Beni per 27 milioni di euro |Sequestrato il tesoro dei Mazzei - Live Sicilia

Beni per 27 milioni di euro |Sequestrato il tesoro dei Mazzei

Il "tesoro" era stato illecitamente accumulato da Francesco Ivano Cerbo, arrestato nell’aprile del 2014 e rinviato a giudizio per associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito della nota indagine “Scarface”.

l'operazione
di
2 Commenti Condividi

CATANIA – Francesco Ivano Cerbo è il papà di William, battezzato dai cronisti dopo il blitz Scarcafe il Tony Montana dei Carcagnusi per la sua fissazione con il mito del personaggio hollywoodiano interpretato da Al Pacino. Anche lui finì in manette in quella mega operazione che svelò il potere di infiltrazione dei Mazzei nella cosiddetta economia legale, ora i finanzieri hanno sequestrato il “tesoro” di papà Cerbo. 27 milioni di euro è il valore del patrimonio oggetto del provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Catania su richiesta della Dda. Secondo le ipotesi degli investigatori il  Francesco Ivano Cerbo (54 anni), arrestato e rinviato a giudizio per associazione a delinquere di stampo mafioso, ha accumulato illecitamente beni e le quote societarie, che sarebbero “frutto” della sua appartenenza al sodalizio mafioso dei Mazzei.

uno degli immobili sotto sequestro

Uno degli immobili sotto sequestro

Francesco Ivano Cerbo sarebbe il prestanome: a lui sarebbero stati intestati beni riconducibili alla cosca  (tra cui la nota discoteca “Boh”) e sarebbe stato il curatore delle relative attività economiche. Sin da subito la Procura della Repubblica di Catania ha delegato al Nucleo di Polizia Tributaria di Catania di svolgere mirate indagini patrimoniali nei confronti di Cerbo e dei suoi familiari; accertamenti volti anche a verificare la “coerenza” del patrimonio posseduto e del tenore di vita con i redditi dichiarati.

Le indagini, condotte anche attraverso l’utilizzo di sofisticati software volte all’analisi parallela di tutte le informazioni disponibili nelle banche dati, hanno permesso di individuare i beni mobili e immobili che sarebbero stati accumulati illecitamente da Francesco Cerbo e di fare istanza di sequestro all’autorità giudiziaria.

La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale ha accolto la proposta formulata dalla Procura motivando il sequestro “da un lato, la forte sproporzione tra i redditi dichiarati ai fini fiscali e il valore dei beni acquisiti e, dall’altro, la pericolosità sociale dell’uomo”. L’ordinanza tiene conto delle decisioni del Tribunale del Riesame e della Cassazione in merito alle misure personali e reali che erano state adottate nei confronti di Cerbo già lo scorso anno.

È stato disposto il sequestro di significative quote di 13 società, a Catania, Comiso (RG), Sant’Alessio Siculo (ME), a Roma, Aprilia (LT), a Bergamo, Buccinasco (MI), Castelfranco Veneto (TV) e Palmanova (UD). Le imprese operano in diversi settori: dall’editoria all’intrattenimento, dall’edilizia al comparto alimentare. Sequestrati anche 28 immobili per lo più concentrati ad Anzio (Roma) e a Ragusa, 2 automezzi, tra cui titoli e conti correnti bancari e postali.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    GRANDE PROCURATORE SALVI.
    Dopo il sequestro si vada avanti con la confisca e si donino le autovetture alle forze di polizia che hanno carenza di mezzi e gli immobili agli enti locali così si evitano di sborsare ingenti somme per fitti passivi. Spero così che dei beni sequestrati alla mafia se ne faccia un buon uso.

    Gentile Orazio, c’è ancora tanta strada da fare.
    Che il Procuratore Salvi sia un grande Uomo è un dato incontrovertibile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.