Rubano i fiori deposti per Pippo Fava| La figlia: "Ora basta, vergognatevi" - Live Sicilia

Rubano i fiori deposti per Pippo Fava| La figlia: “Ora basta, vergognatevi”

CATANIA
di
4 Commenti Condividi

Ignoti a Catania hanno asportato i fiori e la corona collocati giovedì scorso davanti al luogo in cui il 5 gennaio del 1984 venne assassinato dalla mafia il giornalista Pippo Fava. Lo ha reso noto la fondazione che prende il nome del giornalista e scrittore assassinato, dopo che ieri pomeriggio non sono stati più trovati (dove erano stati collocati) la corona che era stata posta ai piedi della lapide dall’amministrazione comunale, due mazzi di fiori appoggiati al muro e un mazzo di lilium gialli, quest’ultimo appeso, come ogni anno, sopra la lapide, ad una considerevole altezza da terra.

”Ora basta. Questo succede ogni anno – ha detto Elena Fava, figlia del giornalista ucciso – ma ora ho deciso di dire la mia: vergognatevi. Ma quanto fastidio continua a dare quest’uomo a questa città?”. ”Quello che è accaduto – ha aggiunto – è una forma di disprezzo nei confronti di quello che noi facciamo e ribadiamo anno per anno. Rubare i fiori per strada è come rubarli ad una tomba”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
4 Commenti Condividi

Commenti

    INFAMI CODARDI!!!

    mascalzoni, la città e ciascuno di noi dovrebbe manifestare il suo sdegno e soprattutto la classe dirigente, se c’è?!

    Si parla sempre di debellare la piagha degli atti vandalici contro i beni altrui o verso la società comune. Ci sarà qualcuno capace di prendere una posizione in merito e fare una volta tanto diventare la terra del sud un’orgoglio mondiale e non solo nazionale, e non solo e sempre lo zinbello di tutti.

    SONO SOLO DEI QUA QUA RA QUA Grande Pippo Fava e l’amore per la sua Catania.
    un Catanese..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *