Catania, sos legalità: sono troppe le opere d'arte danneggiate - Live Sicilia

Catania, sos legalità: sono troppe le opere d’arte danneggiate

Giuseppe Mendolia, esperto d'arte, ci spiega come invertire la rotta e non lasciare la città in mano ai vandali.
1 Commenti Condividi

CATANIA – “Lo spazio pubblico va inteso come parte di ciò che è privato, perché manca quel senso sano di possesso comune degli spazi che fa sì che i cittadini, sentendosi co-proprietari, s’impegnino a proteggere, salvaguardare e anche a promuovere la Città”. Giuseppe Mendolia, esperto d’arte e cofondatore di Balloon Project, non ci sta a vedere Catania preda dei vandali. In ultimo è arrivata la denuncia pubblica per le scritte sulle pareti del Castello Ursino. Girando per Catania è però difficile trovare spazi d’arte che non siano stati aggrediti dalle bombolette spray o dal degrado. Un destino che colpisce qualsiasi parete, soprattutto se appena restaurata.   

Cosa fare? Prima ancora che al Bello, Mendolia è convinto che bisogna educare i catanesi a pensare al patrimonio artistico (e non solo) cose se si avesse a che fare con le pertinenze della propria abitazione. “Ecco, bisogna fare come quando si riceve un ospite in casa. Allora avviene – ci spiega – che abbiamo cura di tenere in ordine e di mostrare al meglio gli arredi e l’abitazione, sia per comunicare all’ospite chi siamo ma anche per farlo sentire accolto in un luogo pulito e ordinato. Con questo spirito dovremmo occuparci dei beni pubblici delle nostre città”. Un cambio di mentalità, insomma. Una sfida non da poco.

Di che si occupa Mendolia? Balloon Project è una piattaforma di ricerca che promuove e diffonde la cultura artistica contemporanea attraverso progetti di curatela, comunicazione e micro-editoria indipendente. Iniziative finalizzate a diffondere il senso di appartenenza alla propria città.

In che stato versa Catania? Murales e deturpazioni compaiono in Piazza Teatro Massimo, alla Villa Bellini, al Castello Ursino e in Piazza Europa. Senza distinzione tra statue, fontane ed edifici storici. Un segnale di totale assenza interesse per i beni culturali.

Tutto questo avviene, paradossalmente, mentre il numero dei turisti vogliosi di ammirare le bellezze del territorio è in crescita costante. Da più parti, intanto, si fa strada la richiesta di una maggiore presenza delle forze dell’ordine a presidio delle zone più frequentate del centro. Un appello che va di pari passo con l’indignazione suscitata dai recenti video su TiKTok (spinte a chi guida il monopattino, macchine dei vigili urbani accerchiate, turiste molestate). Video che hanno sicuramente imbarazzato e messo in cattiva luce l’immagine della città.  


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Opere d’arte danneggiate, delinquenza, sporcizia. Il centro specialmente la domenica mattina offre uno spettacolo stomachevole.
    Una città di quattrocento mila abitanti ingovernata e ingovernabile.

    Peccato vederla ridotta così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *