Palermo, "liberiamo via Roma entro giugno": il Collettore fognario ai raggi X

“Via Roma libera entro giugno”: il Collettore fognario ai raggi X

Foto d'archivio
Interventi, costi, quando si potrà tornare a percorrere normalmente via Roma: tutto sulla maxi opera
PALERMO
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – I minerali a prova di scavi non dovrebbero più essere un problema per i lavori al Collettore fognario, ma chi si aspettava via Roma e il resto della città liberi dai cantieri dovrà attendere. Nel capoluogo siciliano le opere fognarie procedono, intaccando inesorabilmente la viabilità ma quantomeno, stando all’amministrazione comunale, senza imprevisti di sorta all’orizzonte e soprattutto con nuove date più certe. Quali sono le prossime tappe? Quando si potrà percorrere via Roma normalmente come prima? Live Sicilia passa ai raggi X il Collettore fognario assieme all’ingegnere Giuseppe Vicari, responsabile delle Infrastrutture idriche e fognarie e della Mitigazione del rischio idrogeologico al Comune di Palermo.

Cos’è il Collettore fognario e quanto costa

In realtà l’intervento comunemente definito Collettore fognario ha un nome ben più lungo, ma esplicativo: “Lavori di disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto – Adduzione delle acque al depuratore di Acqua dei Corsari mediante il potenziale del ‘Sistema Cala’”. L’opera, spiega Vicari, può essere suddivisa in quattro parti principali che hanno un unico obiettivo: “Eliminare dal mare gli scarichi fognari di circa 400 mila abitanti della città di Palermo, convogliando i reflui verso il depuratore di Acqua dei Corsari”. Così il Comune conta di porre fine all’inquinamento “che tali scarichi provocano nella fascia costiera dal porto industriale all’antico porto della Cala, fino alla foce dell’Oreto”.

Le risorse economiche complessive impegnate per l’opera ammontano a oltre 22 milioni 727 mila euro. Di questi, una parte è finanziata dalla Regione (il 57,40 per cento pari, a 13 milioni 45 mila euro) e una parte dall’amministrazione Comunale palermitana (il 42,60 per cento ovvero 9 milioni 681 mila euro).

Lo stato dell’opera e i tempi di completamento

“I lavori sono attualmente realizzati all’80 per cento circa”, fa presente l’ingegnere Vicari, stimando il completamento “entro il 2021”. Quanto agli effetti per i veicoli, non c’è molto da fare. “Trattandosi per lo più di opere fognarie da realizzare lungo le vie cittadine – dice Vicari – ovviamente tutte le aree di cantiere lungo il percorso delle condotte fognarie da realizzare hanno interessato, interessano e interesseranno la viabilità provocando disagi più o meno evidenti”. Anche il tratto di collettore denominato ‘Sturzo’, “seppure realizzato con la tecnica del microtunnelling proprio per ridurre l’impatto sulla viabilità interessata, ha comportato e tuttora comporta alcune importanti interferenze con la circolazione stradale in corrispondenza dei pozzi di spinta e di uscita dei tratti di microtunnell”.

L’ingegnere del Comune fa riferimento a quattro pozzi in particolare: si trovano all’incrocio fra via Roma e via Emerico Amari, all’incrocio fra via 
Roma e via Francesco Guardione, all’incrocio fra via Guardione e piazza XIII Vittime, e infine in via Fratelli Cianciolo. Vicari stima anche i tempi specifici di conclusione dei lavori in via Roma, ‘ostaggio’ di cantieri che da anni creano malcontento fra residenti e commercianti. “La chiusura dei pozzi A e B, che interferiscono con la viabilità di via Roma, dovrebbe essere ultimata entro giugno 2021”, dice. Poi ricorda che “in ogni caso le necessarie deviazioni del traffico veicolare vengono di volta in volta opportunamente regolate per mezzo di apposite ordinanze”.

Il Collettore fognario nel dettaglio: le parti principali

Ecco le ‘pietre angolari’ dell’opera: si parte con la ‘Condotta premente Porto’ che va dal porto industriale al ‘Collettore Sturzo’; quest’ultimo, che è il tratto realizzato in microtunnell menzionato da Vicari, va dall’incrocio fra
via Roma e via Amari fino a via Francesco Crispi (all’altezza di via Fratelli Cianciolo). Altra opera cruciale è il potenziamento dell’impianto di sollevamento ‘Porta Felice’, col raddoppio della condotta premente che questo impianto recapita i reflui al Collettore Sud-Orientale e quindi al depuratore di Acqua dei Corsari. Per finire ecco la vasca di pioggia ‘Foro Italico’, per consentire una maggiore diluizione degli scarichi in mare 
delle acque reflue in caso di eventi metereologici intensi.

Quali e dove sono gli interventi in atto

Al momento sono diversi i lavori in corso in città: la realizzazione del Collettore Sturzo (tratto in microtunnel) dal pozzo fra via Roma e via Amari fino al pozzo fra via Roma e via Guardione; l’intercettazione dei collettori fognari Cavour-Roma verso il recapito al pozzo Roma-Guardione); il completamento e la copertura del pozzo fra via Guardione e via Crispi. E poi ancora l’attraversamento della linea del tram fra via Canzio e via Amedeo D’Aosta, con completamento del tratto del collettore via D’Aosta-Corso dei Mille; il completamento dell’attraversamento del ‘Collettore Molo’ (via Domenico Scinà-largo Edoardo Alfano); e per finire, il completamento della vasca di pioggia ‘Foro Italico’.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Non credo sarà così!!

    ma ci dobbiamo credere?!! guardate che siamo a palermo….

    Giugno di quale anno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.