"Si è pentito Zarcone"| E la donna avvertì Messicati - Live Sicilia

“Si è pentito Zarcone”| E la donna avvertì Messicati

Antonino Zarcone e Antonino Messicati Vitale

L'arresto del boss. Un retroscena fece emergere la paura per le dichiarazioni di Antonino Zarcone.

0 Commenti Condividi

PALERMO – Il pentimento di Antonino Zarcone è stato decisivo per le sorti processuali di Messicati Vitale. Lo sapevano tutti, anche la donna che il 30 settembre 2014 uscì, di corsa e scossa dal bunker, dal carcere Pagliarelli di Palermo.

Avano appena saputo in aula del pentimento di Zarcone ed era corsa ad avvertirlo. “Chi è?”, disse il boss rispondendo al citofono: “Toni, scendi”. Messicati Vitale aprì il portone. “Entra”. “Toni, gliel’ho detto a Sara ma quella è stonata…”. “II fatto di Nino?”. “Una bella perdita è”. “Una bella perdita, si è buttato quello”. Ancora la donna: “… dice… ‘da una settimana che sto collaborando’… dice… ‘perdo dei familiari’ e mi ‘pento… io ho detto: ‘… ora glielo vado a dire perché’… ce ne siamo andati cutululiati… mi raccomando Toni”. Poi, si sentì il rumore del portoncino che veniva chiuso, la donna uscì di casa e in sottofondo i rumori della televisione accesa. “Cutuliati” diceva la donna in gergo palermitano.

Tradotto in Italiano significa bastonati, perché il pentimento di Nino Zarcone era una botta per Messicati Vitale e per l’intero clan che operava fra Villabate, Bagheria e Ficarazzi.

 

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *