La Sicilia attraversa i giorni del grande caldo: punte di 41 gradi

La Sicilia attraversa i giorni del grande caldo: punte di 41 gradi

La mappa della Protezione civile: occhi puntati su Palermo e Catania
LE PREVISIONI
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Il grande caldo continua e la Sicilia in questa settimana rischia di trasformarsi in una vera e propria fornace. La Protezione civile regionale ha lanciato l’allerta: prevede punte di 41 gradi per la giornata di domani, mercoledì 11 agosto, nelle due principali città dell’isola: Catania e Palermo. Non andrà molto meglio a Messina, dove sono previsti 40 gradi per la giornata dell’11 agosto.

CLICCA QUI PER CONSULTARE LA MAPPA DEL RISCHIO

Il bollettino fa il punto per quanto riguarda il rischio ondate di calore. Oggi per la provincia di Palermo sono previsti fino a 39 gradi e il livello di allarme arancione domani salirà a rosso. Per quanto riguarda il rischio di incendi, per la giornata di oggi nella provincia di Palermo permane la previsione di pericolosità massima (“alta”) ed il livello di “attenzione” rosso. Analogo livello di allerta per le province di Caltanissetta, Enna, Catania, Siracusa e Ragusa.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Ma basta! questi allarmi caldo infastidiscono solo la gente (basta leggere i commenti nei social o sentirli in giro!

    Operatori economici, operatori turistici, commercianti, baristi, ristoratori, turisti e semplici cittadini protestano duramente contro l’allarme caldo della Protezione Civilesostenendo che gli allarmismi sul caldo danneggiano turismo ed economia. La protezione civile dovrebbe sapere che: 1) Da nessuna parte sono previste temperature sopra i 45 gradi. 2) Non esiste la percezione nella scienza. La scienza è oggettiva, la percezione è soggettiva. Quindi la temperatura percepita non è un concetto scientifico, in quanto ognuno percepisce diversamente caldo e freddo. 3) l’autocombustione non esiste, gli incendi sono dolosi o derivanti da incuria e colpa, come spiegato dal capo dei vigili del fuoco. 4) Non è che lanciando continue allerte caldo, la gente si chiude in casa. Ecco se il pensiero è fare stare la gente a casa, a maggior ragione d’estate la gente non ci sta a casa. E’ stata troppo a casa per il covid, pure d’estate no. Basta! il troppo storpia. 5) se volete fare stare a casa la gente a ferragosto dovreste lanciare allerta temporali e freddo ad agosto, perchè è estate ed è normale che faccia caldo. Anzi proprio col caldo la gente esce di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *