I lavoratori Covisian e Almaviva occupano la sede e via Cordova - Video - Live Sicilia

I lavoratori Covisian e Almaviva occupano la sede e via Cordova – Video

I dipendenti del call center sono saliti sul tetto della sede di via Cordova
PALERMO - VERTENZA ITA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Le lavoratrici e i lavoratori di Covisian e Almaviva, impiegati nella commessa ITA, occupano il tetto dello stabile che ospita il call center Almaviva e la Corte dei Conti, in via Cordova a Palermo. La protesta è scattata stamattina e a salire sul tetto del palazzo sono una cinquantina di lavoratori. In tarda mattinata una folta rappresentanza di lavoratori è scesa in strada bloccando il traffico in via Libertà all’altezza della sede del call center.

“La colpevole assenza del governo italiano nella vertenza porta la protesta ad assumere contorni preoccupanti per quanto riguarda l’ordine pubblico a Palermo – dichiarano i rappresentanti dei lavoratori di Slc Cgil, Fistel Cisl Uilcom Uil e Ugl – La convocazione del tavolo di confronto al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali non può essere rinviata ulteriormente”.

“Ci troviamo davanti ad un altro gesto disperato da parte dei lavoratori Almaviva-Covisian – dice il sindaco di Palermo Leoluca Orlando -. Ormai è trascorso più di un mese dalla sospensione del tavolo ministeriale e non si può più far finta di niente o perdere altro tempo. Rivolgo un appello urgente al ministro del Lavoro Andrea Orlando affinché dia un segnale di attenzione e di risposta immediata alle lavoratrici e ai lavoratori Almaviva e Covisian. Bisogna garantire i livelli occupazionali, evitare che scoppino gravi tensioni sociali. La situazione, giorno dopo giorno, è sempre più drammatica”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.