’On.le Leanza sono tra i pochi rimasti e sono quelli che in realtà si distinguono tra i 90 deputati regionali presenti all’ARS. C’è da dire che Cracolici è stato leale nel presentare quell’emendamento in assemblea e lo ha votato pure però la maggioranza non è stata d’accordo, alla fine la realtà è che questi Assessori devono pur lavorare, e per fare bene il loro lavoro hanno bisogno di gente valida, gente che conosce la realtà regionale, e a maggior ragione perché sono dei tecnici. Quello che io invece critico sono le Consulenze esterne, ecco questi si possono definire veri sperperi, perché all’interno della Regione Siciliana ci sono dipendenti di alta professionalità che non so per quale motivo sono messi da parte, oppure spesso devono fare da supporto allo stesso Consulente esterno perché incapace, ma che poi alla fine deve risultare dalle carte firmate che è uno scienziato. Ma cari cittadini vorrei anche dire non facciamoci distrarre da queste piccole cose, la cosa più grave è che in Sicilia c’è il fallimento, il Governo nazionale ci ha tolto un miliardo di euro di fondi PAC, che servivano per avviare lo sviluppo economico per le Aziende siciliane e nello stesso tempo si avviavano attraverso il Piano Giovani e Garanzie Giovani una marea di assunzioni per i nostri ragazzi e la cosa più grave qual’è, non vedere ribattere e alzare la voce gente come Faraone, come Alfano, come Lumia, come Raciti, come D’Alia, come Crocetta. Questo è gravissimo, cittadini tenetene conto per le prossime elezioni, prima di votare, riflettete bene e non dimenticate nulla di tutto quello che succede adesso, serve per dare un serio giudizio alla fine della legislatura.

    I referendum si usano in alcuni casi specifici, non ho mai sentito parlare di referendum per far cadere un governo.

    Che schifo!saranno lì per i prossimi vent’anni !ah vero loro hanno un ottimo curriculum se poi sono sorelle e un puro caso!Schifano i regionali ma sono più pagati di loro

    @ Semupirsi – Concordo totalmente con il tuo bel commento. Anch’io scrivo sempre che gli italiani, ed in particolare gli elettori siciliani, sembrano totalmente stregati dalla figura ascetica e mistica di Matteo Renzi tanto da non avere nemmeno più un minimo spirito critico, ancora esistente fino a quando governavano Berlusconi – Monti e Letta, accettando passivamente qualsiasi provvedimenti governativo anche che vada contro i loro interessi. Pensavo inizialmente che fosse solo effetto degli 80 euro ma invece non è così, e questo atteggiamento masochistico dell’elettorato proprio per questo assume un carattere ancora di maggiore gravità.

    Davide Faraone sara’ il candidato presidente del PD ( IL POLITICO DELLE COOPERATIVE TROMBATE )

    Cracolici Campione di Coerenza!!!Che Delusione!!!Una maschera a posto del viso!!!

    siamo alla frutta,si salvi chi può.-

    @ Michela – L’importante è non votare Partito Democratico, non importa in alternativa chi, al limite anche il demonio, ma non il PD. Il problema cara Michela è farlo capire alla maggioranza degli elettori.

    Si guarderanno mai allo specchio quelli che votando PD pensavano che il sig. Renzi fosse il nuovo che avanza ? Che pena !

    Disgraziati, vi aspettiamo al voto

    adesso nessuno fiata…..

    …ma ora, non mi consegnerà più le bombole del gas?

    ma quale nuovo? il segretario regionale Raciti , per la verità segretario dell’On.le Cracolici, nominato e sostenuto dalla parte più retriva del PD, insieme ai miracolati che adesso si chiamano “giovani turchi? o servi del “padrone” di turno. Disoccustamuriscunnennu picciotti? di Cracolici, che ha deciso di restaurare un nuovo governo Lombardo? Ne vedremo delle belle ! Crocetta svegliati , ti sta preparanno a iaggitezza! Anche perché il giovane laureato, Cracolici, con i bonus dell’Inps, il Presidente della Regione pensa di fare…ahahah

    …ancora nienti aviemu vistu. L’occupazione militare di ogni poltrona avi mmenti! O duna a manciari o su mancianu vivo!

    Mi associo al complimento, continua il giornalismo sociale alla “Sig.ra Gabanelli”, bisogna ricordare, e di smemorati ce ne sono tanti, tutte le nefandezze di questi elementi unico, solo, vero male che ha provocato la attuale situazione in Sicilia ed in Italia, e continuano, imperterriti continuano, aprite gli occhi verso chi realmente ha distrutto tutto, ed è meglio ricordare che mentre cercate con odio di togliere quello o questo, questi soggetti continuano a mantenere retribuzioni molto al di sopra dell’attuale sostenibilità economica, e con privilegi, quelli veri, a partire da una pensione dopo appena 2 anni e mezzo di legislatura………………

    Voi della destra ricordatevi di Berlusconi e Bossi, che in 20 anni ci hanno distrutto una Regione e una Nazione. Vergognaaaaaaaaaaaaaaaaaa. Berlusconi si è arricchito dopo le leggi di falso in bilancio, delle leggi a favore della corruzione, di miliardi di euro spesi con escort con champagne e comprandogli ville e appartamenti, Bossi in alleanza con Berlusconi scippava alla Sicilia per dare alla Lombardia, Veneto e Piemonte. Vergogna una rapina continua per più di 20 anni dalle Tv al Milan, dalle finanziarie alla pubblicità, una marea di miliardi presi dai contribuenti e dopo le riforme contro gli impiegati adesso sta assestando l’ultimo colpo con l’art. 18 insieme a Renzi, mai riuscitogli in precedenza, dopo tanti anni di averci provato. Renzi che doveva fare le riforme e rilanciare il paese sta facendo arricchire ancora di più Berlusconi perché capite bene signori, approvando l’articolo 18 Berlusconi con i licenziamenti incasserà la bellezza di 40 miliardi di euro in più. Dopo aver spremuto i dipendenti ora li licenzierà e chiuderà le Aziende, perché sono terminati i finanziamenti dello Stato per pagare i dipendenti e sono terminati anche i fondi per la Cassa integrazione, una vita a rubare, adesso non c’è nemmeno più un euro e il cavaliere se la vuole svignare all’estero, già avrà sistemato tutti i conti nelle banche estere. Vergognaaaaaaa

    Mamma mia che delusione…………..comunque ci vorrebbe una legge di Buon Senso,TUTTI INTERNI,con un esercito di regionale è INAMISSIBILE in un momento così critico spendere questi denari per gente presa solo x l’appartenenza politica o di corrente e comunque di FIDUCIA.

    franza o spagna basta ca se magma

    dovrebbero pagarli gli assessori di tasca loro ed allora si che prenderebbero personale interno

    “governo di altissimo profilo”. Il governo della svolta. Il governo della nuova alba, del nuovo giorno. ..se li dovessero pagare gli assessori di tasca loro i loro collaboratori prenderebbero solo personale interno ..vergogna….alle amministrazioni pubbliche si accede per concorso pubblico una ex portavoce ora alla segreteria di un gabinetto .. non c’è più mondo

    COME “ER GATTO” DI TRILUSSA
    …CHE ERA SOCIALISTA QUANDO ERA AFFAMATO
    …MA APPENA ACCHIAPPAVA QUALCOSA … DIVENTAVA SUBITO CAPITALISTA

    C’è sempre la prima volta

    Se vuoi trovare un lavoro sicuro basta che fai il segretario provinciale del PD di Catania. Quello di prima piazzato a Roma dal ministro Orlando, quello di ora a Palermo in assessorato. Avete capito come si combatte la disoccupazione?? Vai

    Finchè vivrò voterò sempre PARTITO DEMOCRATICO e MATTEO RENZI, unico vero politico che fa gli interessi di noi siciliani.

    Ma la Sicilia ha bisogno di nomine degli amici degli amici o persone competenti, la barca va a fondo e che fanno, continuano a fare buchi,il clientelismo politico non si smentisce mai, un miliardo di euro va in fumo e la politica risponde nominando gli amici…vergogna

    Saro , nel Natale del 1983 ( posso sbagliare anche anno) Berlinguer andò a solidarizzare con i giornalisti di ” paese sera ” che stavano perdendo il posto perché licenziati . Con stupore ( e schifo) scoprii che l’azionista di maggioranza di Paese Sera era il PCI : chi li stava licenziando ! Altro che valori . Tutti uguali !

    Roba da Statisti delle giometrie variabili e del patto dell’orata con contorno di musso , frittola, stigliola e panelle!

    Scoperchiamo la parentopoli negli uffici di gabinetto.

    S.O.S. —S.O.S. Ma nessuno ascolta? Stiamo facendo acqua da tutte le parti affondiamo…S.o.S. Ci sentite? Abbiamo bisogno di aiuto stiamo per affondare…….ci sentite?….

    i fatti dimostrano come reppresentanti del pd siano spudorati ecipocriti nelle loro dichiarazioni e nei fatti che le contraddicono.altro che risparmi,ancora succhiano sangue al moribondo come vampiri

    Non credo dipenda dalla luna dei commentatori, quanto da apposite normative nazionali.

    salvatore 20-12-2014 – 09:40:13
    NON C’E’ PIU’ RITORNO !! questa strada imboccata dal PD, e da crocetta è senza ritorno, l’unica cosa che gli rimane da fare e andare avanti, dare risposte visibili e concrete alla gente. Fare vedere che la politica non è solo spartizione del potere ma è anche studio ,analisi, diagnosi e cura delle malattie che affondano la Sicilia nel sottosviluppo. Senza bacchette magiche ma con serietà e responsabilità le risposte devono arrivare e anche presto. poiche quella strada che ha davanti il PD, e Crocetta è senza ritorno e non è infinita ,ma ha un traguardo che puo essere il burrone, oppure l’inizio di una seconda ” OPPORTUNITà “

    Nella prima tangentopoli il compagno GREGANTI Pino raccoglieva tangenti , per i giudici i soldi li prendeva per se ( che teneri ) .Per l’EXPO ricompare . Ovviamente se avrà preso tangenti sarà solo per se . E noi gli crediamo ! Ai giovani elettori del PD: vi ingoiate pure un elefante adulto e con una malox lo digerite . Siete in ottima compagnia , se lo ingoio pure Borrelli e Di Pietro.
    Buon appetito.

    Siamo nella melma

    Sono della stessa provincia di questo Gazziano o Panepinto, ma a differenza loro ho due lauree ed un master ed ora sto facendo il dottorato in Inghilterra. Cosa dirvi, ho ben compreso che questa terra meritava tutto ciò : abili opportunisti senza arte né parte, raccoglitori di voti senza altri interessi. Politica che campa la politica. Mi tengo stretto questo mio contratto e progetto di vita(ben retribuito ) fuori dalla mia terra. Saluti

    Sono comunisti di dentro e affaristi di fuori…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *