Mancata bonifica delle acque, a giudizio i vertici della raffineria di Gela - Live Sicilia

Mancata bonifica delle acque, a giudizio i vertici della raffineria di Gela

L'udienza fissata per il prossimo 13 dicembre
L'INCHIESTA
di
0 Commenti Condividi

GELA – Dodici amministratori e dirigenti delle società Raffineria di Gela Spa e Syndial Spa, ora Eni Rewind, sono stati citati in giudizio dalla Procura di Gela poiché, pur essendo obbligati per legge, non avrebbero provveduto alla bonifica delle acque di falda e del terreno su cui è stato realizzato il petrolchimico. L’udienza è stata fissata per il 13 dicembre davanti al giudice del Tribunale di Gela per la fase dibattimentale.

L’11 ottobre dello scorso anno la Capitaneria di porto di Gela e i poliziotti del Commissariato, coordinati dalla Procura, avevano già eseguito il sequestro preventivo del ramo aziendale delle due società con specifico riguardo all’attuazione e monitoraggio del progetto di bonifica delle acque di falda, approvato dal ministero dell’Ambiente, nonché delle aree di stabilimento destinate al progetto di bonifica con nomina dell’amministratore giudiziario.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.