L'omicidio della Vucciria: fermati tre giovani

L’omicidio Burgio alla Vucciria: fermati tre uomini

Decisive sarebbero state le immagini delle telecamere
0 Commenti Condividi

PALERMO – Ci sono tre fermati per l’omicidio della Vucciria. Secondo gli investigatori della squadra mobile di Palermo, guidata da Rodolfo Ruperti, sarebbero i sicari che lunedì notte, alla Vucciria, hanno freddato con tre colpi di pistola il ventiseienne Emanuele Burgio, figlio del boss Filippo Burgio.

I pubblici ministeri, coordinati dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, hanno disposto il fermo degli indagati. Si tratta di tre uomini – zio, figlio e nipote -, con piccoli precedenti penali alle spalle.

Alla loro identificazione si sarebbe giunti anche grazie alle immagini di alcune telecamere piazzate in via dei Cassari e nelle strade vicine. Il delitto sarebbe maturati nell’ambito dei contrasti per lo spaccio di droga, ma si valuta anche il contesto mafioso.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *