Nel centrodestra | è ritorno... al futuro - Live Sicilia

Nel centrodestra | è ritorno… al futuro

Fratelli d'Italia e Moderati Rivoluzionari: i volti sono più o meno gli stessi, ma le forze politiche del centrodestra lanciato verso le Politiche hanno una fisionomia diversa rispetto al passato. Così, attorno al solito Cavaliere, ecco gli "scissionisti" di La Russa rappresentati nell'Isola da Salvino Caputo e dalla giovane Carolina Varchi, e il movimento dell'imprenditore Samorì, guidato da Paolo Ruggirello.

Verso le politiche
di
30 Commenti Condividi

PALERMO – Il centrodestra prova a far pace. Nonostante divisioni nuove, “fraterne spaccature”, e novità moderatamente rivoluzionarie. In vista delle prossime politiche di febbraio, insomma, il centrodestra siciliano cerca di concentrare tutte le “risorse umane” all’interno del medesimo recinto. Berlusconi e Micciché, Romano e qualche ex lombardiano, tutti sotto un tetto, per puntare alla vittoria. Mentre a latitudini lontane, gli azzurri provano a chiudere l’accordo con la Lega.

In Sicilia, il primo serio ritocco, rispetto alle scorse politiche, a quella che fu la macchina da guerra guidata dal Cavaliere, avrà il volto e il nome di Giampiero Cannella (che dovrebbe essere il capolista nel collegio della Sicilia occidentale), Salvino Caputo, Marco Falcone e Vincenzo Vinciullo. Il parlamentare nazionale e i deputati regionali, infatti, incarneranno l’anima siciliana della lista voluta da Ignazio La Russa, Giorgia Meloni e Guido Crosetto, “Fratelli d’Italia-Centrodestra nazionale”. “Da giorni – racconta Caputo – dialoghiamo con La Russa, stiamo lavorando a un progetto che ci vede al fianco del Pdl, ma con un partito di ‘vera’ destra”. E proprio l’ex presidente della Commissione Attività produttive all’Ars sarà candidato quasi certamente alla Camera. Insieme, appunto, ai due compagni del gruppo Pdl a Sala d’Ercole. Nella lista dovrebbe trovare posto anche Carolina Varchi, Vicepresidente nazionale di Giovane Italia, polemicamente uscita dal Pdl pochi giorni fa.

E il Pdl, dal canto suo, sta lavorando alle sue liste. Si pensa di confermare tutti gli uscenti. E circola la voce di una possibile candidatura al Senato per Francesco Scoma. Di certo c’è che saranno candidati il presidente del Senato uscente Renato Schifani, i co-coordinatori Dore Misuraca, Domenico Nania e Giuseppe Castiglione, oltre a Simona Vicari, Gabriella Giammanco e il deputato agrigentino Giuseppe Marinello.

E gli azzurri, in vista delle politiche, ritroveranno un “vecchio amico”. Anzi, una delle locomotive del partito in Sicilia per lunghissimo tempo: Gianfranco Micciché sta lavorando infatti al ritorno nella coalizione di centrodestra, dopo lo “strappo” delle ultime regionali. Nulla è ancora ufficiale, ma tutto appare certo: “Abbiamo guardato anche – svela il coordinatore siciliano Pippo Fallica – all’area dei moderati. Ma ci siamo resi conto che quelle forze politiche sono del tutto disinteressate al Mezzogiorno. Noi invece – aggiunge – vogliamo sposare il progetto di una coalizione che possa fare il bene del Sud. E certamente – conclude – non siamo un partito di centrosinistra…”. Grande Sud presenterà una propria lista sia alla Camera che al Senato. Ma nel partito c’è un po’ di fibrillazione. Uno dei deputati regionali in carica, Michele Cimino, infatti, starebbe pensando ad altre destinazioni. Al momento, il parlamentare agrigentino starebbe riflettendo. I nodi verranno sciolti entro la prossima settimana. E un ex “miccicheiano” potrebbe provare una nuova avventura. L’ex deputato regionale Tony Scilla, infatti, potrebbe correre col “Mir”. Ma lui smentisce. La vera novità politico-mediatica di questa tornata elettorale nel centrodestra, infatti, è la presenza dell’imprenditore modenese Giampiero Samorì, col suo (“Moderati in Rivoluzione”), che ha già scelto i prori responsabili nell’Isola: Natale Consoli per la Sicilia orientale, e Paolo Ruggirello per il collegio occidentale. Quest’ultimo, al momento, all’Ars è un deputato eletto tra le fila della Lista Musumeci e componente del gruppo omonimo. E a proposito di Musumeci, sembra proprio che l’ultimo candidato alla Regionali per la coalizione di centrodestra, non correrà per le politiche col suo partito, “La Destra”. Musumeci infatti avrebbe deciso di rispettare il mandato dei suoi elettori, e rimarrà tra gli scranni di Sala d’Ercole a fare opposizione al governo Crocetta. Le liste de “La Destra” alla Camera invece verranno tutte guidate da Francesco Storace. Dovrebbe essere candidato, invece, Ruggero Razza, catanese e componente del direttivo nazionale. “Ma stiamo ancora discutendo – precisa Razza – e ci riuniremo a Roma il prossimo 7 gennaio per decidere i capilista. Siamo ottimisti – aggiunge – visto che tutti i sondaggi ci danno sopra al 2%”. La soglia minima, insomma, per poter esprimere propri parlamentari, facendo parte di una coalizione (a dire il vero, il seggio scatta anche per il primo partito che si piazza sotto quella soglia).

Qualche dubbio, ancora invece, sulle scelte del Cantiere popolare di Saverio Romano. I centristi quasi certamente presenteranno una propria lista al Senato, dove il computo dei voti avviene su scala regionale. “Vorremmo vedere riconosciuti – spiega il vicecoordinatore del partito Innocenzo Leontini – i buoni risultati ottenuti alle ultime Regionali. Alla Camera, invece, correremo in federazione. Ma non abbiamo sciolto il nodo riguardante la coalizione”. Tutto fa pensare, però, che i moderati confermeranno l’alleanza col Pdl e il resto del centrodestra. Mentre qualche certezza in più c’è su alcuni dei nomi dei possibili candidati: lo stesso Leontini, insieme a Rudy Maira e Marianna Caronia saranno della partita. La partita che vedrà il centrodestra impegnato nel tentativo di rimettere insieme i pezzi di quella che fu una inarrestabile macchina da guerra. Soprattutto in Sicilia.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

30 Commenti Condividi

Commenti

    Non ho alcun dubbio: VOTARE GRILLO per mandare a casa i vecchi mestieranti della politica, sia di destra che di sinistra.

    Marianna Caronia forewer.

    Finalmente soffia un vento di novità. Proprio quello che ci aspettavamo. Tutti a votare per questi volti nuovi. Così solo il centrodestra potrà risorgere. Sono un elettore di centrodestra, schifiato e convinto più che mai che stavolta al senato non si supera la soglia di sbarramento.

    chi sceglierà l’ordine delle liste?

    Ah ah ah cantiere popolare come volevasi dimostrare candida i trombati delle regionali Maira e Caroniav alla faccia del cambiamento

    Ma che voti ha Carolina Varchi

    Marianna Caronia, simbolo di una donna che trova il consenso dalla credibilità politica fin qui mostrata, credibilità che le permetterà di portare le istanze siciliane a Roma con la grinta, passione e determinazione che la contraddistinguono. Avanti cosi

    Votare MOVIMENTO 5 STELLE

    ma la Varchi di Fratelli d’italia aveva dichiarato che non si sarebbe MAI candidata senza le preferenze!!!E brava la Varchi….anche tu NOMINATA!!COMPLIMENTI!!

    MA SE SCHIFANI DA PRESIDENTE DEL SENATO SI RITIRASSE SULL’AVENTINO SENZA APPANNARE LA SUA INSPERATA TRASCORSA CARICA PRESTIGIOSA? NON CI FAREBBE UNA BELLA FIGURINA? E INVECE NO! DA PRIORE A SACRESTANO NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI. GIUDIZIO DI ELETTORE DEL CENTRODESTRA: CI AVETE ROTTO ! miccichè,misuraca, scoma, caputo, vinciullo,granata, briguglio, scilla(!!!) e via dicendo,nei secoli dei secoli, un incubo, ci dovete proprio convincere ad essere cattivi, dobbiamo proprio cacciarvi? se non vedete i conti dei voti non ci credete? ci voli a mala fiura?pussa via! vade retro!

    Caro Salvino, non ti dimenticare di me voglio essere messo in lista alla camera o al senato buon lavoro!

    Nel mio piccolo, dopo aver fatto un po di esperienza politica, da soggetto indipendente proveniente da una lista civica, ho avuto sempre rispetto assoluto della legalità, dell’uguaglianza e della fratellanza, e senza orientamenti politico-ideologici.
    Allo stato attuale, avendo praticato tutti penso che non si salva nessuno, dico proprio nessuno, per non parlare di tutti questi politici improvvisati magistrati e showman che si affacciano alla politica dell’ultima ora. E’ arrivato il momento per tutti, destra e sinistra, di finirla da tutti i punti di vista, in particolare smettetela di prendere per culo il prossimo perchè ormai siamo incazzatissimi al punto di non ritorno che potrebbe finire proprio male.

    credo che se non si mette in moto un meccanismo schiaccia sassi non ne usciamo. e allora forse se stavolta si vota il PD, si può far piazza pulita a destra, e la prossima volta si vota a destra e si ripulisce la sinistra. l’unica novità che poteva dare un senso a queste elezioni era un possibile scontro Renzi – Alfano, almeno era un segnale oggettivo di novità generazionale. Ha vinto comunque la conservazione, affidarsi a grillo la considero una follia, forse in due colpi ci potremmo riuscire.

    Mi sembra di essere difronte a qualcosa di impossibile. Mi sembra di rivedere quanto già fatto nel 2006 dal centro sinistra! Idee confuse, impopolarità oramai ” conclamata” fra gli elettori, tra l’altro, oramai stanchi delle uscite insignificanti di Berlusconi. Manca un progetto, manca un’idea, manca una vera guida, manca la democrazia partecipativa. Bene! Io mi sento pronto a rivedere anni di idee, pensieri, storie di appartenenza politica, scelte e rappresentanti! Questa è la mia realtà e sono sicuro che tanti altri come me condividono questa mia disapprovazione!

    Tutti a cercare sedie da riscaldare , fra tragedie fra di loro per trovare il posto al senato o camera non pensano alla politica del fare o ai valori che hanno avuto . . . .

    Il virus e ramificato in tutti i partiti, si stanno sparpagliando per restare sempe li a succhiarci il sangue
    Più leggo lo schifo più mi sto rendendo conto che sono stato plagiato, il mio prossimo voto sarà per il movimento 5 stelle , qualcuno mi dirà che sono tutti uguali,rispondo il nuovo mi stupisce il vecchio ho certezza.

    Ancora Scoma???????? Bastaaaaaaaaaaaaa non se ne può piuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Ho capito…..non voterò per il il PDL….devo decidere se Fratelli d’Italia o il PID…..ma se il PDL candida la Giammanco e Scoma io non lo voto…..

    IL nuovo che vanno che avanza.. vanno premiati ,con la rielezione considerati ibrillanti risultati ottenuti!
    ahahahaahahahah

    Quannu i mulinari si azzuffanu, stati attenti a la farina. ITALIANIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Cari amici ex AN,

    vi prego solo di astenervi dal venire a chiedere i voti a chi vi ha sempre appoggiato senza chiedere nulla in cambio.

    Siete diventati impresentabili

    bene… si lavora sempre per garantire il posto ai soliti noti…… chi viene trombato alle regionali lo candidiamo alle nazionali, chi sta nelle grazie di qualche segretario di partito viene blindato in qualche collegio sicuro………….. ma smettiamola dove sta il cambiamento………………personalmente voterò INGROIA

    scheda bianca o 5 stelle!!!

    CAPOLISTA GIAMPIERO CANNELLA SEMBRA UNA BARZELLETTA

    Votare PDL è un obbligo tassativo. Mirivolgo a tutti gli ex AN che vorrebbero votare Fratelli d’Italia. E’ solo un cartello elettorale che dopo le elezioni tornerà all’ovile del pdl. Serve solo a garantire La Russa e Meloni e forse qualche altro. se non volete votare il pdl allora votare la Destra di Storace e Musumeci.

    Finalmente tutti assieme i siciliani avranno il modo di non sbagliare li manderanno tutti a casetta

    E Antonello Antinoro non si candida?

    anzicche’ la Caronia, non sarebbe meglio candidare il grande Antonello Antinoro???

    ANTINORO RITORNA MACCHINA DI VOTI COME TANTI ANNI FA’……..

    caronia fai una pazzia se ti ricandidi col pid.
    a sindaco, e ti hanno ferita…alle regionali ti hanno affondata, e in questa tornata ti fucileranno…antinoro e’ la causa con il pieno accordo di romano e avanti della tua distruzione…meglio votare ingroia che dare forza a chi ti vuole distruggere e distrugge la sicilia e oggi l’italia intera. Caronia aspetti le provinciali e vada sola con la sua lista civica a presidente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.