Condanna Bianco. Le reazioni

Condanna Bianco|Le reazioni della politica

Commenti

    E dire che per decenni i catanesi lo hanno ritenuto un santo,un paladino della legalità, Il Sindaco per antonomasia.N’zino gli aveva fatto credere che a “mangiarsi”Catania e i catanesi fosse stato qualcun altro.E invece come sempre alla fine la verità viene fuori e i colpevoli hanno nome e cognome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi commenti su LiveSicilia

Ragionando adeguandosi hai fatti non potendo scegliere la soluzione migliore , allarmismo, delinquenza comune e istituzioni che cercano di sopperire faticando, suggerisco chi può di ricorrere alle vecchie grate e lucchetti . E una soluzione pesante ma in qualche modo funziona da deterrente perditempo .

Carissimo Pippo, il mio parere è che, nel merito della tua riflessione, Palermo è attanagliata da un “coacervo” di responsabilità: le Istituzioni assenti (ben che vada), i controlli insufficienti ed inadeguati (sovente per miopia politica), i cittadini/automobilisti indisciplinati, arroganti, prevaricatori, poco educati e soprattutto privi totalmente di senso civico. Molto probabilmente, come dici tu, questa sorta di incivile superficialità è diffusa un po' ovunque, fuori dai confini locali, ma la mia esperienza (e so anche la tua) mi porta spesso fuori Palermo e, per quanto si possa assistere all’insolente fenomeno della trasgressione delle più basilari norme del codice della strada, comunque tutto ha un limite e, certamente, non si arriva allo strafottente degrado quotidiano che incombe su Palermo. Sicuramente i problemi, annessi e connessi, sono una infinità, ma posso sintetizzare tutto in due esempi: se in un orario, non necessariamente di punta, provi a raggiungere Piazza d’Indipendenza dal centro città, la “coda” inizia nel sottopasso del Tribunale, lungo tutto il Corso Alberto Amedeo fino a raggiungere Piazza d’Indipendenza; per percorrere circa 800 metri di strada, a volte, non basta mezz’ora. In che cosa consiste l’impedimento? Semplice: completata la “salita” di Piazza d’Indipendenza, lungo il marciapiede di destra in direzione Corso Calatafimi, stazionano autovetture in divieto di sosta ed in doppia e tripla fila, posizionate anche a “spina di pesce”, con le 4 frecce azionate, per carità! (come dici tu, per autoassolversi!), “per pochi minuti”. Vanno via, in effetti, dopo pochi minuti, ma la sosta irregolare è “garantita” dall’automobilista successivo, ovviamente anche costui si ferma per pochi minuti, azionando le 4 frecce! E “pazienza” se alle 13,30 sei al Tribuna ma a Piazza d’Indipendenza ci arrivi alle 14,00! Credo che questo esempio sia sufficiente per “fotografare” la situazione relativamente al traffico. Ma porto un altro esempio che, in verità, ha poco a che fare con il traffico e le cattive abitudini degli automobilisti palermitani, ma ha un senso per quello che può rappresentare l’utilizzo delle 4 frecce, per quanto non espressamente previsto dal codice della strada: tutte le compagnie navali (o, perlomeno la maggior parte), per senso civico e per sensibilità nei confronti dei soggetti fragili, chiedono che all’imbarco, le autovetture con passeggero disabile, espongano sul cruscotto, ben visibile il contrassegno della disabilità ed azionino le 4 frecce, al fine di attirare l’attenzione del personale addetto, che ne dovrebbe facilitare le operazioni, sicuramente riducendone i tempi di attesa. La condizione di fragilità, purtroppo, mi appartiene, giacchè la mia compagna è disabile grave, in sedia a rotelle. Nel recente viaggio del 19/06/2024, dopo avere effettuato il check-in alle ore 17,00, nonostante il contrassegno esposto e, soprattutto, nonostante le 4 frecce azionate, l’imbarco mi è stato consentito soltanto alle ore 22,00 circa, dopo tutti gli altri automobilisti. 5 ore di attesa sotto il sole, senza punti di ristoro e senza nemmeno un WC a norma per l’accesso ai disabili. In sintesi, sembrerebbe che le 4 frecce azionate dagli automobilisti a Palermo abbiano soltanto un valore di “autoassolvimento” da parte di chi ne fa uso.

Segui LiveSicilia sui social


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI