Eugenio e quel regalo | a Daniel che non c'è più - Live Sicilia

Eugenio e quel regalo | a Daniel che non c’è più

Daniel e Birgit

La generosità del nuovo mister rosanero. Quando era giocatore.

La storia
di
4 Commenti Condividi

Daniel Schimmenti aveva un sorriso bellissimo. Lo notavi prima della sedia a rotelle. Era figlio di Turiddu e Birgit. Lui – Turiddu – siciliano emigrato in Germania, lei tedesca. La sorte gli aveva donato figli amatissimi, tra cui Daniel e il suo sorriso, una vita comunque serena e una casetta di sogno e verde a Francoforte.

Daniel non sarebbe mai diventato grande, perché già lo era nel coraggio con cui affrontava la salita della sua disabilità senza futuro. Non sarebbe cresciuto. La clessidra si sarebbe fermata presto. Lo sapevano tutti.

Turiddu è tifoso del Palermo. Ai tempi di questa storia era iscritto a un glorioso sito – www.tifosirosanero.it – governato da Antonio Moschitta. E fu proprio Antonio a parlare con Eugenio Corini, allora capitano di uno squadrone rosa, invitato a una cena del gruppo. Fu un colloquio sussurrato e timoroso del rifiuto: “Senti, ‘Genio’, c’è una famiglia di grandi appassionati del Palermo, gravata da un fortissimo peso. Certe cose non possono cambiare, però, se tu volessi….”. Eugenio disse di sì, con un luccichio di lacrime tra le palpebre. Il Palermo Calcio si mise a disposizione con velocità e generosità.

Qualche giorno dopo, a casa di Turiddu, venne recapitata una maglia per Daniel, la maglia numero cinque, la maglia del capitano. E sopra c’erano scritte indimenticabili parole d’affetto.

Così, quando Daniel portò con sé il suo sorriso e lascio qui per sempre la sua pena, a tutti coloro che l’avevano amato rimase una maglia benedetta dalla felicità. E i sogni di un’anima bambina che aveva già spiccato il volo.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Eugenio e’ prima di tutto un grande uomo. È stato senza dubbio un grande calciatore e, oggi, speriamo possa essere protagonista di quello che sarebbe un miracolo sportivo. Di certo i palermitani gli hanno voluto bene e speriamo possano volergliene ancor di più perché lo merita

    Non ho mai conosciuto Daniel di presenza, ma Turiddu, carissimo amico conosciuto tramite il sito che gestivo, me ne parlò talmente tanto che Daniel diventò per me di “famiglia”.
    Ricordo come se fosse ora quando parlai con Corini. Lui mi disse subito “Antonio, avevo portato questa maglia per te, ma ora farò una dedica per Daniel e dirò alla società di spedirla direttamente a lui in Germania. Dammi l’indirizzo che ci penso io”.
    Grazie anche a Fabrizio Giaconia, l’allora addetto stampa del Palermo Calcio, quella maglia arrivò in germania in tempi brevissimi.
    Ora Daniel è un angelo speciale…. so che vuole bene anche a me!

    un capitano, sei solo un capitano, un capitano, sei solo un capitano !

    Ciao Antonio Moschitta. Bei tempi quelli di tifosirosanero con tutti gli amici al completo. Un caro ricordo per il piccolo Daniel, visto in foto. Benvenuto al mister Corini e speriamo nel miracolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.