L'altra Palermo - Live Sicilia

L’altra Palermo

Palermo, l'altra Palermo. Quella che pochi conoscono, se non nei racconti di qualcuno di cui ormai non sanno più nulla.

4 Commenti Condividi

PALERMO – Il salone era ampio. Quel tavolo, apparecchiato in fretta e furia, manteneva comunque l’eleganza di chi non lascia nulla al caso. Mi trovavo in una zona residenziale di alti palazzoni del quartiere San Lorenzo. E intanto pensavo che vivere lì per i palermitani che avevo conosciuto fino a quel momento a Baddarò, poteva quasi essere un lusso.

Mi chiesero dove vivessi. Io, come molti studenti, non avevo mai vissuto lontano dal cuore dei mercati e delle rovine del centro storico. “Ricordo solo qualche domenica a Ballarò, quando da bambino accompagnavo mio padre a fare la spesa la domenica. Non ci metto piede da trent’anni” ammise il padrone di quella casa di periferia, che poco aveva di periferico.

Allora mi chiesi come fosse possibile, vivere una vita intera senza avere negli occhi il balenare delle luci sopra le bancarelle, quando i giorni si fanno più corti. Luci a illuminare quel fiume di gente, ogni sera, che da sei mesi ormai pare Natale. Senza camminare, evitando i rifiuti e le pozze lasciate dai pescivendoli, quando ormai la giornata è finita e aspetta solo la tregua dell’alcol delle taverne. Senza aver mai passeggiato la domenica mattina lungo via dell’Alloro, con l’incertezza degli occhi all’insù che avevi visto durante la settimana solo sulla faccia di qualche turista incredulo.

Senza aver gustato il sapore agrodolce di una lingua che non conosci. Che arriva sempre prima del suono della tua sveglia, e che ti lascia nel sonno delle coperte con l’immagine di una bancarella vuota, perché ancora non hai capito che cosa ci stiano vendendo. Melanzane? Zucchine? A un euro? Quell’uomo seduto davanti a me, non aveva forse mai visto l’esplosione e le fiamme, non aveva mai provato il terrore che avevo vissuto quella notte in cui un’auto veniva ridotta in cenere. Né lo stupore di fronte alla ricostruzione del proprietario, che sintetizzò il fatto con una rapida autocombustione.

Forse non avrebbe mai provato la stessa rabbia per quel cavallo che ogni giorno vedevo, mentre salivo o scendevo le scale di casa, da una finestra su una delle innumerevoli stalle nascoste sotto i balconi dei cortili interni, dove saliva l’odore acre di una normalità impassibile. E il panettiere di cui non si conosce neanche il nome? Avrebbe mai suonato al suo campanello per riportargli le chiavi dell’auto dimenticate in negozio? Avrebbe mai visto uno sconosciuto vendere la propria merce di seconda mano appoggiata su un panno bianco steso sopra la macchina di un altro? Come glielo dici che quella è la tua macchina? Che non gli appartenesse già doveva saperlo in qualche modo.

Sentirà mai per quei vicoli, l’odore dei cibi d’Africa, e quello delle arrostute che gli stessi africani hanno preso ad accendere per strada, in quel continuo oscillare delle contaminazioni? L’uomo che mi stava davanti aveva ormai finito il suo piatto e il suo pranzo. Aveva ormai una famiglia e un lavoro che non lo avrebbero portato mai a ficcanasare altrove.

Togliendo le ultime posate dal tavolo, tornarono alla mente le pagine di un libro che avevo finito di leggere qualche giorno prima. “Marsiglia – diceva – non è un posto per turisti. Non c’è niente da vedere. La sua bellezza non si fotografa. Si condivide. Qui bisogna schierarsi. Appassionarsi. Essere per, essere contro. Essere, violentemente. Solo allora, ciò che c’è da vedere si lascia vedere. E allora è troppo tardi, si è già in pieno dramma. Un dramma antico dove l’eroe è la morte. A Marsiglia anche per perdere bisogna sapersi battere”. Chissà se quell’uomo che già beveva l’ultimo sorso del suo caffè sarebbe riuscito a vedere altro che Palermo in quelle righe. Io non potevo fare a meno.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Mi piace molto! Complimenti all’Autrice.

    Quella descritta è “una” altra-Palermo, una tra le “tante” altre-Palermo che ci sono. Piccole e circoscritte realtà sociali distribuite tra il centro storico e le borgate. Piccole e circoscritte ma misteriosamente interconnesse. Piccole, circoscritte e isolate rispetto alla Palermo-bene, quella delle vie alberate, con i vigili urbani e con le strisce pedonali visibili, quella dei privilegiati con lo stipendio fisso, della raccolta differenziata e delle piste ciclabili. Quella che fa finta di non vedere, che fa finta di non sapere, quella che non vuole sapere. Chissà, forse gli occhi ed il cuore di qualche giovane (come penso sia Martina) possono aiutarci a vedere, a sapere, a capire e a domandarci i perché. E a cercare proposte e speranze di cambiamento.
    Grazie Martina.
    Palermo, 16 settembre 2012
    Sandro Riotta

    La Palermo descritta in quest’articolo è molto poetica e nostalgica ma, come spesso accade è una idealizzazione della realtà. Gli odori, i sapori, le bancarelle e quant’altro hanno alle spalle tante cose che di poetico e di affascinante non hanno proprio niente. Mi ricorda tanto l’elegia della cultura contadina che viene fatta da quelli che in campagna non hanno mai messo piede e non sanno che la vita dei contadini sovente era fatta di fame, freddo , prevaricazioni e violenze. Quel signore cha abita a San Lorenzo ,probabilmente usciva da un “catoio ” di Ballarò o dell’Albergheria senza acqua corrente, servizi igienici e luce elttrica e in mezzo a quegli odori e sapori non vuole mettere più piede. Tanti anni orsono mia madre mi portò con se a trovare la persona che lavorava a casa nostra ed aveva avuto il sesto figlio a 30 anni. Abitava nel quartiere dell’albergheria e l’odore sgradevole che c’era in quella specie di tugurio me lo ricordo dopo più di 60 anni così come ricordo l’espressione di felicità che si dipinse sui volti dei presenti quando mia madre mise sulla tavola un contenitore dove navigavano un paio di chili di carne lessa e quant’altro.Non ho nostalgia degli scaricatori delle zavorriere che, seminudi trasportavano per poche lire pesanti “coffe” di sabbia, mi dispiace che con la rabbia per queste condizioni non siamo riusciti a costruire una città migliore.

    Il Signor manlio, ha descrittol la triste verità che ha vissuto il signore di san Lorenzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *