Il Palermo e Gilardino |Un amore mai sbocciato - Live Sicilia

Il Palermo e Gilardino |Un amore mai sbocciato

Le indiscrezioni sulla rescissione contrattuale fra il bomber di Biella e il club rosanero chiudono una parentesi durata appena un anno.

calcio - serie a
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – Alberto Gilardino e il Palermo, storia di un amore nato nelle ultime battute della scorsa estate e che, secondo le ultime significative voci, si accinge a raggiungere i titoli di coda dopo appena una stagione di ‘fidanzamento’. La rescissione contrattuale del bomber di Biella, annunciata né dallo stesso attaccante né tantomeno della società di viale del Fante bensì da un soggetto terzo quale il presidente dell’Empoli Corsi interessato ad acquisire le prestazioni del campione del mondo del 2006, ha schiarito immediatamente le intenzioni sia del calciatore, che per raggiungere l’obiettivo delle 200 reti in serie A desidera alle sue spalle un progetto fondato proprio sui suoi gol, e la società rosanero, che liberandosi dell’ingaggio di Gilardino ( di 1,1 milioni a stagione, ndr) proseguirebbe nel solco di una politica al risparmio impostata dal patron Zamparini.

Con Gilardino libero dunque di accasarsi in un altro club, in attesa che la punta e il Palermo pattuiscano una sostanziosa buonuscita, il club siciliano dice addio dunque ad un elemento giunto con tutta la diffidenza del caso sia da parte del pubblico, che in colpo solo rinunciava a Dybala e Belotti per un rinforzo esperto ma avanti negli anni, e dello stesso presidente Zamparini, che non ha mai nascosto il suo mancato ascendente sull’operazione di mercato portata a termine nelle ultime battute di mercato più per il nome che per reali mire tecniche. Gilardino, da gran professionista quale si è dimostrato d’essere, ha però lavorato in silenzio, giocando diverse partite in ombra, ma alla fine quando i rosa hanno avuto davvero bisogno dei suoi gol non si è tirato indietro.

Della sua prima, e quindi ultima stagione in Sicilia, si ricorderanno sicuramente gli undici gol messi a segno, in particolare quello contro il Frosinone, nella trasferta vinta 2-0 dai siciliani, quello nel 3-2 nell’ultima e decisiva gara casalinga con il Verona. Due colpi di testa, marchio di fabbrica dell’attaccante piemontese, che i tifosi, a più riprese contrari a questa separazione con quello che era diventato finalmente il loro beniamino, adesso rimpiangeranno e magari rivedranno nella prossima stagione con l’ex Fiorentina e Milan che, in quanto professionista e bomber di razza, segnerà ancora ma stavolta da avversario.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Le possibili alternative per il vostro attacco potrebbero essere il nazionale belga Lukaku o quello inglese Kane.

    Egr. Sig Zamparini, come imprenditore Lei compra e vende , su questo sono d’accordo
    con Lei , a Palermo questa professione è chiamata u putiaru (bottegaio ) compra la merce e poi la vende. Per quanto riguarda il Palermo Calcio la situazione è un po’ diver- sa . Se il Palermo quest’anno è stato miracolato da S. Rosalia, il prossimo campionato se Lei non si tiene a Gilardino e compra dei buoni giocatori per rimanere in serie A non so se il miracolo si ripeterà.

    Sendi ma piccasu chi sì cadanisi mbari! Pensa o to Cadania e to squadra i dilettandi!!

    Il vero miracolo sarebbe quello che Zamparini riesca a vendere il Palermo, ai CINESI, ARABI, AMERICANI,RUSSI ECC. L’IPORTANTE CHE VENDA E FINALMENTE POSSIAMO SPERARE CHE FINISCA QUESTO INFERNO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *