Era la centrale delle moto rubate: scattano il sequestro e una denuncia - Live Sicilia

Era la centrale delle moto rubate: scattano il sequestro e una denuncia

La scoperta dei carabinieri. Ecco cosa è stato trovato all'interno del magazzino
NELL'AGRIGENTINO
di
0 Commenti Condividi

È stata la rapidissima indagine scaturita dal furto di un Piaggio Liberty 50 a condurre i carabinieri della stazione di Aragona, nell’Agrigentino, alla scoperta del magazzino di stoccaggio dei motocicli rubati. Mercoledì pomeriggio, dopo avere acquisito la denuncia della vittima, i militari hanno immediatamente avviato le ricerche dello scooter rubato. I carabinieri hanno in breve tempo focalizzato la loro attenzione su un garage di via Petrusella, dove, nelle prime ore di giovedì mattina, hanno fatto irruzione.

Cosa è stato trovato

All’interno hanno trovato numerose parti smontate di diversi motocicli e ciclomotori, 3 blocchi-motore Piaggio, 2 telai di motocicli (ad uno dei quali era stata levigata la matricola), pneumatici e caschi da motociclista nonché la targa e la maggior parte dei pezzi del Piaggio Liberty oggetto di furto, già smembrato dai malviventi per poter essere riciclato. I militari hanno ricondotto la disponibilità di quel luogo, apparso come una vera e propria centrale di stoccaggio e riciclo dei ciclomotori rubati, ad un pregiudicato del luogo, deferito alla Procura della Repubblica di Agrigento perché ritenuto responsabile di ricettazione e riciclaggio. Tutto il materiale repertato e sequestrato sarà adesso sottoposto ad accertamenti per verificarne la provenienza e risalire ai proprietari derubati.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *