L'inchiesta sul riciclaggio | Sospeso il funzionario coinvolto - Live Sicilia

L’inchiesta sul riciclaggio | Sospeso il funzionario coinvolto

Il presidente della Regione, Rosario Crocetta

L'annuncio da parte del governatore Crocetta: il settore Beni e servizi della Regione, in cui lavora Leonardo Di Giovanna, verrà sottoposto a monitoraggio. ll governo regionale si costituirà parte civile nell'eventuale procedimento penale a carico del dipendente.

Nuove rotazioni in vista
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – C’é anche un funzionario della Regione Siciliana, Leonardo Di Giovanna, tra i 34 arrestati dalla guardia di finanza che hanno scoperto una organizzazione che tentava di riciclare denaro attraverso la compravendita di valute estere e la commercializzazione di oro. Di Giovanna è un dipendente del settore Beni e servizi. Il governatore Crocetta, esprimendo l’apprezzamento nei confronti della magistratura palermitana e della guardia di finanza, ha spiegato che l’uomo “è stato già sospeso”.

“L’arresto di Di Giovanna – aggiunge Crocetta – mostra il livello pericoloso di infiltrazioni che esistono all’interno della macchina burocratica regionale, la necessità di rafforzare le misure necessarie di controllo monitoraggio e rotazione”. Crocetta annuncia che “entro oggi verranno presi necessari provvedimenti cautelativi a difesa della Regione e della sua immagine, che il governo regionale si costituirà parte civile nell’eventuale procedimento penale a carico del dipendente e che attuerà sin da oggi provvedimenti adeguati”. Il governatore annuncia inoltre che “il settore beni e servizi del cerimoniale sarà oggetto nei prossimi giorni di una rotazione molto ampia, quasi totale, a tutela dell’immagine della Regione e degli stessi lavoratori”.

Il funzionario, insieme ad altre 11 persone, è ai domiciliari; altre 22 persone sono in carcere: tra loro un giudice del Tar del Lazio e due carabinieri. Nell’inchiesta risultano indagate complessivamente 38 persone. Le misure cautelari sono state emesse dal gip di Palermo Guglielmo Nicastro che ha disposto una ottantina di perquisizioni tra le quali alcune nell’ufficio del Tar del giudice e nella sua abitazione. Agli indagati è contestato, a vario titolo, il reato di associazione a delinquere finalizzato al riciclaggio “attraverso l’esercizio abusivo dell’attività di intermediazione finanziaria e attraverso l’uso di artifici diretti a eludere il sistema della tracciabilità delle operazioni finanziarie aggirando il circuito bancario”. Ad alcuni degli indagati viene contestata anche l’associazione a delinquere finalizzata all’importazione e al commercio in Italia di oro. La parte più ampia dell’indagine verrà trasferita alla procura di Roma competente per territorio, a Palermo rimarrà la tranche relativa al commercio di oro che coinvolge, tra gli altri, il tributarista di Vito Ciancimino Gianni Lapis.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Strano sul vostro sito dedicate un’articolo a un dipendente regionale e non trovo quello sul magistrato. E’ arrivato anche da voi il Sunseri di turno?

    Strano…ogni volta che mi collego al sito della Regione Siciliana e guardo l’elenco telefonico, non compaiono tutti i nomi dei componenti gli Uffici di Gabinetto degli Assessori! Dimenticanza o necessità di nascondere amici e parenti inquadrati???

    Rosario ci risiamo!!!!! Non aspettavi altro per rimettere in moto la macchina del fango sull’amministrazione che dirigi. In fondo ora siamo di nuovo in campagna elettorale e occorre fare un po’ di clamore!!! Dimmi che colpa hanno gli altri componenti di quell’Ufficio “beni e Servizi”?????? Sono anche loro faccendieri??? Credo proprio di no sicuramente sarà gente onesta che lavora. E sicuramente non sdaranno complici di quel collega, sempre che il collega sia colpevole!!!!
    Credo che occorra , caro Rosario , fermarsi un po prendere respiro………..e comprendere che di tutta un’erba è sbagliato fare un fascio!!!Almeno che il tuo modo di fare si appliche anche per tutti i politici, ed a quel punto trovatone uno corrotto si devono togliere anche gli altri politici così come trovato un collega che ha commesso un reato di cui l’amministrazione è estranea si trasferiscano tutti i componenti dell’ufficio.

    Se anche le mura parlassero, sai quanto marcio verrebbe fuori???fate un po di pulizia interna , oltre a pensare di fare quella fuori; perche non serve a nulla essere puliti e belli fuori e sporchi dentro.Dimenticavo i colletti bianchi???? mi diceva mio nonno.

    Già è così, Noi Siciliani dovremmo tutelare l’immagine nei tuoi confronti caro sig. crocetta, e vedi un pò già per il governatore è colpevole, magari lo sarà, però mi sembra che il compito spetta alla magistratura, tranne che lui non sappia di più degli organi competenti.

    dovrebbe essere dispiaciuto per ciò che è accaduto, invece è contentissimo perchè questo gli procura linfa per il suo progetto: la rivoluzione, la rotazione ed altro ancora….
    e fa specie che con le persone indagate che ha accanto abbia usato altro pensiero…due pesi e due misure…una morale per se e gli amici..una morale per tutto il resto….con i migliori complimenti….

    …..Ma forse e ‘Parente di di Giovanna presidente della ance Palermo??????

    ami visto una situazione simile in forte aumento il comparaggio. Dai presidente organizza un tour televisivo in questo fine settimana cavalca l’onda sulla trasparenza e la giustizia. Vai vai

    tranquilli con un altro giro di valzer del personale saro risolverà tutto, attendiamo apparizione televisiva.

    Gilet giá si lecca le orecchie

    Condivido. Non vede l’ora di fare il Serpico dei miei stivali gli serve alla sua causa, d’altronde lui non é quello che ha fatto arrestare 800 delinquenti a Gela?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *