Marsala, blitz antidroga: 11 arresti - Live Sicilia

Blitz antidroga a Marsala, 11 arresti: tre donne al vertice

Perquisizioni
TRAPANI
di
0 Commenti Condividi

MARSALA (TRAPANI) – Blitz antidroga a Marsala, in provincia di Trapani. L’operazione è stata condotta dai carabinieri contro tre gruppi di spacciatori, in concorrenza tra loro, ciascuno guidato da una donna. Nel blitz sono stati impiegati i militari della Compagnia di Marsala, dello squadrone eliportato Cacciatori di Sicilia, del nucleo cinofili di Palermo Villagrazia e del dodicesimo reggimento carabinieri Sicilia.

Le misure cautelari

L’ordinanza cautelare, emessa dal gip di Marsala su richiesta della Procura, riguarda complessivamente 14 indagati: 11 sono finiti in carcere, per altri due sono scattati i divieti di dimora nel Comune di Marsala e per un quattordicesimo indagato un obbligo di dimora. Sono accusati, a vario titolo, di traffico e spaccio di sostanze stupefacenti (crack, eroina e cocaina), estorsione, riciclaggio di denaro e lesioni personali.

Lo spaccio nel quartiere ‘Sappusi’

Le indagini si sono concentrate nella piazza di spaccio nel quartiere popolare di ‘Sappusi’, in via Virgilio. Secondo gli inquirenti, anche una giovane morta per overdose ad ottobre 2021 (cui è seguito il suicidio del compagno), si sarebbe rifornita in passato in quella piazza di spaccio. Alcuni degli indagati sarebbero responsabili anche di estorsioni, lesioni personali e finanche di un tentato sequestro di persona per il recupero crediti da acquirenti che non pagavano le dosi acquistate.

La droga e il Reddito di cittadinanza

Lo stupefacente, che arrivava da Palermo attraverso corrieri che effettuavano viaggi su bus di linea, veniva tagliato (spesso grossolanamente) e ceduto all’interno delle abitazioni degli indagati, protette da sistemi di videosorveglianza per controllare l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine. Alcuni tossicodipendenti, considerati a rischio di insolvenza da parte degli spacciatori, sarebbero stati costretti a consegnare ai pusher la carta del Reddito di cittadinanza (fornendo i relativi Pin) in cambio di crack, eroina o cocaina.

Un indagato per omicidio

Nell’inchiesta c’è anche l’omicidio di un pregiudicato, ucciso a colpi di piede di porco lo scorso 26 settembre. L’omicidio, maturato nell’ambiente dello spaccio di stupefacenti, sarebbe stato commesso da uno dei principali indagati dell’operazione di oggi, già arrestato per quel delitto. Lo stesso indagato avrebbe anche tentato di introdurre droga (nascosta in confezioni di cioccolatini) nel carcere di Rossano Calabro dove, tra il 2019 e il 2020, era recluso per altri reati.

Un giovane spese 70mila euro

Dall’inchiesta è emersa anche la figura di un giovane di famiglia agiata che, in meno di un anno, avrebbe acquistato più di 1.300 dosi di crack per oltre 70mila euro. Il giovane, non riuscendo tuttavia a pagare l’ultima tranche di stupefacente, cedutagli a credito, sarebbe stato costretto a cedere l’auto e la moto di proprietà. La necessità di denaro lo avrebbe poi spinto a minacciare la madre e una zia per ottenere il denaro necessario a pagare gli spacciatori. Nei suoi confronti il gip ha emesso un’ordinanza cautelare in carcere per estorsione e maltrattamenti.

Le denunce dei cittadini

L’operazione antidroga è stata resa possibile grazie anche alla collaborazione dei cittadini. Lo sottolineano gli stessi investigatori spiegando che la presenza degli spacciatori era stata segnalata su alcuni social network. Le denunce avrebbero confermato e integrato quanto già i carabinieri stavano documentando con le loro attività di indagine.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *