Ancora code al Centro per l'impiego | Il 1° agosto corsa ad altri 800 posti - Live Sicilia

Ancora code al Centro per l’impiego | Il 1° agosto corsa ad altri 800 posti

Piano giovani, ancora code al Centro per l'impiego

Il Cpi di via De Sanctis continua ad essere preso d'assalto, nonostante i documenti possano essere ottenuti online. Proteste per i disservizi sul portale didonline.cosicilia.it.

piano giovani
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – Nonostante dallo scorso 22 luglio sia possibile ottenere online sia la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro che il Patto di servizio sul sito www.didonline.cosicilia.it, al Centro per l’impiego di via Francesco De Sanctis non cessano le code per richiedere questi due documenti necessari per poter partecipare al Piano giovani, l’iniziativa promossa dalla Regione per facilitare l’accesso dei giovani nel mondo del lavoro.

Sin dalle prime ore del mattino circa un centinaio di persone ha preso d’assalto il Cpi: alle 8.30 la lista per il Patto di servizio, appesa al varco d’ingresso di viale Regione Siciliana, aveva già raggiunto le 75 unità, mentre il turno per ottenere la Did, inizialmente fisico, veniva successivamente sostituito da una lista con oltre cento nominativi esposta davanti ai cancelli d’entrata di via Francesco De Sanctis.

Due turni diversi, dunque, per ottenere due documenti fondamentali per non rimanere tagliati fuori dal prossimo appuntamento del 1° agosto, quando saranno messi in palio altri 800 posti per i tirocini della durata di sei mesi. La necessità di sostenere una doppia attesa per ottenere entrambi i certificati ha creato qualche malumore tra i presenti, ad ogni modo la situazione è sempre rimasta sotto controllo. Turni a parte, invece, per accaparrarsi i documenti per la mobilità e per l’assunzione, con file decisamente più brevi.

“Non sapevo che Did e Patto di servizio si potessero ottenere online, probabilmente la Regione non si è sincerata di comunicare per bene questa novità”, afferma Giuseppe Di Blasi. C’è chi, come Ettore Di Maio, lamenta difficoltà nell’accedere al portale: “Ho riscontrato diversi problemi sul sito, il sistema funzionava in modo piuttosto lento. Ho chiesto spiegazioni all’indirizzo mail indicato sul portale, ma ad oggi non ho ottenuto risposta. Pertanto ho preferito venire qui a fare la fila”. “Il sito funziona a fasi alterne, non è affidabile”, gli fa eco un giovane.

“L’organizzazione del Centro per l’impiego, come sempre, lascia molto a desiderare. Come si possono seguire contemporaneamente due turni per ottenere altrettanti documenti che servono per la stessa cosa?”, si domanda Roberta Grafato. “Sono qui dall’alba per tenere il turno a mia figlia, che alle nove terminerà di lavorare come baby sitter occasionale e proverà ad ottenere i documenti necessari”, afferma un uomo che preferisce rimanere anonimo.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Piano, giovani . . . molto piano.

    E Crocetta continua a tenere la Corsello come dirigente generale, sia al lavoro sia alla formazone professionale, malgrado i disastri che dimostrano tutta l’incapacità e malgrado sia da più di un anno sotto processo per peculato (è accusata di aver usato per anni l’auto della Regione per andare e tornare dal lavoro. Decine di migliaia di chilometri nel tratto Cefalù – Palermo, e, inoltre, non sappiamo se ha pagato il pedaggio pure la Regione). Chissà perchè nessun giornale ha mai pubblicato nulla delle udienze, se c’è una sentenza di primo grado e se la Corte dei Conti ha chiesto il recupero del danno erariale (grande libertà di stampa in Sicilia, attualmente. Grande governo rivoluzionario!!!).

    Io non capisco! Devono obbligarci a fare delle file interminabili quando potremmo ottenere con calma e in poco tempo un documento di una banalità sconcertante! Ho fatto richiesta 4 giorni fa e ancora niente e domani sarò costretto ad andare a produrlo direttamente con i disagi che tutti conosciamo! Siamo ridicoli! Vergogna!! Questa regione (sia in senso geografico che in senso politico) non ha nè speranze nè futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *