L'Isola vuole ripartire| Mascherine, Pivetti indagata - Live Sicilia

L’Isola vuole ripartire| Mascherine, Pivetti indagata

Il governatore: "Le misure annunciate per il 4 maggio lasciano scontenti tutti"

CORONAVIRUS
di
34 Commenti Condividi

PALERMO – “E’ presto per la normalità”, ha ribadito ieri il premier Giuseppe Conte in Lombardia, la regione che sta pagando il prezzo più alto in termini di vite umane per l’emergenza Coronavirus. Poi ha aggiunto: “Il Paese non può reggere un lockdown infinito”.

Ed è proprio sui tempi che si è aperto un durissimo confronto in Sicilia. Commercianti e artigiani spingono per la riapertura dal 4 maggio (leggi cosa dice Confcommercio). È una questione di sopravvivenza, dicono. Migliaia di persone rischiano la povertà. Si può tornare a lavorare, garantendo la sicurezza di dioendenti e clienti (leggi: “Situazioni diverse, misure uguali”). Il governatore Musumeci, intervistato ieri sera a Telecolor, è stato chiaro: “In Sicilia non accettiamo più che ci siano due Italia e a due velocità diverse. Nel corso della cabina di regia ho detto al premier Conte che in Sicilia non sono tanto le risorse finanziarie di cui abbiamo bisogno quanto piuttosto la necessità di potere spendere presto e bene le risorse finanziarie che già ci sono. La stesse deroghe e gli stessi poteri straordinari che sono state previsti per il ponte Morandi potrebbero consentire nella nostra regione l’apertura, nel giro di pochi mesi, di tanti cantieri in grado di realizzare infrastrutture importanti e di dare lavoro”. E ancora: “Stiamo lavorando insieme ai presidenti delle Regioni per potere chiedere a Conte di rivedere alcune cose e tentare di salvare il salvabile. Prima però dobbiamo metterci d’accordo perchè anche tra di noi c’è chi dice cose diverse”.

Per molte attività il via libera ad alzare le saracinesche è previsto per il 1 giugno. Ad esempio bar e centri estetici (leggi: “Ci hanno abbandonato”). Anche i vescovi chiedono maggiore flessibilità al governo nazionale per la celebrazione delle messe. Lo spirito va curato come e più delle tasche. E così da ieri sono partiti degli accorati appelli al governatore, affinché sfrutti l’autonomia dello Statuto siciliano e allenti le restrizioni. Di fatto si dovrebbe andare in controtendenza con quanto avvenuto finora. I divieti nell’Isola sono stati più stringenti di quelli decisi a livello nazionale.

I numeri bassi dei contagi (Leggi: “Perché i Sicilia va meglio che altrove) hanno dato ragione a Musumeci ed è sulla base di questi dati che in tanti adesso chiedono la riapertura. La Sicilia non è il Nord. Anche alcune forse politiche che sostengono la maggioranza di governo all’Ars fanno pressing sul governatore (leggi. “Il Nord ci avrebbe aspettato”) che potrebbe così fare una richiesta al premier Conte per una linea più morbida.

LA DIRETTA DI LIVESICILIA

22.02 ULTIMA ORA

L’ex presidente della Camera, Irene Pivetti, è indagata dalla Procura di Siracusa, in qualità di amministratore delegato della Only logistics Italia srl, nell’ambito di un’inchiesta sull’importazione e distribuzione di mascherine dalla Cina. I reati ipotizzati sono frode in commercio e immissione sul mercato di prodotti non conformi ai requisiti essenziali di sicurezza. La guardia di finanza di Siracusa ha sequestrato 9mila mascherine in diverse città italiane. (ANSA).

20.12 – “Giungere a una proposta ampia e convergente per invitare il presidente Conte a modificare le preannunciate disposizioni della Fase 2”. È questo l’obiettivo del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che domani si è dato appuntamento, in videoconferenza, con i colleghi governatori di centrodestra. “Le misure annunciate per il 4 maggio – prosegue – lasciano scontenti tutti: settentrionali e meridionali, chi per l’apertura e chi per la chiusura e si muovono poi in evidente contraddizione. In Sicilia non abbiamo grandi fabbriche, ma una diffusa presenza di piccole e medie imprese nel commercio, nel turismo, nell’artigianato e nei servizi. Metterle in condizioni di lavorare, nel rispetto assoluto delle norme di sicurezza, è un dovere del governo nazionale. Se proprio non vuole farlo, autorizzi le Regioni ad adottare le misure che risultino compatibili con la situazione epidemica locale”.

19.30 – Quasi 6 milioni di mascherine, 3 milioni di guanti e un milione tra camici, calzari, tute e cuffie. Sono alcuni dei dispositivi di protezione individuale distribuiti dalla Regione siciliana, tramite la Protezione civile, dall’inizio dell’epidemia fino a ieri. A beneficiarne sono state, principalmente, strutture sanitarie, case di riposo per anziani, residenze sanitarie assistite, Comuni, prefetture, forze dell’ordine, esercito, ex Province, carceri, dipartimenti regionali, Confcommercio e Confesercenti. Consegnati anche 45 mila tra occhiali e visiere, oltre 205mila tamponi e kit diagnostici e poco meno di 40 mila apparecchi sanitari. La merce distribuita proviene da acquisti diretti della Regione e dalla Protezione civile nazionale.

18.30 – Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 69 (0 ricoverati, 65 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 125 (14, 22, 11); Catania, 670 (106, 220, 81); Enna, 295 (122, 81, 28); Messina, 373 (90, 112, 48); Palermo, 352 (69, 90, 28); Ragusa, 54 (6, 29, 6); Siracusa, 111 (49, 86, 24); Trapani, 94 (6, 40, 5).

La ‘mappa’ dell’emergenza Coronavirus in Sicilia. I dati per ogni provincia

17.45 – Situazione stabile sull’emergenza Coronavirus in Sicilia. Anche oggi si registra un maggior numero di ricoveri e diminuiscono ancora i ricoveri. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi (martedì 28 aprile), in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 73.008 (+2.358 rispetto a ieri), su 68.729 persone: di queste sono risultate positive 3.120 (+35), mentre attualmente sono ancora contagiate 2.143 (+20), 745 sono guarite (+14) e 232 decedute (+1). Degli attuali 2.143 positivi, 462 pazienti (-13) sono ricoverati – di cui 34 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.681 (+33) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.

16.45 – L’Asp di Siracusa completerà nei prossimi giorni l’esecuzione dei tamponi ai soggetti in quarantena fiduciaria grazie all’intervento dell’Assessorato regionale della Salute che ha messo a disposizione dell’Asp due ulteriori laboratori di patologia clinica in aggiunta a quelli già autorizzati, al fine di azzerare le criticità pregresse. Lo ha reso noto la stessa Azienda sanitaria provinciale. “Il laboratorio del Policlinico di Palermo a partire da oggi processerà per conto dell’Asp di Siracusa 400 tamponi al giorno, mentre quello dell’Istituto Zooprofilattico, a partire da domani, ne processerà 200. Queste prestazioni andranno ad aggiungersi alle 200 già assicurate in passato dai laboratori autorizzati dell’Azienda, portando a 800 il potenziale complessivo”. Saranno convocati da 500 a 600 utenti al giorno, lasciando le altre 200 prestazioni giornaliere a disposizione degli ospedali e del territorio per le esigenze diagnostiche dei pazienti e degli operatori sanitari. “Si va dunque verso la risoluzione di una criticità che ha generato forte disagio agli utenti in attesa del tampone al termine della quarantena fiduciaria – dichiara il direttore generale Salvatore Lucio Ficarra -: criticità derivanti, come è noto, dalla forte carenza di tamponi e reagenti a livello nazionale”.

16.20 – E’ arrivato al porto si Palermo il traghetto della Grandi navi veloci con a bordo cento passeggeri italiani provenienti dalla Tunisia, che erano rimasti bloccati nel Paese nordafricano a causa dell’emergenza sanitaria. Un macchinista dell’imbarcazione, che accusava febbre alta, sta per essere accompagnato all’ospedale Vincenzo Cervello del capoluogo siciliano, a bordo di un’ambulanza attrezzata per il biocontenimento. Ma non è detto che il marittimo sia affetto da Covid-19, ma in via precauzionale sono state adottate tutte le misure di sicurezza. Gli altri passeggeri stanno bene e sono stati presi in carico dai sanitari dell’Asp. L’intera operazione è coordinata dal 118, dall’Azienda sanitaria e dalla Capitaneria di porto.

15.45 – Una tonnellata di derrate alimentari è stata consegnata dall’Esercito a due istituti religiosi di Palermo che assistono persone e famiglie bisognose. I prodotti sono stati trasportati con mezzi della Brigata Aosta che ha accolto varie richieste tra cui quella del Banco alimentare della Sicilia occidentale. I generi di prima necessità sono stati trasportati in confezioni chiuse secondo le normative per il contenimento della pandemia. In questi giorni l’Esercito, che in Sicilia è impegnato in operazioni di supporto alle strutture anti Covid, ha aderito a iniziative benefiche e di solidarietà, contribuendo spontaneamente con raccolta di fondi, generi alimentari e ventilatori polmonari per i reparti di terapia intensiva degli ospedali siciliani.

15.30 – Il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, sta definendo una lettera con la quale chiederà al premier Conte “di consentire il riavvio di alcune attività in considerazione del minor numero di contagi”. Così l’assessore alle Attività produttive della Sicilia, Mimmo Turano, che su indicazione di Musumeci ha sentito in videoconferenza le associazioni di categoria dell’industria, del commercio e dell’artigianato.

Musumeci scrive a Conte: “Anticipare l’a riapertura di alcune attività”

14.45 – “Se arriviamo entro il mese di maggio a zero contagi noi chiederemo al governo nazionale di riaprire la Sicilia”. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, partecipando a “Cento Città” su Radio Uno. Rispetto al contenuto numero dei contagi al confronto con altre aree del Paese, Musumeci ha detto: “Vogliamo capitalizzare questo risultato, frutto di un gioco di squadra con una programmazione sana e improntata sulla chiusura”. “Pensiamo che la Sicilia – ha aggiunto – possa giocarsi una bella partita nel settore del turismo: questo tasso assolutamente basso del contagio può consentire una certa sicurezza almeno per un turismo locale che muove comunque alcuni milioni di persone. Stiamo consentendo agli stabilimenti di fare la manutenzione e regaliamo alcune notti in albergo e visite guidate”.

13.33 – Gli psicologi siciliani lanciano l’allarme sulla Fase 2: “Bambini dimenticati”

12.48 – Le Fiamme Gialle di Ragusa, rappresentate dal comandante provinciale, Giorgio Salerno, hanno consegnato gli aiuti raccolti, su base volontaria dei finanzieri in servizio ed in congedo della provincia ragusana, ai presidenti dell’associazione U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) di Ragusa, Marinella Iurato, e di Modica, Salvatore Fede. La somma raccolta sarà destinata per l’acquisto di spesa solidale a favore delle famiglie bisognose di tutta la provincia già seguite dall’associazione

12.46 – Per ridurre gli spostamenti dal domicilio, l’Asp di Siracusa ha sottoscritto con la Croce Rossa Italiana un protocollo d’intesa per la consegna domiciliare dei farmaci erogati dalle farmacie territoriali dell’Azienda. Il servizio è già attivo ed è disponibile per pazienti positivi al COVID-19 o con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario e per pazienti fragili ovvero anziani, soggetti con più patologie o che hanno difficoltà a ritirare la terapia presso i punti di distribuzione aziendali dell’intero territorio provinciale. Gli utenti possono richiedere la consegna, dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 12,30, chiamando i seguenti numeri telefonici: 0931/989676 – 0931/989662 – 0931/989675 – fax 0931/989692. Per la farmacia dell’ospedale Umberto I di Siracusa la prenotazione telefonica è possibile chiamando il numero 0931 724413 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13. La consegna verrà effettuata entro 48/72 ore.

12.23 – L’allarme dal mercato ortofrutticolo: “Così chiuderemo tutti”

12.09 – E’ risultata positiva al Covid-19 una paziente ricoverata nei giorni scorsi nell’ospedale di Biancavilla e già in isolamento domiciliare. La donna, asintomatica, il 23 aprile ha fatto accesso in urgenza al Presidio. Il 24 aprile è stata sottoposta a tampone. L’esito di positività è stato notificato ieri sera alla Direzione medica del presidio che ha immediatamente attivato tutte le misure di sanificazione e contenimento previste. La paziente, dimessa dall’ospedale il 26 aprile, è adesso in isolamento domiciliare. Si sta ricostruendo la catena dei ‘contatti stretti’ della donna per sottoporli a tampone e contenere i contagi. Ieri, nell’ambito dello screening per Covid-19 degli operatori, sono risultati positivi al tampone anche due operatori del presidio. Anche in questo caso sono state attivate immediatamente tutte le misure previste. Entro domani sarà ultimata l’attività di screening. (ANSA).

12.06 – Appello di alcuni deputati a Musumeci: “Deroghi al Dpcm”

10.44 – “Accogliamo con soddisfazione la notizia dell’erogazione della cassa integrazione ai lavoratori che ne hanno fatto richiesta ma è necessario che adesso ci si attivi per garantire una ripartenza, all’insegna della legalità e della sicurezza”. Lo dicono, in una nota congiunta, il segretario della Filca Cisl regionale, Paolo D’Anca, e i segretari della Filca Catania, Nunzio Turrisi, della Filca Palermo-Trapani, Francesco Danese, della Filca Caltanissetta- Agrigento, Franco Sodano e della Filca Cisl Messina, Pippo Famiano, che hanno lanciato un appello alle istituzioni nella giornata mondiale della sicurezza e della salute sul lavoro, che ricorre oggi. “Ben vengano gli ammortizzatori sociali – aggiunge la nota- ma i lavoratori non vogliono vivere di sussidi e assistenza ma di lavoro regolare e soprattutto sicuro. Per l’edilizia questo momento può e deve rappresentare una nuova stagione per il suo rilancio e soprattutto per ribadire l’importanza di alcune garanzie imprescindibili, come la regolarità del settore e la sicurezza. Priorità, quest’ultime, che abbiamo ribadito più volte ma che purtroppo finora restano chimere, visto il numero ancora troppo alto di morti e infortuni sul posto di lavoro e la presenza molto forte di lavoro nero. Si calcola infatti che ogni quindici secondi si verificano 153 incidenti sul lavoro, di cui uno mortale”. “Serve siglare i protocolli preventivi per il contenimento del Covid 19 e il sindacato vigilera’ sull’applicazione ma -conclude- nel frattempo proseguiremo anche la nostra annosa battaglia per promuovere gli investimenti, potenziare le infrastrutture, e per ribadire l’accelerazione dei bandi di gara di molte opere che attendono di diventare cantieri”.

10.31 – Lettera aperta del presidente della commissione Attività produttive all’Ars, Orazio Ragusa, per chiedere al governatore siciliano Musumeci di valutare la possibilità di fare riaprire il prima possibile le attività di barbieri, parrucchieri ed estetiste. “Gli operatori del settore benessere – scrive l’on. Ragusa – attendono una risposta anche perché la loro categoria possa essere tutelata. A cominciare dalla questione del fenomeno legato all’abusivismo che risulta essere in netta crescita visto che in molti, senza alcun tipo di cautela, lavorano con la saracinesca abbassata oppure vanno nei condomini o addirittura nei box auto per esercitare la professione totalmente in nero e senza rispettare le norme igienico sanitarie Covid-19. Poi c’è il problema finanziario visto che, allo stato attuale, sono quasi otto le settimane di inattività, circostanza che ha impedito di incassare un solo centesimo”. “Mancano – conclude – delle misure adeguate da parte del governo nazionale. E anche le 600 euro promesse non sono arrivate a tutti. Tra l’altro, senza che siano state bloccate le utenze, gli affitti e i mutui, le somme in questione non sono risultate affatto sufficienti neppure per coprire le spese in questione. In più, per la riapertura è chiesto il distanziamento sociale, le mascherine, le visiere, lavorare uno alla volta, separé, gel disinfettanti all’ingresso, termometro a infrarossi per misurare la temperatura a ogni cliente: tutte misure destinate a innalzare in maniera importante i costi di gestione. Ecco perché chiediamo al governatore siciliano di valutare l’adozione di misure ragionate ed equilibrate che, non mettendo a rischio la salute dei clienti, consentano però agli operatori di cui stiamo parlando di potersi rimettere in moto per dare un futuro alle loro attività”.

10-12 – De Luca: “Il Dpcm? Una porcheria”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

34 Commenti Condividi

Commenti

    ma chi sarebbe questo conte,quel montato che si diverte a fare l’attore fallito,che competenza ha,chi lo ha eletto,si crede il reuccio d’italia ma e’solo un patetico personaggio in cerca d’autore

    Un Governatore della Sicilia non chiede a Conte . Fa e basta, assuniti un po di responsabilità.

    Sarebbe ora! Il lockdown generalizzato va contro ogni logica; Sicilia ,Sardegna, Calabria, Molise, Basilicata, hanno tutte dati assolutamente ridotti rispetto alla media nazionale.
    Sfruttiamola questa autonomia!

    Le fonti ispiratrici per il nostro Presidente della Regione e per l’ARS devono essere la Costituzione, lo Statuto e il discorso di insediamento del presidente Giuseppe Alessi.
    Dalla osservanza corretta ed armoniosa delle fonti citate, debbono scaturire gli orientamenti e le decisioni per affrontare questo momento storico drammatico.
    Occorre spessore etico e valoriale, visione, progettualita, amore per il prossimo.

    semplicemente basito

    Caro Musumeci, anche io come te vorrei andare al cimitero a pregare sulla tomba di mio figlio. Fai qualcosa, fai riaprire i cimiteri, quando mai , tranne che per o morti, questi luoghi sono affollati?

    Musumeci finora è stato il più prudente e i risultati lo hanno premiato, ma adesso rischia di essere troppo timido ed impacciato: la sicilia per le sue incertezze a breve fallirà.

    prima di parlare di ripartire bisogna fare un minimo di tamponi , almeno ai soggetti a rischio . in questo campo Musumeci e lacunoso e direi in malafede perche di questo argomento non ne parla proprio, invece se lo puo’ fare deve darsi una mossa. infermieri medici forze dell’ordine , zero tamponi

    Chi può assicurare le norme di sicurezza è giusto che apri, riguardo la stagione estiva credo che bisogna puntare su un turismo autoctono e non aprire la sicilia alle altre regioni italiane perchè allora si rischia una nuova ondata di contagi.

    L’autonomia regionale non può continuare ad essere vista e utilizzata come strumento di delegittimazione permanente dei poteri statali per fini di bottega. Come fa la Lega con la sua violenta contrapposizione ideologica al governo, in modi anche sovversivi. Aldo Moro sosteneva che la dialettica tra centralismo e autonomie si risolve con il dialogo che è “riconoscimento dell’altro, penetrazione dell’altro, comunione interiore”.

    Musumeci, comincia ad aprire Catania e provincia, così i contagi ci arriveranno fin sopra i capelli.

    e gia” chi lo dice alla Lega che la sicilia apre prima della lombardia

    una pandemia e’ un evento straordinario gravissimo e come tale deve essere affrontato.
    Occorre un dialogo serrato Istituzioni-esperti-parti sociali finalizzato ad attuare modalita’ compatibili con una ripresa graduale della vita economica e sociale in sicurezza.
    Ogni categoria ha una sua problematica specifica che deve essere analizzata alla luce della pandemia e gli strumenti per operare con la pandemia in corso devono essere individuati e concordati dalle parti con l’apporto di tecnici qualificati.
    I barbieri e i parrucchieri hanno specifiche esigenze igienico sanitarie;
    i ristoranti, i bar, i negozi ne hanno altri e cosi’ via.
    Ogni categoria deve dialogare con esperti qualificati, in un tavolo istituzionale di incontro costituito per acquisire la conoscenza e applicare tecniche ed accorgimenti igienico-sanitari idonei a mantenere la carica virale bassa durante l’attivita’ commerciale e ridurre il rischio di contagio per chi opera e per chi accede nell’esercizio commerciale.
    E’ uno sforzo collettivo che richiede dialogo, analisi, incontro, volonta’ di affrontare questa pandemia in sicurezza con una ripresa della vita economica e sociale graduale.
    Scontri e conflitti in questo momento non servono a nulla.
    La ripresa della vita economica e sociale dipende dall’apporto DI TUTTI.

    Di fatto siamo ostaggio della Lega. Salvini non può accettare una riapertura della Lombardia ritardata rispetta del resto d’Italia, è già in forte difficoltà per i pessimi numeri che Fontana è costretto a mostrare. Dal canto suo, Conte si rivela incapace ad imporsi in questa situazione: gli basterebbe dire: per Lombardi, e Piemonte, non è ancora tempo di riaprire. Capirebbero tutti e Salvini dovrebbe farsene una ragione. Ma ha troppa paura. Chissà perché.

    Catania no. E manco Messina. Ma in tutto il Val di Mazara, esclusi Cefalù e Caltanissetta, ma compresi Palermo e Licata i contagi ormai si contano sulle dita di una mano.

    consiglierei di non fissarsi sulle mascherine all’aperto dato che come lo stesso Presidente ha dichiarato ha valore simbolico che reale. visti i nostri numeri puntiamo sulla riapertura delle attività, del turismo della regione (fondamentale il raggiungimento delle cosiddette seconde case o case vacanze di proprietà o locazione). sempre nel rispetto delle indicazioni di salvaguardia. altrimenti vinciamo la battaglia contro il virus e perdiamo la guerra (povertà e disagio sociale) che sta minando le nostre vite

    Se era il contrario il nord non avrebbe aspettato il sud, avrebbero detto che li c’è il motore dell’economia, il fatto che Regioni con 15 o 20 contaggiati in più (e se vai a vedere sono nelle rsa o magari in qualche struttura ospedaliera) non può essere paragonato a chi ne ha centinaia, sono solo castronerie per non assumersi la responsabilità di decisioni. Il vivacchiare e l’aspettare decisioni di altri (sempre confuse, farraginose e poco strumentali allo scopo) comporta l’affossamento delle economie, l’impoverimento delle persone e il sorgere di altre patologie che alla lunga possono comportare problemi anche di natura sociale e sanitarie.

    La dimostrazione dell’inadeguatezza e della pavidità di Musumeci è la mancata riapertura delle seconde case. Si può andare in giro, con la barzelletta dei “congiunti” praticamente dove si vuole, però se si possiede una seconda casa (per cui tasse e utenze corrono tutto l’anno) non si può andare.
    Dia un cenno di esistenza Presidente, si manifesti, batta il famoso colpo. Non ci spera nessuno, beninteso, ma almeno ci risparmi certe dichiarazioni, grazie.

    .Conte deve querelarlo immediatamente!!!Foto falsa di Conte in manette, prodotta da un assessore regionale della Sicilia e messa su Facebook!!!Deve essere cacciato via!!!Cav.Ing.Gaspare Barraco.Marsala

    A zero contagi entro il mese di maggio chiederò di riaprire…

    Continuo a restare basito, dai post si evince che parecchie persone vorrebbero ripartire aprendo tutto anche le case al mare. Leggo che dopo la Pasqua i contagi in Sicilia sono nuovamente aumentati. Mi piacerebbe che tutti coloro che auspicano o pretendono l’immediata fine della quarantena e la totale riapertura si facessero anche carico della probabile recrudescenza del virus e delle possibili morti conseguenti. Criticare è facilissimo, lo fanno anche i bambini. Per essere costruttivi e offrire possibili alternative occorre, invece, usare cervello e coraggio.

    Il turismo locale si: e che deve dire per calmare chi di turismo ci vive?

    Però in realtà, in una regione in cui chi può ha la seconda e terza casa, non vedo che numeri possa produrre il turismo locale.

    Mi pare come quella dei ristoranti con la mascherina (da dove mangi?), dei lidi col plexigas (così se non muori di Covid muori di calore), delle sale da barba e dei parrucchieri con la mascherina (ti ci vedo a fare una barba ad un cliente che indossa la mascherina) e dei bus coi passeggeri distanziati (e gli altri dove li metti?).

    Insomma, il Presidente manda un messaggio di illusione, meglio di niente, almeno li fa sognare.

    Piuttosto, ci andrei cauto con le riaperture e altrettanto cauto ad attaccare chi oggi ci governa, Regione e Stato. Penso a quello che ci sarebbe stato se al posto di Musumeci ci fosse stato Crocetta e accanto a Conte ci fosse stato Salvini: uno scenario da comiche di Benny Hill come quello della GB di Johnson al tempo del Covid.

    Ma che c’entra Salvini?!? Conte è al governo con i m5s (quelli del Mai con il PD) e con il PD, che sono contentissimi di questa dittatura comunista che sta uccidendo l’impresa privata. Non ci sono riusciti negli anni 70 e ce l’hanno fatta adesso.

    Il colonnello musumeci si occupi di far funzionare la burocrazia locale. a livello nazionale il suo contributo vale quanto il due di picche ed è evidentemente prono alla lega la cui sanità ha evidentemente fallito

    Ha ragione ! Caro presidente Musumeci , apprezzabilissimo , chiedere l’attuazione di procedure come Genova ( ponte Morandi ) per riaprire i cantieri e far ripartire l’economia siciliana , bravissimo !!
    Ma allo stesso modo , la inviterei a guardare anche dentro casa sua , la regione siciliana , sarebbe il caso di dare un impulso , per esempio alla sua commissione specialistica ambientale ( valutazione VIA ) ,per intenderci , imbuto di pratiche dimenticate nel nulla e quando esitate … , rigettate , sovente, con futili motivazioni, costringendo le imprese a dovere sostenere ulteriori oneri istruttori e soprattutto Ad attendere tempi biblici per avere le valutazioni .
    Tempi che non vanno , assolutamente di pari passo con i tempi delle imprese , per non parlare degli investitori esteri , che non prendono più nemmeno in considerazione l’ipotesi di investire in questa nostra terra “ bellissima “ , solamente , per non scontrarsi con la nostra macchina burocratica .
    Caro Presidente, glielo dico sinceramente, dia un’occhiata , a casa sua .
    Con cordialità .

    Un imprenditore stanco e deluso .

    Andrea, le mascherine all’aperto oltre a non essere previste dal decreto nazionale, sono inutili e controproducenti all’aperto. Infatti come spiegato da una rivista di atletica è pericolosissimo correre con la mascherina in quanto chi corre ha bisogno di maggiore ossigeno, ma con la mascherina ne entra meno. Risultato? Chi corre inspirerebbe anidride carbonica, con gravi pericoli per la salute. Ed è pericoloso anche camminare a passo svelto con la mascherina. Quindi la Regione non obblighi, ma vieti la mascherina quando si fa sport, quando si corre, quando si fa attività motoria, quando si passeggia…

    Oggi vorrei festeggiare insieme a tutti gli italiani il fine lavori in meno di 1anno del ponte di Genova!complimenti al governatore Toti al sindaco di Genova.ma i complimenti veri vanno a Musumeci e la sua giunta è ancora di più,anzi molti di più ,ai politici regionali del movimento 5stelle!siete grandi anzi grandiosi.il mio pensiero è rivolto in particolare al signor Cancelleri da Caltanissetta in particolare l’uomo in grisaglia e cravatta di Hermes (oggi)con i soldi di noi cittadini ma anche a tutti i politici della assemblea regionale siciliana del movimento.mentre si festeggia il ponte di Genova noi siamo ancora in attesa del viadotto sull’autostrada Palermo Catania oltre che il Morandi di Agrigento.complimenti davvero politici di razza!gente in gamba davvero.certo penso al signor Cancelleri da Caltanissetta in grisaglia e cravatta di Hermes e non posso non pensare quando insieme alla collega dell’Ars schillaci erano record di rimborsi nei mesi di luglio e agosto di scontrini ricevute fatture di bar ristoranti hotel trattorie b&b non soddisfatti del loro l’auto stipendio.ecco il mio pensiero va a loro associato al viadotto e al Morandi di Agrigento chiusi da anni.volevo complimentarmi con tutti voi in particolare con il signor Cancelleri da Caltanissetta in grisaglia e cravatta di Hermes e la collega schillaci ma anche con tutti gli altri parlamentari regionali e nazionali per gli obiettivi raggiunti.cari signori io con esperienza manageriale sul campo non teorica sono sempre a spasso da
    Anni senza i soldi neanche per il latte dei miei figli.SIETE GRANDI ANZI GRANDIOSI!!!!!!!

    aprendo le seconde case (RISERVATE SOLO AI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA, COME DA STATO DI FAMIGLIA DEI COMUNI) si darebbe un po’ di aria all’economia.

    Quel fine e costante rigagnolo di 35-40 casi al giorno, si trasformerà in un attimo in fiume in piena se si sgarra. Musumeci, stai attento a quello che fai!

    Un governatore serio e capace non ripete a pappagallo ciò che dice Salvini. Fateci caso, Salvini dice di chiudere e musumeci dice di chiudere, Salvini dice di aprire e musumeci dice di aprire.

    Si doveva restare a casa almeno fino al 15 maggio…. Però… Speriamo che noi persone normali, continuiamo a rispettare le regole…. Ormai…. 15 giorni più o meno, non ci costava nulla!
    Per la Pivetti…. Mah…. Sarà la prima di una lunga serie!

    Molti approfittano dell’emergenza per appaltare senza regole. E se non ci sono emergenze addirittura fanno in modo che nascono.

    Di nuovo? Signor Cavaliere Ingegnere.

    Ma la signora Pivetti è indagata o indignata? Per me se è indagata segua che può altrimenti non mi interessa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *