L'Akragas vola in finale | Pomigliano sconfitto 3-1 - Live Sicilia

L’Akragas vola in finale | Pomigliano sconfitto 3-1

I festeggiamenti a fine gara (foto Alan David Scifo)

I biancazzurri di Pino Rigoli in campo all'Essseneto approdano in finale degli spareggi nazionali di serie D battendo i campani del Pomigliano. Ospiti avanti con Esposito al 16', poi la replica di Arena e Saraniti. Savanarola mette il sigillo all'89'. Guarda gli highlights del match

serie d, semifinale play off
di
14 Commenti Condividi

AGRIGENTO – Un nuovo passo verso la Lega Pro, una nuova pagina scritta nella storia del club dei Giganti. L’Akragas batte all’Esseneto i campani del Pomigliano nella semifinale play off per 3-1 e accede alla finale di Roma, dove troverà  la Correggese, per giocarsi quella che l’anno prossimo sarà un mega girone con squadre provenienti da ogni angolo dello Stivale. Può sorridere Agrigento, con i suoi tifosi che nonostante i problemi della vigilia all’Esseneto assiepano gli spalti dell’impianto, e può sorridere anche il presidente Alessi che nei giorni scorsi si è battuto per fare in modo che la sua squadra non perdesse l’appoggio decisivo del pubblico di casa. A decidere il match, non partito sotto i migliori auspici, ci pensano sempre i soliti. Il trio d’attacco Arena-Saraniti-Savonarola recupera prima la rete del campano Esposito e poi mette il definitivo lucchetto su una qualificazione in finale che entra negli annali della società biancazzurra.

La cronaca. Il match parte con ben quindici minuti di ritardo. All’Esseneto sono circa seimila i tifosi presenti per incitare i propri beniamini. I primi minuti vedono l’immediato assalto dei padroni di casa ma a spaccare la gara ci pensano gli uomini di Seno. È il 16′ quando De Rosa s’inventa una discesa travolgente sulla fascia destra, salta i difensori agrigentini come fossero birilli, e mette la palla dentro l’area per l’accorrente Esposito. Tiro sporcato da un difensore di casa e Valenti battuto, 1-0 Pomigliano. Il silenzio dell’Esseneto spaventa i giocatori di Rigoli che per un bel pò perdono la bussola rischiando addirittura di passare ancora sotto. A dare la sveglia è una traversa di Saraniti con Di Costanzo battuto. Fino al 45′ non succede però più nulla. Si va negli spogliatoi col Pomigliano avanti.

Ripresa. Nessun cambio nelle due formazioni, Rigoli punta sull’undici inziale ed ha ragione. Dopo 10′ l’arbitro Fourneau concede un rigore per un tocco di mano di un difensore granata. Sul dischetto si presenta Arena che non spiazza Di Costanzo ma riesce comunque a mettere la sfera dentro, 1-1. La spinta psicologica del pareggio raggiunto infonde nuove energie agli agrigentini che si gettano in attacco alla ricerca del nuovo vantaggio. Vantaggio che arriva al 62′ con il bomber Arena che approfitta di una disattenzione della retroguardia campana e di testa batte per Di Costanzo. Al Pomigliano viene annullato una rete di Suriano al 70′ per presunta posizione di fuorigioco. Il sigillo definitivo per i padroni di casa arriva all’83’ grazie a Savonarola che lascia partire una conclusione imparabile per l’estremo difensore di Seno. Al 90′ è tripudio per l’Akragas che vola alla finale di Roma dove domenica prossima si giocherà un posto per la Lega Pro contro la Correggese Gli emiliani hanno avuto la meglio sul Matelica per 2-1.

IL TABELLINO

Reti: Esposito G. (P) 16′, Arena (A) rig. 53′, Saraniti (A) 62′, Savanarola (A) 89′.

AKRAGAS: 1 Valenti, 2 Paladino, 3 Parisi, 4 Aprile, 5 Fontana, 6 Astarita, 7 Assenzio, 8 Pellegrino, 9 Saraniti (71′ Nassi), 10 Arena, 11 Savanarola. A disp: 12 Zelletta, 13 Ferrante, 14 Giuffrida, 15 Bonaffini, 16 Caci, 17 Leanza, 18 Arena D., 20 Vitale. All: Rigoli

POMIGLIANO: 1 Di Costanzo, 2 Parentato, 3 Difinizio, 4 Oretti, 5 Rea, 6 Varriale, 7 Caiazzo (77′ Somma), 8 De Rosa, 9 Suriano, 10 Panico, 11 Esposito G. A disp: 12 Caliendo, 13 Esposito, 14 Carbone, 15 Cantone, 16 Pontillo, 17 Fregola, 19 Romano, 20 Iodice. Allenatore Seno.

Arbitro: Fourneau di Roma 1.

NOTE Ammoniti: De Rosa (P) 26′, Saraniti (A) 62′, Varriale (P) 81′. Espulsi: De Rosa (P) 90’+2′.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

14 Commenti Condividi

Commenti

    una sola parola ,un solo commento ,MOSTRUOSIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII. siamo in finale la lega pro e’ nostra!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    on una grandissima ed indimenticabile prestazione sportiva davanti a cinquemila spettatori l’Akragas è riuscita nell’impresa di battere il Pomigliano e giungere in finale dei play-off.
    E’ incredibile come sia maturato questa vittoria: nel primo tempo, chiuso uno a zero per il Pomigliano, i biancoazzurri sono stati messi in difficoltà dai campani.
    Meravigliosa rimonta nella ripresa con i tre gol che hanno consentito di raggiungere un traguardo storico.

    Complimenti sinceri !
    Ora l’ultimo sforzo per l’approdo nei professionisti !
    Bravissimi!
    Forza Sicilia !

    Partita incredibile…partita appunto in sofferenza, ma che rimonta e non poteva che finire così!
    Adesso l’ultimo sforzo: vogliamo vincere sta finale, per una volta battere una squadra del nord e fare trionfare il sud, Agrigento, il Gigante! Col cuore si vince, avanti ragazzi!

    Allo stadio di Correggio oggi erano in 600 ad Agrigento in 7000 !!!!

    Una solo parola per definire squdra società e pubblico. Stratosferici

    Forza Akragas !!!

    Teresa da Cava dei Tirreni …..forza ragazzi uniti si vince…..credeteci……meritate categorie superiori….avanti cosi’

    adesso vogliamo lo stadio ristrutturato. sindaco se ci sei batti un colpo. l’Akragas calcio e’ il nostro biglietto da visita! tutti vogliono illuminazione e stadio a norma per godere in lega pro di giornate come quelle di ieri. 7000 persone non le fanno nemmeno squadre di serie B. AVANTI GIGANTE

    IO NON CAPISCO IL SINDACO E L’AMMINISTRAZIONE COME FANNO ANON VEDERE UNA REALTA’ COME QUELLA AGRIGENTINA CHE SUPERA IN NUMERI REALTA’ COME TRAPANI E MESSINA. UNO STADIO BOLGIA COME QUELLO DI IERI COME QUELLO CONTRO L’AREZZO COME QUELLO CONTRO IL SAN CESAREO COME QUELLO CONTRO IL SAVOIA NON L’HA NESSUNO IN SERIE D,IN LEGA PRO, E NEMMENO IN SERIE B. E’ UN DELITTO NON RENDERE L’ESSENETO A NORMA E RISTRUTTURATO PERCHE’ E’ UNO STADIO GIOIELLO CON SPALTI ALL’INGLESE,CON CAPIENZA 13 MILA SPETTATORI, E CON SFONDO SULLA VALLE DEI TEMPLI E SUL MARE. MI RIVOLGO A TUTTI I POLITICI! FATE QUALCOSA PER QUESTO STADIO PERCHE’ LA CITTA’ VUOLE QUESTO E PERCHE’ LA SOCIETA’ CON IN TESTA IL PRESIDENTE SILVIO ALESSI MERITANO DOPO GLI SFORZI FATTI UNO STADIO DEGNO DELLE LORO AMBIZIONI. SINDACO ZAMBUTO FACCIA QUALCOSA

    ORMAI SIAMO LA SQUADRA MIGLIORE PER TUTTI I COEFFICIENTI RICHIESTI. . SE CI SISTEMANO LO STADIO CI RIPESCANO AL 100X100

    Ciao, sono di Correggio, si sa dove giocano la finale??E comunque Complimenti, i vostri mostruosi , i nostri ancora di piu’ dopo aver dominato il campionato essere battuti all’ultimo secondo ( anzi a tempo scaduto) x cervellotiche decisioni dell’arbitro dalla raccomandatissima Lucchese non era facile reagire e arrivare fino qui.In ogni caso, giustizia è stata fatta, tanto direi che vada come vada , in Lega pro ormai ci si va sia noi che voi, e comunque, vinca lo sport!! Ciao Saluti e in bocca al lupo!!

    ma siamo sicuri che la vittoria della finale porti ad un ripescaggio in serie C, con tutte le retrocessioni dalla C2 quest’anno ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *