Corruzione, Di Matteo: | "Premiare i pentiti" - Live Sicilia

Corruzione, Di Matteo: | “Premiare i pentiti”

Nino Di Matteo in audizione

Le parole di Nino Di Matteo (nella foto) in commissione Antimafia: "Va rafforzato l'aspetto premiale per chi inizia a collaborare con la giustizia denunciando la corruzione, forse sarebbe utile inserire norme simili a quelle antimafia".

5 Commenti Condividi

PALERMO – “Ritengo che vada rafforzato l’aspetto premiale per chi inizia a collaborare con la giustizia denunciando la corruzione, forse sarebbe utile inserire norme simili a quelle antimafia”. Così ha parlato il pm Nino Di Matteo rispondendo ai cronisti dopo l’incontro con la commissione Antimafia dell’Ars. ”In Italia la corruzione è dilagante e il sistema repressivo è insufficiente”, ha aggiunto.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Sono d’accordo con il dottore Di Matteo. 10, 100, 1000 Nino Di Matteo

    Sono totalmente d’accordo con il tuo parere

    Premiare ?
    Ma scusate la libertà i soldi, la protezione e il perdono giudiziale non batsano ?
    Ma che discorso assurdo è questo. Follia pura !

    Certo come no ormai grazie a quelli che la pensano come lei dott. Di matteo prima spendete i soldi dei contribuenti per arrestare questi farabbutti poi lei li vuole premiare come in mafia ma mi scusi allora non conviene rigare dritto con la legge dott. Di matteo in quanto voi per non fare indagini vi affidate ai pentiti che poi magari si scopre dopo 20 anni che dicevano fesserie.
    Siamo una terra senza speranza non si dividerà mai il bene dal male quando il Male viene premiato mi dispiace dott. Di matteo mi ha deluso.

    Buffonate all’italiana! Basta fare il proprio dovere. Purtroppo ci sono forti coperture da parte degli organismi che devono vigilare e reprimere…aaaaaaaaa w l’Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.