Palermo, il 'Gratta e Vinci' per Chiara Ferragni: che sogno è?

Palermo, il ‘Gratta e Vinci’ per Chiara Ferragni: che sogno è?

Una operazione di marketing per l'evento di martedì. E qualche domanda.
6 Commenti Condividi

Funziona così, come abbiamo raccontato. Vuoi vedere Chiara Ferragni che martedì prossimo sarà a Palermo? Ecco servita una filastrocca che sintetizza le istruzioni per l’uso: degli articoli comprerai, un ‘Gratta e Vinci’ (con una spesa minima di quarantanove euro) riceverai, se fortuna, grattando, avrai, ospite prescelto sarai. Una tipica operazione di marketing. Già, ma qual è il prodotto? Oppure: qual è il fine? O ancora: che significa? E qui il discorso si complica, soprattutto se paragoniamo i sogni correnti a quelli di ieri. Perché sono i sogni che muovono il mondo. Senza moraleggiare, né apparire leziosi – almeno ci proviamo – la differenza si impone, cominciando proprio da Palermo.

In questi giorni abbiamo commemorato l’incidente del liceo Meli in cui morirono gli studenti Biagio Siciliano e Giuditta Milella, nel 1985. Un anniversario doloroso che ha permesso di ricordare il periodo, allargando la visuale. Era, quella dell’Ottantacinque, una città ferita, peggiore dell’attuale, nel contesto della sicurezza, preda del terrorismo mafioso. E crebbe, per contrasto, ragazze e ragazzi magnifici. Che si opposero alla mafia, che crearono una coscienza civile e che vinsero una battaglia culturale. Ogni forza ha il suo lato oscuro: l’antimafia generosa fu avvelenata dall’antimafia dei carrieristi senza scrupoli. Ma l’immagine di una rivoluzione incruenta rimane intatta. Furono quei ragazzi e quelle ragazze, con i comportamenti singoli e le riflessioni collettive, a cambiare tutto.

Non tutti erano ufficialmente impegnati. Alcuni restavano a casa. Altri studiavano e basta: ognuno scelse la sua strada di mutazione individuale. Tanti sono gli adolescenti – si potrebbe dire – quante sono le diversità che rappresentano. Per esempio, nella musica. C’era chi ascoltava i cantautori italiani, chi stava con Vasco, chi con Lucio, chi con Claudio… C’era chi impazziva per Madonna e pagava i biglietti per andare ai concerti. Erano gli idoli di allora. Però, cantavano. Proponevano contenuti. Il ‘prodotto’ – se vogliamo usare un simile termine da scaffale – era riconoscibile e proponeva una sua qualità. E, dietro, c’erano i sogni.

E adesso? Chi compra un ‘Gratta e vinci’, sperando di essere sorteggiato tra i partecipanti di un evento con Chiara Ferragni, cosa sogna esattamente? Forse qualche minuto di fuga, in una dimensione parallela in cui ognuno ha il suo piccolo algoritmo di celebrità? C’è da chiederselo, ovviamente, rispettando la sacra libertà di chiunque e senza che nessuno si senta additato nel suo decidere a piacimento. Ma la domanda è legittima dal punto di vista generazionale e generale. Quali sono, oggi, i sogni che muovono il mondo, a Palermo e altrove? Qualcuno, per piacere, ha una risposta? (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Che pugno sullo stomaco, Roberto ! Brutto modo di iniziare la mia domenica. Comunque, grazie.

    Il problema è che il circuito dei media (anche quelli un tempo autorevoli) alimenta questo meccanismo. Il quattrino, signori, il quattrino. Non c’è altro.

    Soltanto vuoti a perdere possono alimentare tutto questo. Nuda e cruda realtà!

    Non capisco la venerazione per questa multi-miliardaria, in passato ce ne sono stati altri cito Agnelli, Pesenti, Monti ecc. che hanno però fondato industrie, banche, assicurazioni creando tantissimi posti di lavoro ma lei come numero quanti ne ha creati a parte i suoi personali miliardi (di euro)?

    Siamo rovinati. Se questa è la nuova generazione siamo senza speranza. La Ferragni spero che paghi le tasse. Ci sono troppe pecore in questa società.

    Per fare beneficenza ci si volta dall’altro lato e ci si chiude nel proprio egoismo. La stupidità per questi vip è una patologia sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *