Precari scuola, ministero condannato: "discriminazioni" - Live Sicilia

Precari scuola, ministero condannato per “discriminazioni”

La nota della Gilda degli Insegnanti: "Indennità per la carta elettronica deve essere estesa ai prof a tempo determinato"
LE SENTENZE
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Il Ministero dell’Istruzione e del Merito è stato condannato per discriminazione nei confronti del personale precario: lo comunica il sindacato Gilda degli Insegnanti, che in una nota scrive di “sentenze storiche”.

Precari scuola: la sentenza

Le due sentenze sono state emesse dalla Sezione Lavoro del Tribunale Ordinario di Catania il 17 maggio scorso. Secondo la Gilda degli Insegnanti, “rappresentano una dura critica all’operato del Ministero e una vittoria significativa per gli insegnanti precari”.

Le sentenze affermano che l’indennità della carta elettronica, un fondo di 500 euro annui destinato all’aggiornamento e alla formazione del personale della scuola, deve essere estesa anche ai docenti precari. Fino ad oggi, questa indennità era riservata esclusivamente ai docenti di ruolo, creando una palese disparità di trattamento.

“Personale precario discriminato”

“Il Ministero dell’Istruzione, nonostante le dichiarazioni di integrazione del Ministro Valditara, ha continuato a discriminare il personale precario, violando le norme europee”, afferma Giorgio La Placa, Coordinatore provinciale della Gilda degli Insegnanti di Catania. “Le sentenze del Tribunale di Catania ribadiscono che il lavoro svolto dai docenti a tempo determinato è paragonabile a quello dei colleghi di ruolo, ad eccezione della temporaneità dell’incarico, che non giustifica una simile discriminazione”.

“Le decisioni del tribunale ordinario fanno luce sulla questione e mettono il Ministero alle strette. Se il Ministero non porrà rimedio a tale ingiustizia, la Gilda degli Insegnanti ricorrerà nuovamente agli organi giurisdizionali competenti” conclude la nota del sindacato.


Per commentare questo articolo clicca qui
0 Commenti Condividi

Segui LiveSicilia sui social


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI