I lavori sulla Siracusa-Gela | "Ripartono, senza autorizzazione" - Live Sicilia

I lavori sulla Siracusa-Gela | “Ripartono, senza autorizzazione”

Lo ha annunciato la parlamentare regionale di Forza Italia Rossanna Cannata.

LA NOTA
di
4 Commenti Condividi

SIRACUSA – “Cosedil Spa riprenderà domani i lavori sulla Siracusa-Gela, pur in assenza dell’autorizzazione da parte del tribunale ordinario di Roma sezione fallimentare e dell’autorizzazione del Cas”. Così, in una nota, la deputata all’Ars Rossana Cannata. “Come si ricorderà – prosegue la parlamentare – l’11 giugno scorso avevo già informato la cittadinanza sull’accordo privato tra la Società italiana per Condotte d’Acqua Spa e la Cosedil Spa secondo cui, previa autorizzazione del Tribunale ordinario di Roma sezione fallimentare, Cosedil avrebbe proceduto alla realizzazione del lotto unico funzionale 6+7 e 8 ‘Ispica Viadotti Scardina e Salvia – Modica, II° tronco dell’autostrada Siracusa-Gela km 19+498,5″.

“Sebbene l’autorizzazione da parte del Tribunale non sia ancora arrivata – continua la deputata nella nota – domani la Cosedil darà il via al cantiere per completare i lavori su questa importantissima infrastruttura siciliana”. “Tale atto di disponibilità verrà guardato con attenzione da parte dei vertici del Cas nonché dall’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità – conclude Cannata – nelle more del rilascio dei successivi provvedimenti, valutando la bontà dell’intervento di ripresa dei lavori di un’opera importante, per i benefici che porterà al territorio coinvolto.”

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Avanti tutta e con celerità

    Vedremo quando potremo viaggiare su questa autostrada…..

    Ma se l’autorizzazione il Tribunale di Roma non arriva, chi pagherà le imprese che si stanno impegnando a fornire il materiale per la ripresa dei lavori? Visto che le imprese con la Cosedil non hanno firmato alcun contratto?
    Non è che poi la Cosedil dirà alle imprese che non avendo avuto l’autorizzazione non possono pagare il materiale fornito, perchè la colpa ricadrebbe sulle aziende fornitrici del materiale che hanno consegnato del materiale senza avere la dovuta autorizzazione dal tribunale! a mio avviso bisogna stare attenti, perchè chi ci rimette le penne ed i soldi sono sempre e solo le aziende fornitrici.

    Perchè in Sicilia tutte o quasi le opere pubbliche, ancorché finanziate per intero, devono sempre, o quasi subire intoppi, talvolta molto lunghi e gravi, e ciò al contrario di quel che succede al Nord? Forse che certa parte della magistratura nostrana non funzioni bene, non facendo scattare subito le manette ai polsi, e quindi sonnecchiando, con buona pace di una migliore qualità di vita dei cittadini? E se fosse così, che ci stanno a fare gli organi della vigilanza locale e nazionale come il csm? Alcuni cittadini onesti si pongono tal tipo di domande!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *