Rapina in diretta| baby-gang assalta benzinaio - Live Sicilia

Rapina in diretta| baby-gang assalta benzinaio

I rapinatori hanno 14, 15 e 16 anni: uno di loro ha puntato la pistola contro un agente che, a sangue freddo, ha continuato a intimargli di buttare via l'arma e poi lo ha bloccato. Un altro rapinatore ha tentato di investire un poliziotto. Il capo della Mobile Antonio Salvago: "Situazione ad alto rischio, grande professionalità da parte degli agenti"

 

Squadra Mobile
di
3 Commenti Condividi

CATANIA – Con una ferocia da boss, punta la pistola contro il poliziotto che lo ha sorpreso ad assaltare un distributore di benzina.  Ma l’agente, con sangue freddo, lo guarda in faccia e gli intima di buttare via l’arma. E’ uno dei passaggi chiave dell’operazione della Squadra Mobile che ha sgominato una banda di baby rapinatori a Catania.

Baby rapinatori assaltano distributoreCol volto coperto e armi in pugno: ferocia da banditi di lungo corso per i membri della banda, tutti ragazzini e con le pistole giocattolo. La rapina che volevano portare a segno lunedì sera però, era tutt’altro che un gioco. Così sono finiti in manette i tre minorenni – H.H.C. di 15 anni, A.M. di 16 anni e A.S. di 14 anni, dei quartieri San Cristoforo e Librino – che avevano appena assaltato la stazione di servizio Agip del  Gelso Bianco. Ad arrestarli, con l’accusa di rapina aggravata, sono stati gli agenti della sezione Antirapine della Squadra Mobile. Il titolare della pompa di benzina era ormai un bersaglio per la criminalità e nelle ultime settimane era stato vittima di altri colpi. Così, le Forze dell’Ordine erano in campana: durante ll’ennesimo colpo, gli agenti della Sezione Antirapine sono entrati in azione bloccando la banda.

Baby rapinatori assaltano benzinaioLe telecamere di sorveglianza registrano ogni momento dell’assalto: i tre rapinatori arrivano tutti insieme a bordo di un motorino e riescono a rubare 108 euro. Intervengono gli agenti e uno dei rapinatori punta la pistola contro un poliziotto, che però riesce a bloccarlo e disarmarlo. Un altro rapinatore, inforcato il motorino, tenta di investire un altro agente. Scattano le manette, con le accuse di rapina aggravata, resistenza, violenza e lesioni. I tre sono adesso nel centro di prima accoglienza di via Franchetti. E’ possibile che la banda abbia messo a segno altre rapine ai danni di altri distributori di benzina. Le indagini continuano.

Baby rapinatori assaltano benzinaio“Con altissima professionalità – spiega a Live Sicilia Catania il capo della Squadra Mobile etnea Antonio Salvago – i poliziotti della Sezione Antirapine hanno gestito una situazione ad alto rischio. Non hanno perso la calma, ed hanno affrontato criminali armati ed incappucciati riuscendo a bloccarli ed arrestarli”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Complimenti agli agenti! Grazie per quello che fate…operare nel nostro territorio è veramente difficille…

    fosse successo negli Stati Uniti i poliziotti prima avrebbero sparato e poi si vedeva… meno male che da noi c’e’ gente piu’ sensata.

    Se fosse successo negli Stati Uniti quei ragazzini avrebbero avuto armi vere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.