Il furto e il 'cavallo di ritorno'| Piazza Borsa, scatta l'arresto - Live Sicilia

Il furto e il ‘cavallo di ritorno’| Piazza Borsa, scatta l’arresto

Una coppia ricattata da un uomo, un minorenne su un'auto rubata. Centro storico al setaccio.

PALERMO
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Controlli a tutto spiano nella zona della movida palermitana, dove nelle ultime settimane le forze dell’ordine hanno intensificato il monitoraggio. La polizia ha passato al setaccio il centro storico e scoperto che un 31enne della Guinea aveva tentato il cosiddetto “cavallo di ritorno” con una coppia di giovani fidanzati. Nel dettaglio, i ragazzi si erano appena accorti, in piazza Borsa, di avere smarrito lo zaino che conteneva oggetti personali ed un cellulare.

Il giovane ha a quel punto contattato il numero con il proprio telefono, al quale ha risposto un uomo che ha confermato di esserne in possesso. Ed è stato in quel momento che è scattato il ricatto: lo avrebbe restituito soltanto se il ragazzo avesse consegnato la somma di cento euro. La coppia ha così lanciato l’allarme alla pattuglia del commissariato “Oreto-Stazione” che si trovava in zona. Gli agenti hanno individuato l’estorsore a pochi metri dalle vittime e l’hanno bloccato.

La borsa, con effetti personali e cellulare, è stata restituita alla legittima proprietaria, mentre il 31enne è stato denunciato per porto di oggetti atti ad offendere, visto che aveva addosso cacciaviti e coltelli. Ma non finisce qui, perché i controlli sono poi proseguiti in piazza Monte di Pietà, l’area in cui, quindici giorni fa, si è verificata una rissa con feriti. Gli agenti hanno notato una Fiat Cinquecento ad altissima velocità ed hanno intimato l’alt al conducente che ha cercato di dileguarsi per i vicoli. Una volta bloccata, dall’auto è sceso un minorenne, un ragazzo di 15 anni che è stato denunciato per ricettazione: la macchina è infatti risultata rubata.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    Praticamente il centro storico tanto conclamato dall’amministrazione comunale di sera sta diventando impraticabile,chiunque fa valere la legge del sopruso sia locali che extra comunitari la movida e un terno al lotto,non si sa come se ne esce,prima di comprare le scarpe bisognerebbe acquistare i calzini.Povera Palermo in che mani sei finita.

    Le risorse immigrate fanno presto ad “integrarsi” ed imparare come fare soldi senza lavorare…questo aveva imparato l’arte del “cavallo di ritorno”. ALTRO CHE INTEGRAZIONE

    Purtoppo paghiamo con i nostri soldi una persona che il sindaco non lo ha mai saputo fare e i risultati sono questi.
    Ci consola che alla fine di questo mandato non lo vedremo mai più come sindaco di palermo

    W Palermo e il sinnaco Ollanno !

    Ma siamo in guerra e nessuno lo dice

    Piu’ integrato di cosi’

    complottismo alle stelle appena è coinvolto un immigrato. La gente sente puzza di bruciato ogni volta che è coinvolto un immigrato

    Non ci sono parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.