Palermo, difesa colabrodo |Troppi errori là dietro - Live Sicilia

Palermo, difesa colabrodo |Troppi errori là dietro

Dalle papere di Posavec fino alle topiche di Goldaniga e compagni: tanti i punti persi per strada.

calcio - serie a
di
6 Commenti Condividi

PALERMO – ‘La difesa è il miglior attacco’ recita il detto, ma nel caso del Palermo di Eugenio Corini, che ha ereditato il gruppo rosanero di recente da Roberto De Zerbi, senza una difesa adeguata per la serie A si fa fatica anche a pensare soltanto d’impensierire l’avversario figuriamoci attarcarlo. La sfida di domenica scorsa persa contro il Chievo riassume in breve ciò che in sedici giornate per i tifosi siciliani è stato un film visto più e più volte: una marcatura approssimativa nei confronti di Birsa da parte di Andelkovic in occasione del primo gol gialloblù e un retropassaggio alla cieca di Goldaniga che spiana la strada al gol di Pellissier che deve solo appoggiare la sfera nella rete di Posavec. Due episodi che, estratti da 90′ di sostanziale equilibrio fra le due formazioni in campo, spiegano un 2-0 che all’esterno può sembrare frutto di superiorità da parte dell’avversario, senza nulla togliere ad un Chievo esperto e in grado di far male a qualunque rivale.

Il male del Palermo targato 2016/2017, oltre alla scarsa vena realizzativa in avanti con il solo Nestorovski a tenere in linea di gallegiamento i suoi, risiede dunque in un reparto arretrato mal costruito nella sessione estiva di mercato e abituato ormai ogni domenica a cambiare assetto ed interpreti. Gli episodi che si ricordano principalmente hanno riguardato spesso il giovane portiere Posavec (vedi gare con Crotone, in cui il croato scontrandosi con Rajkovic favorisce la rete di Trotta, Milan, dove invece non chiama la palla ad Aleesami mettendo Suso nelle condizioni di calciare a porta praticamente vuota, fino agli interventi goffi con Napoli, Roma e Cagliari, ndr) messo facilmente sul banco degli imputati per la sua poca esperienza ma, allo stesso tempo, scagionato da interventi altrettanto sensazionali che portano a pensare ad un suo utilizzo troppo avventato da parte della società.

Ma a pesare maggiormente nella classifica dei gol subiti dai rosanero, che nonostante l’ultimo posto in classifica sono la penultima difesa del campionato con 31 reti davanti al Cagliari di Rastelli a quota 37 che però a differenza del Palermo ha ben 14 punti in più classifica e si trova lontana dalla zona retrocessione, sono gli errori individuali dei difensori. Gli infortuni a ripetizione che hanno coinvolto Rajkovic e Gonzalez, sulla carta titolari ad inizio stagione, così come Goldaniga ed Andelkovic hanno messo in seria difficoltà un reparto che sin dalle prime giornate ha perso le poche certezze che aveva messo da parte la passata stagione nel finale di campionato sotto la guida di Davide Ballardini. Quella squadra incassava infatti nelle ultime decisive quattro gare del campionato subì soltanto due reti del Verona nel match del ‘Barbera’ ma dalla sua poteva contare su un attacco in grado di far male con Gilardino, Vazquez e Trajkovski.

Il Palermo di quest’anno al contrario, seppur nella forma non si sia mai allontanato da quella difesa a tre che ha sempre mostrato maggior equilibrio sia nell’era di Iachini che successivamente con Ballardini, in sedici giornate ha chiuso la porta in solo due occasioni (0-1 contro l’Atalanta a Bergamo nell’unica vittoria fino ad ora dei siciliani in campionato e nello 0-0 portato fino alla lotteria dei rigori con lo Spezia in Coppa Italia, ndr). Dati per nulla confortanti per Eugenio Corini che dal mercato di gennaio si augura di ricevere almeno un paio di correttivi (un portiere e un altro centrale con grande esperienza della massima serie, ndr) per provare a correggere una rotta che punta con sempre più forza verso un’inevitabile retrocessione.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Corini, insegna a questi ragazzi a tirare in porta e a farsi i passaggi che sbagliano al 99% delle volte molto spesso nosanno cosa fare quando hanno palla, perchè i compagni i movimenti senza palla non li sanno fare. Non sanno contrastare senza fare fallo l’avversario e gli consentono di tirare in porta quando vogliono e ce ne sono altri difetti. Il portiere ad esempio, a grossi problemi a parare in particolare i tiri da lontano. Devi farli allenare almeno 10 ore al giorno. Fagli guadagnare il pane.

    Sono anni che la difesa è scadente.

    Siete tutto un colabrodo.

    Questi sono tecnicamente…

    Non è solo la difesa, è il centrocampo che non esiste, l’attacco che non esiste e un portiere che, poverino, ha già fatto troppo e ha evitato un passivo ancora più pesante, visto che gli arrivano almeno 100 tiri nello specchio a partita.

    In effetti, rispetto al tuo Gadania che ha subito solo 12 goals e ha la difesa più forte della serie A, siamo un colabrodo. Per non parlare poi della posizione in classifica. Noi ultimi e voi che vi giocate lo scudetto con la juve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.