Ars, lavoravano senza un contratto | Stop agli stipendi di 28 "stabilizzati" - Live Sicilia

Ars, lavoravano senza un contratto | Stop agli stipendi di 28 “stabilizzati”

La Corte dei conti ha contestato ai gruppi parlamentari di Pdl, Pid, Grande Sud e Mpa di avere garantito lo stipendio a collaboratori poco più che "abusivi". Così, l'Assemblea ha deciso di non erogare più un euro per questi lavoratori. E i capigruppo dovranno pure restituire i soldi.

 

PAlazzo dei normanni
di
50 Commenti Condividi

PALERMO – L’Ars non erogherà più un euro per 28 dipendenti dei gruppi parlamentari dell’Ars. Tra questi, anche l’ex parlamentare nazionale Pippo Fallica, l’allora collaboratore del ministro Alfano, Baldo Di Giovanni, insieme ai “colleghi” di Grande Sud, Cantiere popolare, Pdl ed Mpa.

Il Consiglio di presidenza dell’Assemblea, infatti, ha risposto così alle criticità sollevate dalla Sezione di controllo della Corte dei conti riguardo alle assunzioni dei cosiddetti stabilizzati in questi quattro gruppi. Persone che avrebbero lavorato, nel corso di tutta questa legislatura, senza un contratto. E così, adesso, l’Ars sarà costretta persino a restituire le somme trasferite ai capigruppo per pagare questi stipendi. Lo chiede, appunto, la Corte dei Conti. Ma almeno a questo, l’Ars ha deciso di opporsi.

Ma di sicuro c’è che da oggi Palazzo dei Normanni non trasferirà un euro per quei 28 lavoratori. Si tratta di quelli che non sono stati “sanati” dalla norma prevista dalla legge sulla cosiddetta “spending review” che di fatto salvava il posto di lavoro per quei collaboratori dei gruppi che avessero un contratto al 31 dicembre scorso. Un contratto in certi casi corrispondente alle categorie professionali dei collaboratori domestici. Ma comunque fondamentale per garantire il diritto alla prosecuzione del lavoro all’Ars.

Per gli altri 28, invece, niente. Loro non hanno un contratto. Nel passaggio dalla vecchia alla nuova legislatura, infatti, i capigruppo avrebbero continuato a pagare quegli stipendi fianziati dall’Ars a collaboratori che – stando a quanto sollevato dalla Corte dei Conti – erano poco più che “abusivi”. Ed ecco il paradosso nel paradosso. In qualche caso, infatti, si tratta di dipendenti con un’esperienza all’Ars persino ventennale. Che rimarranno fuori dai finanziamenti a differenza di chi, invece, ha sottoscritto il contratto appena pochi mesi fa. E che oggi vanta – legittimamente – quel diritto.

“Dopo le decisioni della Sezione di controllo della Corte dei Conti – spiega il deputato questore Paolo Ruggirello – non avevamo altra scelta”. Quantomeno, però, i capigruppo vorrebbero evitare la restituzione indietro delle somme. E per questo avrebbero chiesto all’Assemblea di opporsi almeno a questa richiesta della Corte. A curare la vertenza sarà il costituzionalista Giuseppe Verde.

Ma prima si cercherà anche una via “istituzionale”. Giovedì prossimo il presidente dell’Ars Ardizzone e il segretario generale Di Bella dovrebbero incontrare il presidente della Sezione di controllo Maurizio Graffeo. Anche per capire se le somme da restituire sono quelle corrispondenti solo all’ultima legislatura o tutte quelle delle mensilità erogate senza un contratto alla base. E in quel caso, le cifre lieviterebbero notevolmente.

Adesso, ovviamente, i lavoratori sono sul piede di guerra. Attendono infatti la notifica della notizia. Poi, quasi certamente partiranno i contenziosi. Anche perché molti di loro hanno la possibilità di dimostrare di avere effettivamente lavorato. “Tra l’altro – spiega uno degli stabilizzati, il dipendente dell’Mpa Pietro Galluccio – il tribunale del lavoro, appena il 5 dicembre scorso, ha riaffermato l’automatica continuità tra il vecchio e il nuovo contratto”. Intanto, una cosa è certa: l’Ars ha deciso di chiudere i rubinetti. Almeno per 28 persone.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

50 Commenti Condividi

Commenti

    era solo questione di tempo ed è arrivato il momento in cui il grande ardizzone mostra quanto è potente con i deboli che fondamentalmente e sostanzialmente hanno aderito al funzionamento vero dei gruppi per decenni. Vedremo come finirà questa grande potenza. Buon lavoro a lei ed al suo segretario generale!!!

    sentire parlare questi attori di leggi di regolamenti e di trasparenza è veramente musica. Si vedrà nelle sedi opportune se dopo 20 anni di rapporto di lavoro registrato regolarmente oggi definiti abusivi. Vedremo caro ardi

    BRAVO ARDIZZONE!!!! HA FATTO UN’OPERA D’ARTE. HA TOLTO IL PANE AI DISGRAZIATI PER POTER CONTINUARE A DARE ARAGOSTA E CHAMPAGNE AI DIRIGENTI. E’ DA ADORARE CHI E’ FORTE CON I DEBOLI E DEBOLE CON I FORTI. CHE POLITICO DI GRANDE SPESSORE. (U SIGNURI C’AVI A PINSARI)

    Nelle opportune sedi … La corda si e’ rotta. Noi abusivi ogni giorno passiamo un badge. Peccato che scriviamo e inoltriamo per i deputati atti ispettivi Peccato per ardi ….

    un appunto alla sensibilità di ruggirello pronto ad attivarsi a nn fare restituire le somme dai capigruppo, ma resta fondamentale punire i lavoratori un eventuale errore omissione del suo caro collega. C’è da ridere sino a trapani andata e ritorno. Comunque complimenti siete veramente unici in quello che fate. Perchè nn fate un altro consiglio di presidenza è deliberate la soppressione dei così detti abusivi?

    CI SONO VOLUTI 20 ANNI PER SCOPRIRE CHE 28 DIPENDENTI ERANO SENZA CONTRATTO? MA QUESTO MEGA DIRIGENTE DI 650.000 EURO L’ANNO ( LO DICE LA STAMPA ) CHE CAZZO FACEVA? ( LO DICONO I FREQUENTATORI DELLE PANELLERIE DELLA CITTA’ ). BHOOOOOO??????????

    – Caso “Humanitas”? Milioni di euro persi dalla Regione di Crocetta/Borsellino…
    – Situazione Formazione? Milioni di euro persi dalla Regione di Crocetta/Scilabra…
    – Situazione turistica (per una regione che a livello artistico/culturale sarebbe da sola un volano di grande sviluppo in qualsiasi nazione)? Milioni di euro persi dalla Regione di Crocetta/Stancheris…
    Caro Crocetta, non mi fotti: chiudi l’ARS e recuperi meno di un centesimo degli euro che il tuo governo è riuscito a perdere ( e dovrà ripagare)…
    … puoi spostare l’attenzione dai veri problemi, con la tua campagna di professionista dell’antimafia, con la tua demagogia sulle spese della politica (ma allora perchè hai assunto i tuoi amici e gli amici dei tuoi amici?), con le tue apparizioni da Giletti, dichiarando le spese del ristorante/mensa dell’Ars (tra l’altro quando il ristorante/mensa era chiuso), ma la tua vacuità e la tua inutilità ormai sono conclamate…
    Tagliare gi stipendi all’ARS e pagare lo stipendio a gente come:
    – Scilabra per gestire la formazione, quando lei non è riuscita a formarsi;
    – Stancheris al turismo siciliano, quando lei è di Bergamo (qualcuno le dica che la Venere di Morgantina non è un segno zodiacale);
    -gli esperti che controlleranno l’operato dei dirigenti (e chi controlla gli esperti?)…
    … è questa la tua soluzione??? Andiamo bene, andiamo proprio bene…

    ESISTE LA GIUSTIZIA TERRENA, MA QUELLA PIU’ POTENTE E’ QUELLA DIVINA. SPERIAMO CHE I FIGLI DEI PROTAGONISTI DI QUESTO GRANDE FILM, SIANO VITTIME ALLO STESSO MODO DEI FIGLI DI QUESTI LAVORATORI. SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI.

    grande presidende e grandi consigliori, tutta gente che nn ha mai pagato un caffè senza controllare lo scontrino. Però davano il contributo mensilmente per anni senza capire per chi o per che cosa? Visto che cmq si tratta di personale che ha sempre lavorato malgrado le vessazioni inflitte da questi fantomatici politici vergini in tutto. Nn si può nemmeno fare appello a buonsenso o altro visto come vivono ed agiscono. Pazienza, la speranza che in sedi opportune qualcuno si accorga di quello che sta succedendo!!!

    Tra questi 28 lavoratori c’è gente che ci ha sguazzato dentro la politica e che è entrata in questi gruppi non per merito ma per avere fatto lecchinaggio presso il politico di turno.
    Che provino anche loro a stare senza stipendio.

    Mi spiace per fallica, adesso a chi andrà il suo carico di lavoro? mah!!!!!!!
    Si potrà fare meno dalla sua assenza? bhooooo!!!!!!!

    e’ la somma che fa il totale. se l’ars taglia le teste a 28 lavoratori di 1500 euro al mese risparmia e potra’ aumentare lo stipendio a di bella che ne guadagna 650.000 all’anno. popolo di ignoranti cosi’ si risparmia. viva di bella e ardizzone grandi risparmiatori. mi auguro che non debbano spendere tutti questi soldi per medicine per loro e i loro familiari.

    Pinuzzu a chi la vuoi dare a bere? 1500 euro al mese? Informati sullo stipendio di Fallica. Entrati grazie alle conoscenze e pretendono lo stipendio pubblico.

    ma se non riescono a tutelare i propri collaboratori, all’ARS che cosa fanno??

    irresponsabili!!

    Gaetano…tu che sei informato dimmi quanto guadagna Fallica?

    vergogna vergogna vergogna mettere in discussione il lavoro di persone utilizzate h24 dalla deputazione mi viene da dire solo vergogna

    Solidarietà ai dipendenti dei gruppi da un dipendente ARS. Persone in massima parte competenti e professionali,

    Anche i lecchini dei politici piangono.

    E PERCHè QUESTI LAVORAVANO!!!!! HANNO FATTO UN CONCORSO?????
    NON HO MAI PIANTO I SOLDI AI DEPUTATI MA A CHI GLI STA INTORNO. SI LA VERA SPESA DELLA POLITICA SONO CHI STA DIETRO, CHE SENZA NESSUN CONCORSO SENZA ESPERIENZA SENZA COMPETENZE OCCUPA DEI POSTI CHE DOVREBBERO ESSERE OCCUPATI SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DIETRO CONCORSO .
    VIA LORO E TUTTI QUELLI MESSI DAI VARI POLITICI AI SOLI FINI DI CAMPAGNA ELETTORALE.

    Questo è il mio estratto contro contributi INPS dove si evince che dal 1995 lavoro presso i Gruppi parlamentari dell’ARS.
    https://drive.google.com/file/d/0B6TqY_ekWHfFWVFON2t4c3dROVU/edit?usp=sharing

    Se lo guardate (così sfatiamo pure il mito di quante centinaia di migliaia di euro guadagnamo) noterete che il contratto di lavoro c’era (altrimenti l’INPS non poteva intascare i nostri contributi.

    La Corte dei Conti sostiene (se a ragione o torno a questo punto lo stabiliranno altre sentenze di altri Tribunali) che i nostri contratti andavano materialmente rinnovati (scritti e firmati) fra una legislatura e l’altra anche quando restavamo con lo stesso Gruppo parlamentare (quindi con lo stesso datore di lavoro con lo stesso codice fiscale).

    Appunto, è qualcosa che a questo punto decideranno altri Tribunali, dove ovviamente saranno chiamati a rispondere tutti i soggetti coinvolti, ivi compresi coloro che avrebbero dovuto vigilare su una presunta violazione di legge così grave e che non l’hanno fatto.

    ho copiato il link ma non si vede nulla perchè ci vuole l’autorizzazione ad aprirlo. La prossima volta scrivi il numero anzicchè fare esibizionismo.

    hai trovato uno pseudonimo appropriato, complimenti, in ogni caso sono lavoratori, come quelli delle poste, telecom,tirrenia, fincantieri regione (alcuni) pip, lsu, e tanti altri. ciao

    Tale’, Pietro. Lassalu pierdiri!
    Tanto pure se provo a dire che perché e anziché o anzicché si scrivono OBBLIGATORIAMENTE con l’accento acuto, come ogni qualvolta, il mio “contributo” non viene pubblicato. Forza, ragazzi, facciamo ‘sto concorso… ma escludiamo la lingua italiana dalle materie. Ad majora! (Alfredo, scusa le due ultime parole in lingua suomi):

    ADESSO ALL’ARS SI FA INGEGNERIA GIURIDICA, NEL SENSO CHE SI STUDIA COME FOTTERE IL PROSSIMO PER SALVARE I PROPRI PRIVILEGI. I COMIS DI PALAZZO, ALTI DIRIGENTI, PAGATI A 650.000 EURO ANNUI PROGETTANO PONTI E TORRI DA CUI BUTTARE I LAVORATORI INSIEME ALLE LORO FAMIGLIE. TUTTO CIO’ LI SODDISFA E LI GRATIFICA, LI FANNO SENTIRE POTENTI. BRAVI INGEGNERI!! TUTTO IL BENE POSSIBILE A VOI E LE VOSTRE FAMIGLIE PER LE’ VOSTRE REALIZZAZIONI CHE RIMARRANNO NELLA STORIA COME IL COLOSSEO.

    Quindi ancora non ho capito, siete lavoratori in nero che pagano i contributi ?

    Sono un funzionario dell`Ars.Esprimo viva solidarieta` ai dipendenti dei gruppi, persone preparate e sempre disponibili!

    per catastrofe
    siamo dipendenti da sempre contrattualizzati (io da 25 anni) e quando ogni 5 anni si chiedeva il passaggio al superiore contributo per l’anzianità di servizio maturata, la presidenza dell’ARS richiedeva il cedolino INPS per verificare i contributi versati e non da un qualsiasi datore di lavoro ma esclusivamente dai gruppi parlamentari. Questo può bastare per capire che i controlli l’ARS li ha sempre fatti. Mentono sapendo di mentire.

    scusa, Andrea i leccihini chr piangono sarebbero i collaboratori esterni vero ? Adesso tocca a loro!?

    SE SEI CONTENTO PER LA GENTE CHE PERDE IL PANE, TI AUGURO CHE CAPITI A TE E A TUTTA LA TUA FAMIGLIA E SPERO DI VEDERTI DA BIAGIO CONTE.

    vorrei ricordare che anche chi guadagna 1000.000 di euro all’anno puo’ avere bisogno, a tutti quelli che hanno goduto e continuano a godere sulle disgrazie degli altri auguro tante cose a loro ai figli ed ai figli dei loro figli che con i soldi non potranno far nulla. con tutto il cuore !!!!!

    Povero pisellino, tutti questi anni di lecchinaggio non sono serviti a nulla!
    Ritenta!

    grande ardi ti sei assicurato un quarto di pagina in un capitolo di un libro di storia siciliana. Il peggior presidente dell’ars, è cmq un primato. Arraggia e continua a colpire sei forte!!!

    Ma quando la finiranno questi politici di nominare portaborse e collaboratori,che di solito sono dei consiglieri comunali che portano voti?non sono questi voti di scambio?perché la magistratura non fa delle verifiche?non è questo scambio di voto e spreco di denaro?vergogna,giammai questa terra di Sicilia vedrà un barlume di speranza!

    Caro Galluccio, non ti rimane che andare in tribunale ed aspettare anni per avere una sentenza dal giudice del lavoro. Farai il I grado, poi l’appello ed infine la cassazione. Se la legge ti riconoscerà che avevi ragione sarai reintegrato nel posto di lavoro. Così è la vita !

    per andrea: non sono interessato all’argomento, ma ammesso che lecchinaggio ci fosse sarebbe per sopravvivere, altri, forse anche tu, si vendono l’anima per apparire, questi soggetti sono da disprezzare, auguri a te e alla tua famiglia.

    Continua nella tua opera di lecchinaggio, sono sicuro che a forza di insistere riuscirai a sopravvivere…..almeno per un po. Auguri e buon lavoro!

    i dipendenti dei gruppi sono persone che lavorano 24 ore su 24 ,caro Alftedo e mon sono i lecchini di nessun pklitico.semmai altro personale lo e`!!!!!

    Conosco bene quegli ambienti. Quel personale è soltanto il prodotto della politica. I veri professionisti gravitano da altre parti. Quindi è inutile nascondersi dietro paraventi. Ognuno raccoglie ciò che semina !

    sono un abusivo, lo apprendo dai giornali, quindi le buste paga i contributi le presenze tutto un trucco? Apprezzo i messaggi di solidarietà ricevuti da tutti coloro che per anni, per qualche milione di km trascorsi gomito contro gomito si nasconde nel silenzio. La mattanza continuerà nel silenzio tombale dei nostri cari “onorevoli”, farei un sondaggio tra i 90 per capire chi è a conoscienza del termine On. Distinti saluti conigli!!! E forse vengo attaccato per avere offeso i conigli.

    Ma i consulenti del lavoro dei gruppi che ci stanno a fare??? Comunque e’ un interpretazione della Corte dei Conti si vedra’!!

    Il problema sta nel fatto che alcuni dipendenti dei gruppi non hanno più i padrini di riferimento perchè non più deputati o perchè i gruppi sono scomparsi. Alcuni/e si sono riciclati/e diventando collaboratori/trici di giovani deputati bisognosi di consigli , altri stanno subendo la discriminazione per fare spazio ad altri che sono arrivati al seguito di nuovi Parlamentari. Il problema si risolve con uno scivolo e uno spoil sistem a fine legislatura come avviene in tutti i parlamenti del mondo. Era meglio nella prima repubblica quando i dipendenti dei gruppi erano legati all’appartenenza politica, chi voleva entrare nei ruoli dell’ars faceva il concorso(magari con spinta) e risolveva il problema. Molti assistenti parlamentari hanno scelto questa strada…… La divisa…. Altri continuano a scaldare le sedie dei gruppi e a giocare le schedine o stare tutto il tempo su facebook ….. a 2700 euro … Un professore ne guadagna 1500….. Il professionismo politico riguarda pochi eletti non i supporters ….. Il deputato che decade non è che rimane in soprannumero…. ASPETTERÀ ,RAGGIUNTA L’età,il vitalizio…… I collaboratori? si cerchino un altro lavoro….. Non capisco che colpa hanno Ardizzone o Di Bella in questo caso….. Di Bella fece spinto da papà,collaboratore di De Pasquale(presidente ars)il concorso…… Magari non lo meritava di vincerlo(ma questo è un altro discorso…. Caduto in prescrizione….) anche la sorella….. Poi venne il cognato…… Ah ah ah ah ah ah ah adesso vuole fare, sebastianuccio, la carogna…. Con tutto il resto del mondo…. Dell’ars…..

    Non é un ricatto no

    …..a pensarci bene mi sento offesa nella mia dignità professionale…..dopo quasi 20 anni……..dove ho sacrificato la mia famiglia……..per poi ricevere pugni in faccia…tutto questo non è corretto……mi auguro che qualcuno illumini i protagonisti di questa vicenda scabrosa…….ascoltando la voce di chi oggi pensa che non potrà più sognare…

    ho l’impresione che tu sia stato scartato pure come lecchino e adesso ti vendichi ah ah ah.

    grande alfredo, lo stipendio lo meriti tu, per tutte le fesserie che hai sempre scritto. Comprese quelle che sono state impugnate dal commissario dello stato. Evita fai più figura, restano le tracce della bava che lasci.

    Visto l’andazzo date qualche mazzetta, o fate qualche rapina con destrezza, vi assumono subito! Vi riconosceranno come simili vicini vicini al loro mondo e vi abbracceranno teneramente come figli.

    inizia un’altra settimana per ardi il giustiziere, nn basta una battaglia per vincere la guerra, quella che inizierà oggi. Mostra le alte strategie propinate dal tuo leader. Buongiorno

    ma secondo Pulcinella tutta l’attività parlamentare ( disegni di legge, interrogazioni, mozioni, ordini del giorno ecc. ecc.) chi la svolge?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *