Dal Comune soldi alle tv 'amiche' - Live Sicilia

Dal Comune soldi alle tv ‘amiche’

Palermo, sono oltre 300 mila euro, la metà a Trm
di
10 Commenti Condividi

Più di trecentomila euro per la comunicazione. Non c’è stata alcuna gara per l’assegnazione dei fondi ma una determinazione del sindaco, Diego Cammarata, “il piano è stato ritenuto meritevole di accoglimento da parte del sindaco – si legge nel documento – e quindi si procede all’aggiudicazione dei contratti pubblici mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara”. La notizia è riportata dall’edizione odierna di E-polis Palermo.

“Il suddetto piano – spiega il documento – ha l’obiettivo di dare ai cittadini di Palermo una panoramica informativa sui vari temi portati avanti dall’amministrazione, prevede una spesa complessiva di 323.760,00 più iva ed è stato approvato e validato dall’esperto della comunicazione”.

A destare interesse è come sono state suddivise le risorse:
Trm 168.000 euro
Tgs 32.000 euro
Cts 33.000 euro
Tele One 9.600 euro
Tele Rent e Telesud 7.200 euro
Tv7 Partinico e Tele Occidente 4.800 euro
Tvt 3.200 euro

Preotesta l’opposizione, con Nadia Spallitta che parla di un esposto alla Corte dei conti per violazione delle norme europee che impongono gare pubbliche per importi superiori ai 100 mila euro. Ma Davide Faraone (Pd) che parla di un sindaco che ormai “viaggia su una lunghezza d’onda diversa rispetto a quella dei cittadini palermitani”.

Protesta anche il rappresentante degli imprenditori di “Secolo Ventuno”, Maurizio Scaglione, che ritiene vi siano priorità sociali che Cammarata ignora e attacca “a questo punto pubblicizzerà le foto e la puzza dell’immondizia che sovrasta le strade della città”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

10 Commenti Condividi

Commenti

    se non erro ci sono tante società che volevano “attingere” dai fondi destinati dal Comune di Palermo per la comunicazione
    e addirittura creare sito – rivista e tv web di nome PalermoLiva…. simile a Live Sicilia….
    che strana similitudine…
    era un progetto presentato da Server Studio… magari eravate interessanti anche voi ?
    come siete interessati a tutta la pubblicità che la Pubblica Amministrazione fa sulla vostra rivista ? e sito ?

    ecco qui :
    http://scedelibere.comune.palermo.it/scedelibere//docs/albopretorio/82053/delibera_gm_293_1.pdf

    allora facciamo una breve cronistoria:
    1) TRM ha avuto la fetta più grossa di denaro,
    2) TRM = VIZZINI
    3) TRM = Guido Monastra ora capo redazione ufficio stampa alla regione siciliana
    Sicuramente sarà tutto un caso, forse si, ma anche forse NO!
    VERGOGNA!!!

    Con quale criterio è stata eseguita la suddivisione dei fondi destinati alla comunicazione?

    Certa una cosa, se il Cammarata dona i soldi secondo l’importanza della radio e per lui è più importante TRM che RGS vuol dire che qualosa non va.
    Più che altro vorrei sentire cosa ne pensa RGS visto che di solito i finanziamenti vengono elargiti secondo l’importanza degli ascolti e copertura sul territorio e non secondo il grado di amicizia.
    Secondo me Cammarata si è tolto il classico “sassolino dalla scarpa” dopo che il Giornale di Sicilia e RGS hanno messo in piazza le sue marachelle.

    Il criterio e’ Che quelli Di server volevano fare sul serio e li hanno messi in mezzo con procedure Ed atti illeggittimi.
    Il comune si e’ accorto che questi non erano disposti a tenere il sacco a nessuno, quindi, la delibera e’ stata ritirata.
    Oggi sono tutti più contenti anche quelli che urlavano allo scandalo alla fine dell’anno.
    Amen

    COSI’ ESCLAMEREBBE SASA’ SALVAGGIO A STRISCIA COMMENTANDO QUESTA NOTIZIA VERGOGNOSA….
    PALERMO E’ UNA CITTA’ COSI’ RICCA E BENESTANTE, SENZA DISOCCUPAZIONE E SENZA EMERGENZE E BISOGNI SOCIALI CHE SI TROVANO ANCHE SOLDI PER FINANZIARE LE TV PRIVATE CHE DOVREBBERO SOSTENERSI CON LA PUBBLICITA’ (CHE GIA’ BASTA E AVANZA).
    LA META’ DEI DIPENDENTI DI TRM, TGS E DI MOLTE TV PRIVATE SONO ANCHE GIA’ ASSUNTI ALLA PROVINCIA, REGIONE E COMUNE COME AD ES. GUIDO MONASTRA CHE E’ CAPO UFFICIO STAMPA DI UN UFFICIO DOVE C’E’ SOLO LUI. QUINDI CAPO DI CHI???? DIRIGE SE STESSO OVVIAMENTE. (NOTIZIA USCITA SOLO SU REPORT DELLA GABBANELLI, ALTROVE LE SOLITE BOCCHE CUCITE O SENZA VERGOGNA).
    COMPLIMENTI A CAMMARATA E COMPANY….E PER LE RETI NAZIONALI RAIMEDIASET NIENTE??? MA COME UNA CITTA’ COSI’ COOL…

    La RAI vuole ritirare la tutela legale a Report di Milena Gabanelli. Il programma dovrebbe iniziare il prossimo 11 ottobre. Non potendo chiudere la trasmissione, la RAI fa come Ponzio Pilato, lascia questo compito agli avvocati delle imprese e dei partiti. Il direttore generale Mauro Masi è l’ispiratore di questa brillante iniziativa. Chi lo avrà ispirato a sua volta? Chiedetelo a lui, attraverso il form della RAI.
    COSI’ IL BLOG DI BEPPE GRILLO.
    IMMAGINO CHE VOI DI LIVESICILIA STATE GIA’ PENSANDO AD UNA BELLA INTERVISTA CON LA GABANELLI…CI SPERO MOLTO. SALUTI ATTAPIRATI. UN VOSTRO AFFEZIONATO LETTORE.

    Mettiamo qualche altra striscia blu e recuperiamo anche questi soldi regalati.
    A proposito quanti giorni mancano alle prossime elezioni comunali?
    Non sarebbe il caso di iniziare il conto alla rovescia…….

    Si il conto alla rovescia è già cominciato. Affilate i coltelli, ma vi prego, non sulle carni dei cittadini.
    Eusebio D’Alì che si dimette da Assessore! solo un pazzo poteva fare questo atto. Credetemi Eusebio non è pazzo. Ci vuole poco a capire che il conto alla rovescia è iniziato.
    Addio Cammarata.
    Chi sarà il prossimo!
    Io azzarderei Vizzini, Voi chi azzardereste?

    mandate tutti i politici,in un;isola circondata da coccodrilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *