Palermo capitale dello sport| Sfida con Praga per il 2016 - Live Sicilia

Palermo capitale dello sport| Sfida con Praga per il 2016

Il Comune sta preparando il dossier e a giugno accoglierà gli ispettori dell'Aces, puntando sulla Favorita, il mare e la figura di Vincenzo Florio. Il punto debole però sono gli impianti sportivi, per non parlare dei pochi finanziamenti. Torta: "Una sfida difficile ma non impossibile".

il dossier
di
37 Commenti Condividi

PALERMO – Dopo la cultura, Palermo ci riprova con lo sport. Smaltita la delusione per la bocciatura come capitale della cultura nel 2019, l’amministrazione Orlando sta lavorando sottotraccia alla preparazione del dossier per la candidatura a capitale europea dello sport in una sfida a due con Praga. Il primo passo sarà a giugno quando in Sicilia sbarcheranno gli ispettori dell’Aces Europe, cui spetterà il compito di incoronare la vincitrice.

Non ci sono soldi in ballo, per carità, ma la conquista del titolo rappresenterebbe una bella rivincita per Palermo. Ad avere l’ultima parola sarà l’Associazione delle capitali e città europee per lo sport, istituzione riconosciuta dal Coni e che opera in sinergia con la Commissione europea, che dal 2001 a oggi ha scelto centri sparsi per l’Europa: prima Madrid e poi a seguire Stoccolma, Glasgow, Alicante, Rotterdam, Copenaghen, Stoccarda, Varsavia, Milano, Dublino, Valencia, Istanbul e Anversa. Nel 2014 la capitale sarà Cardiff, mentre nel 2015 toccherà all’italiana Torino. Un elenco di tutto rispetto in cui Praga vuole essere inserita a tutti i costi, tanto che il paese ceco ha addirittura stanziato una trentina di milioni di euro per rimettere a nuovo gli impianti sportivi.

E Palermo? Il capoluogo siciliano parte da una situazione poco felice, con impianti spesso rattoppati e il Palazzetto dello sport che sembra un monumento al degrado, in attesa dei lavori di riqualificazione. Per questo Palazzo delle Aquile punta sul rapporto tra i palermitani e lo sport e mostrerà tutti i propri punti di forza: dalla Favorita alla figura di Vincenzo Florio, l’inventore dell’omonima Targa di cui nel 2016 ricorre la centesima edizione, passando per il mare (che Praga non ha ma consente di disputare numerose discipline), con un dossier a cui sta lavorando anche la commissione Cultura guidata da Fausto Torta.

“Il dossier verrà preparato dai nostri uffici e con l’ausilio di consulenti gratuiti come Giuseppe Bagnati – dice il vicesindaco Cesare Lapiana – e sarà a costo zero. Puntiamo su manifestazioni non di altissimo livello da qui al 2016 ma di strada, come la Maratona e il Triathlon. Porteremo nel nostro dossier, come punto di forza, la storia di Palermo come città che dal 1700 fa sport: pensiamo alle prime gare veliche, alle prime gare ciclistiche, al campo da golf di Mondello ai primi del Novecento. Dalla fine del 1700 abbiamo sempre avuto una storia sportiva, mentre a Praga manca il mare e una storia come la nostra. Stiamo lavorando anche a un logo della candidatura, che alla fine della prossima settimana renderemo pubblico”. “E’ una sfida molto complessa – spiega Torta – dovremo confrontarci con una capitale che ha ricevuto anche ingenti finanziamenti che invece noi non abbiamo. E’ una sfida difficile ma non impossibile, contiamo sull’unicità della nostra tradizione sportiva: cento anni fa un uomo chiamato Vincenzo Florio capì che lo sport poteva essere veicolo di comunicazione per la propria terra e motore di attività produttive. Fu lui a inventare le prime pubblicità. La Sicilia è conosciuta nel mondo anche per la Targa e questo metteremo in campo, è la competizione più antica del mondo e come 106 anni fa rimane viva. Palermo è comunque all’avanguardia con moli destinati ai disabili per la vela e guarda ai prossimi mondiali di windsurf grazie alla possibile interlocuzione con l’Oman. Punteremo anche sulla Favorita che presenta il campo a ostacoli, famoso a livello internazionale, ma offre anche spazi per corsa campestre, scalata, bici e tanto altro. Tutta la commissione sta collaborando in maniera fattiva per questo grande sogno. Avremo anche un campo di atterraggio per kitesurf agli ex Bagni Virzì, ovvero il surf col paracadute”.

L’Aces, oltre al titolo di capitale per le città con più di 500mila abitanti, sceglie ogni anno anche la città dello sport (per i centri tra i tra i 250mila e i 500mila) e i comuni dello sport (centri fino a 250mila abitanti) e si basa su alcuni parametri: centralità dello sport nelle politiche attive, lo sport come elemento di coesione sociale e prevenzione del disagio, la promozione di buone pratiche per la salute. La decisione toccherà al Comitato esecutivo sulla base di quanto proposto dalla giuria: il Comitato è composto dai sindaci delle passate capitali, da un rappresentante della Commissione e uno del Parlamento europeo, da un membro del Comitato olimpico europeo e da altre personalità del mondo dello sport. Ecco perché Orlando dovrà cercare sponda col sindaco di Milano e puntare sulle proprie relazioni internazionali.

Ma in questa sfida, contrariamente a quanto detto in precedenza, il comune di Palermo non potrà contare sul sostegno del Coni siciliano o nazionale. Un brutto colpo per Palazzo delle Aquile che, dopo aver presentato insieme al Comitato olimpico la candidatura, ha perso per strada il supporto del prestigioso partner al centro recentemente di una guerra di poltrone. Giovanni Caramazza, consulente del Comune, si è ormai dimesso dalla guida del Coni Sicilia, oggi guidato da Giorgio Scarso. Inoltre le risorse finanziarie di Palermo sono risicatissime: appena 100mila euro per approntare il dossier, nessun finanziamento in vista da parte del governo regionale o da quello nazionale. Palermo però ci proverà lo stesso presentando a giugno il dossier, su cui l’Aces si esprimerà con una valutazione mentre intorno a novembre si avrà il vincitore.

Qualche nome noto a supporto della candidatura arriverà, anche se al momento la figura più illustre sarà quella di Vincenzo Florio: Palermo potrebbe puntare per il 2016 nella partenza e nell’arrivo della centesima edizione della Targa, oltre che nella prova spettacolo. Inoltre il Comune sta lavorando sottotraccia anche ai mondiali di Windsurf che si dovrebbero tenere in Oman ma su cui città potrebbe tentare una partnership. “Puntiamo sul mare, sulle manifestazioni e sulla possibilità di fare attività sportive nelle scuole – dice la dirigente Fernanda Ferreri – per il momento non abbiamo contatti con il Coni, ma tutte le collaborazioni sono sempre ben gradite”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

37 Commenti Condividi

Commenti

    Siamo proprio al ridicolo questi o sono pazzi o non hanno capito niente, la città cade a pezzi gli impianti sportivi distrutti e si candidano a capitale dello sport? ? ORLANDO IL SINDACO NON LO SA FARE. Siamo passati dalla padella alla brace tutti a casa mozione di sfiducia in consiglio e chi veramente vuole bene a questa città lo cacci via con tutti i suoi assessori peggio di lui.

    Ma questi ci sono o ci fanno ?

    io la tecnica di Orlando l’ho capita: candidare Palermo a capitale di qualcosa permette di far arrivare soldi e poterli spendere a prescindere da quale sia il risultato della candidatura. Se e’ cosi’ ben venga (che Palermo puo’ essere capitale di qualcosa se non della munnizza, incivilta’ e degrado lo sanno anche le pietre)

    Hahaahhhahhahhhhhaaaaaaahhhhhhhhh…….capitale dello sport !!!! Hahhhaaahahahaaa

    Ieri il traffico in via Libertá era spaventoso e l’inquinamento alle stelle. Chi consente un disastro ambientale simile dovrebbe essere immediatamente rimosso.
    Una cosa mai vista in nessuna cittá: stessa stupidaggine si verifica in via Cavour da quando hanno chiuso piazza Massimo, ma ora i residenti hanno presentato un bell’esposto.
    Cittá invivibile perché male amministrata e incontrollata.
    Altro che Praga!

    Ecco come diventare lo zimbello d’Europa ! Appena i giudici chiederanno di vedere qualche impianto si sganasceranno dalle risate. O e’ un altro modo per fregare sti quattro soldi che hanno in cassa o sono veramente fulminati!!

    NO NO NO NO NO dovremmo riempire un foglio scrivendo NO
    non e’ piu ‘possibile continuare a sentire a scadenze ravvicinate
    le uscite per usare un termine educato della giunta Orlando su
    temi futuristici che mai saranno realizzati,curati del quotidiano
    dove la giunta da te pressieduta dimostra il suo fallimento,caro
    sindaco,con quale coraggio proponi Palermo da te abbandonata,
    come capitale della sport,gareggiando con Praga!!!!Hai solo un
    campo dove sicuramente,saresti vincitore,come il sindaco,della
    “UNICA CITTA’AL MONDO”che porta ancora i segni lasciati dalla
    ultima guerra mondiale,le ferite nel centro storico sono ancora
    aperte,e tu non sei riuscito a risanarle,vogliamo ricordarti che
    fra pochi giorni,il “9 MAGGIO 2014″saranno trascorsi ben 71 anni
    da quel bombardamento,roba da GUINESS dei primati,quindi
    se lo richiedi sicuramente una targa te la consegneranno e almeno saresti orgoglioso di portare a casa un risultato.Dopo
    se ami questa citta’dimettiti.

    Praga con 30 milioni di finanziamento e noi con il ricordo di Florio… Ottimismo!

    Appello ai Palermitani, facciamo una colletta, compriamogli una targa, un trofeo, un articolo a pagamento sulle principali testate, dove si attesta che Palermo e’ il migliore posto al mondo dove vivere…magari si appaga e comincia a restaurare questa Babele di città.

    Si che ce la possiamo fare con lo 0,01% di possibilità di aggiudicazione

    Scusate ma se lo criticate dimostrate di non conoscere Leoluca Orlando. Lui fa solamente tutto ciò di cui può parlare la stampa mondiale e che può fare risaltare la sua immagine di politico (Gay Pride, Eventi di carattere internazionale o mondiale, inaugurazioni di presunte metropolitane, ecc.). Gestire le emergenze della città, fare funzionare gli autobus, riparare strade ed illuminazione pubblica, rendere le scuole più vivibili ecc., sono cose di cui la citata stampa non parlerebbe mai. Imparate dunque a conoscere il vostro Sindaco che tra l’altro avete poi votato in molti.

    A parte questa notizia che rende vergognosa la città di Palermo che non programma mai le cose nei temi giusti, vorrei informare la gente che io “da solo”, libero cittadino, mi sto occupando di un’altra manifestazione molto più grande di questa, che se anche non si svolgerà per intero a Palermo sempre per i soliti motivi, ma in un’altra città italiana, se viene scelta, almeno una disciplina dovrebbe disputarsi nella nostra città. Ho già ho avuto contatti con il coni nazionale che ha dato la possibilità di organizzare questa disciplina a Palermo, a giorni incontrerò il commissario del coni regionale che mi ha convocato. Quindi vedrò se io “da solo” riuscirò a smuovere qualcosa in questa città, che dorme sempre. Palermo deve essere considerata “Europea” in diverso modo. Deve organizzare grosse manifestazioni in questo caso sportive a livello mondiale che non solo trasformano la città dal punto di vista strutturale e danno lavoro a molta gente, ma che sono un trampolino di lancio per i turisti. Ma deve esserci programmazione seria e fatta molto tempo prima. Ma dove sono questi arabi che volevano investire in Sicilia? Volere e potere. Il problema è che detto in siciliano, “ci siddiano a fare le cose, vabbè poi se ne parla”. Mentre il medico studia il malato se ne va. Arrivano altre città e ci sopravanzano. E la storia continua. Ad ogni modo vi terrò aggiornati su questa manifestazione.

    No niente, questo va aiutato, ha seriamente problemi !

    Commento assolutamente condivisibile!

    sto morendo dalle risate ma Orlando gia’non era una cima ma adesso ha perso del tutto la ragione ajhajajjaa

    per favore ponete fine a queste farneticazioni.Se non siete in grado di risolvere i problemi di questa città o di proporre qualcosa di interessante fate un passo indietro ma basta con queste prese in giro

    Sogno o son desto?

    Che cosa?
    Si ci aggrappa alla gloriosa famiglia dei FLORIO che aveva fatto di Palermo (a cavallo tra la fine del 1800 e i primi del 900) una città che poteva competere realmente con le più importanti capitali d’Europa…….tale era il benessere e il livello culturale della cittadinanza, tutti coloro che si sono succeduti dopo alla guida di questa città non hanno fatto altro che AFFOSSARLA sempre di più e IRRIMEDIABILMENTE!

    Pensi alla collettività piuttosto che allo sport………ho appena sentito che sono state sospese le convenzioni per chi assiste i DISABILI!

    CHE SCHIFO!!!

    ci sono…ci sono….ahahahahah

    palermo capitale dell’illegalita’!!! amministrazione e sindaco presumibilmente connivente , gazebo, non rispetto delle sentenze e delle leggi europee sui mercati , illegalita’ diffusa al mercato ortofrutticolo e ittico , ANCORA SI ASPETTANO LE SANZIONI DIDCIPLINARI E QUANTALTRO DA PARTE DEL SINDACO DEL SEGRETARIO GENERALE DALL’ACQUA E DALL’ UFFICIO DISCIPLINA PER IL FUNZIONARIO CONDANNATO DALLA CORTE DEI CONTI E ANCORA IN SERVIZIO ALLA PROTEZIONE CIVILE COMUNALE CON LE STESSE MANZIONI E CON GLI STESSI INCARICHI PER CUI E’ STATO CONDANNATO . SINDACO ORLANDO VERIFICA PRIMA DI SPARARE FUMO!!!!

    Ma prima pensino a far funzionare i servizi e poi si parli di altro! Mah!

    Orlando batte se stesso. Perché stavolta neanche avere la faccia come il culo è sufficiente. Qui si parla dell’imperatore del ridicolo, del genio della cazzata, del non plus ultra delle farse. And the winner is… sinnacollando!!!!
    Cambiategli lo spacciatore ed evitiamo questa figura da peracottari.

    Consiglio a Leoluca Orlando di candidare Palermo per i due concorsi internazionali di “capitale della sporcizia” e “capitale dell’inciviltà”, non ci sarebbe gara e speranza di vincere per tutte le altre città del mondo.

    Ogni candidatura sono piccioli nostri che finiscono nelle sue tasche!!!!

    Palermo e’ la capitale dello SPOT !!!

    Capitale della farsa

    il sindaco orlando sfida la città di praga??, ma io chiederei al sindaco:
    caro signor Leoluca, ma lei Praga, l’ha mai vista??…… non abbiamo la minima speranza di potere competere con una realtà come quella……. siamo lontani anni luce…

    Forse voleva sfidare il prosciutto di Praga e non la città. Utilizzando quelle gran fette che tiene sugli occhi !!!!!!!

    Picciottazzi,con queste confusioni politiche,economiche e finanziarie oltre gli scioperi e lavori a singhiozzo in una citta` che ha bisogno di tantissime cose e responsabilita` pei suoi cittadini,questa ridicola affermazione di Orlando sembra una scusa per avere un po di ‘luce’ su se stesso,anche se i fondi non esistono o non esisteranno.Non si puo` pensare allo ‘sport’ quando il traffico,la politica,monnezza,crimini/reati continuano a peggiorare. “Sio` Sinnaco”,da responsabile amministratore della Conca d`Oro,dov`e la logica? Chi ordina carne di filetto se a casa non ha gas e tavole ,oltre le tasche vuote,al verde? Di nuovo in credito? E chi lo paghera`??Cerchi di risolvere i problemi quotidiani, quelli importanti ai suoi cittadini,uno alla volta,e poi,,se esiste tempo,denaro e riflessioni,,poi si puo` sognare ,x pochi secondi soltanto,che potevamo,,fare ‘”chistu o chiddu'”,ma non credo che quel bel giorno arrivera`,,i problemi della nostra citta natia,aumentano,e non diminiuscono,purtroppo. E poi ‘sti giochi portano sempre dei Nuovi Debiti.,Un ex palermitano da anni negli USA.Bye

    Sembra la la giunta con in testa il sindaco, non abbia alcuna seria valutazione dell’operato di questi due anni ne dello stato d’abbandono della città. Vergognatevi piuttosto che esporre al ludibrio – con le vostre richieste fuori dalla realtà- la nostra amata Palermo

    Spesso, leggendo i commenti, non riesco a capacitarmi del perchè la voce della quasi totalità dei palermitani non debba essere in alcun modo ascoltata dall’amministrazione comunale. Come se il pensiero del popolo, quello vero e non quello dei salotti “bene”, non avesse nessuna importanza, come se il cittadino che VIVE ogni giorno la città non avesse titoli per parlare, non avesse argomentazioni per esprimere il proprio malcontento!
    Se 9 palermitani su 10 dicono che la città è in uno stato comatoso, che praticamente nulla funziona secondo i principi basi di una città civile qualcosa di veri ci sarà!
    Mi rifiuto di credere che 650.000 palermitani, o quasi, siano tutti dei deficienti!
    Mah!

    Consiglierei al Signor Sindaco una consulenza psichiatrica

    non è che se proviamo ad avere qualche iniziativa le cose cambiano, ma si affosserà sempre qualcosa in nome di altro più utilie da fare ci sarà sempre una cosa più importante, ma anche così non andremo da nessuna parte.Poco tempo fa per esempio si parlava dell’acquario a palermo e giù sempre giudizi negativi senza considerare il ritorno economico che si potrebbe avere. Cosa dire allora dell’expo 2015 a milano che sembra intravedere un fallimento oltre che da un punto di vista di corruzione. malaffare e mafia non è ultima a nessuno. Noi palermitani riusciamo a tagliare le gambe a tutto senza neanche un cenno di prova.Qui non crescerà mai “nè erba ne travagghiu “…..adesso avanti alle critiche.

    Prima di pensare alle infrastrutture sportive consiglierei al sig. Sindaco & Co. di ammodernare le infrastrutture urbanistiche e sopratutto la viabilità, poichè se qualche squadra di qualunque disciplina dovesse attraversare la città di mattina dovendo transitare per lo svincolo di via Belgio (vedi stamattina) impiegando 2 ore per raggiungere l’impianto sportivo di competenza perderebbe tutte le sfide a tavolino perchè non arriverebbe mai in tempo.

    ci prendono per il cu..

    Faremo una gara con Praga, si giocherà a chi tira i sacchetti della monnezza, più lontano…sicuramente vinceremo.

    e un oro pure nel “calo della saracinesca rionale”.

    Se è come la Capitale della Cultura allora abbiamo già vinto! Orlando, era meglio una dignitosa pensione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.